Lagerstroemia indica

vedi anche: Lagerstroemia

Generalità su lagerstroemia indica

Lagerstroemia indica è un piccolo albero, originario dell'Asia, non supera gli otto metri di altezza, il fusto è eretto, la chioma tondeggiante e non troppo densa. Può sviluppare più tronchi paralleli assumendo un portamento arbustivo. Fiorisce in estate, la fioritura è spettacolare, da giugno a settembre produce, alla sommità dei rami, delle vistose pannocchie di fiori, il colore va dal bianco al rosso porpora passando per tutte le tonalità. Al di fuori della fioritura è comunque una pianta molto decorativa. In primavera è una delle ultime piante a germogliare. In autunno le foglie virano al giallo prima di cadere, in autunno e inverno, nei soggetti adulti, la corteccia si sfalda creando un effetto molto decorativo. Molto rustica resiste bene al freddo e alla siccità, può essere coltivata praticamente in qualsiasi zona d'Italia, con la sola esclusione delle zone montane più fredde. Molto diffuso nei giardini è utilizzato anche nei parchi e nelle alberature stradali.
esemplari di Lagerstroemia indica in piena fioritura

Vivai Le Georgiche LAGERSTROEMIA INDICA RED IMPERATOR

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€


La coltivazione di lagerstroemia indica

particolare della fioritura di Lagerstroemia indica Lagerstroemia indica è di facile coltivazione, in vivaio la troviamo in vaso o con le radici in un pane di terra, va messa a dimora all'inizio della primavera. Può essere coltivata anche in vaso in terrazzo o in un balcone. Non teme il freddo e sopporta bene il caldo estivo, può essere coltivata in tutta la penisola, con la sola esclusione delle zone montane più fredde. Gli alberi messi a dimora da tempo, di solito, non hanno bisogno di annaffiatura, nel caso di esemplari più giovani può essere necessaria nei mesi più caldi, va evitata la presenza di ristagni d'acqua. Si adatta a tutti i tipi di terreno anche se preferisce quelli argillosi e calcarei ricchi di sostanza organica. Ama l'esposizione al pieno sole ma si adatta anche alla mezz'ombra. La potatura, nei primi anni servirà a dare la forma desiderata, se vogliamo un portamento ad alberello dovremmo eliminare tutti i germogli nella parte bassa del tronco, se vogliamo un portamento ad arbusto, dovranno essere lasciati crescere anche molti rami alla base del tronco.

    Vivai Le Georgiche Lagerstroemia Indica Blanc

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€


    Riproduzione e moltiplicazione di lagerstroemia indica

    esemplare di Lagerstroemia indica a portamento arbustivo Lagerstroemia indica si può riprodurre da seme o moltiplicare da talea legnosa. Per la riproduzione i semi, raccolti a fine estate andranno, nella primavera successiva, seminati in vaso, riempito con terriccio torboso misto a sabbia. Tenuti costantemente umidi dovrebbero germinare in un mese. Le piantine dovranno rimanere in vaso per i primi tre anni, in seguito potranno essere messe a dimora in piena terra. Per ottenere un esemplare di buone dimensioni saranno necessari parecchi anni. In alternativa possiamo utilizzare la talea, in estate tagliamo dei rametti lunghi circa 15 cm, privati delle foglie alla base andranno piantati in vasetti riempiti di terriccio torboso misto a sabbia, la base del rametto può essere intinta in polveri a base di ormoni radicanti. Le piantine andranno tenute in vaso per almeno due tre anni, poi potranno essere messe a dimora in piena terra.


    Lagerstroemia indica: Malattie e avversità di lagerstroemia indica

    foglia attaccata dagli afidi Lagerstroemia indica è una pianta molto rustica e robusta, di solito non richiede particolari cure, ma può essere attaccata dagli afidi e foglie e i fiori possono essere colpiti da oidio. L'oidio chiamato anche mal bianco è una malattia provocata da un fungo che forma un pulviscolo biancastro. Provoca una decolorazione della foglia che successivamente necrotizzano, si combatte con prodotti a base di zolfo, che possiamo trovare nei negozi specializzati. Gli afidi chiamati anche pidocchi delle piante sono dei piccoli insetti che attaccano le foglie per succhiare la linfa. Oltre ad indebolire la pianta, secernono una sostanza zuccherina la melata che rende appiccicose le foglie. La melata oltre ad attirare altri insetti favorisce lo sviluppo di una muffa grigia. Possono essere combattuti con prodotti a base di rame.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO