Albero quercia

Albero quercia: caratteristiche generali

L’albero di quercia è un esemplare rustico appartenente alla famiglia delle Fagacee. Esso si può osservare in parte in tutto il globo terrestre. Questo è dovuto al semplice fatto che, in natura esistono due tipologie principali di quercia: la decidua e la sempreverde. La prima specie si può trovare nelle zone collinari, montane e oltre i 1200 metri d’altitudine. La seconda specie si trova nelle aree del Mediterraneo. L’albero della quercia comprende circa 500 esemplari, i quali possiedono tutti le medesime caratteristiche base quali, chioma, struttura del fusto, dimensioni medie etc. inoltre, questi esemplari sono resistenti a ogni ambiente climatico, agente atmosferico e non richiede tecniche colturali specifiche. Il legno di quercia è molto richiesto perché è molto duro e resistente, tuttavia viene utilizzato solo quello degli esemplari che hanno almeno un secolo di vita in quanto il fusto arriva a maturazione e quindi utilizzabile per la realizzazione di mobili, altri complementi d’arredo etc.
Albero quercia coltivato in piena terra

$ 1,22 Ottieni il 30 giapponesi semi di albero bonsai di pino e 5 rari semi di quercia bonsai solo il venerdì nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Albero quercia: coltivazione

Albero quercia L’albero di quercia presenta una chioma dalla forma tipicamente tondeggiante e un fusto liscio e grigiastro negli esemplari giovani, mentre è semi-rugoso negli esemplari di una certa età. Il fogliame presenta una forma lobata e di forma variabile, i margino sono tondeggianti e di un verde scuro e lucido; durante la stagione autunnale, le foglie degli esemplari caducifoglie, iniziano a diventare arancioni e gialle fino alla caduta. Il seme è molto particolare in quanto sembra essere contenuto all’interno di una coppa legnosa di colore chiaro; il nome del frutto è ghianda. Questi ultimi possono essere utilizzati per la riproduzione della quercia. Avendo vita breve, occorre seminarli subito in dei vasi, si terriccio deve essere ben umido e mai asciutto; dopo circa due mesi, la piantina può essere messa all’aperto, e solo dopo circa 2 anni, essere messa a dimora in piena terra.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Fiori di Pesco Il pesco è originario della Cina, dove tutt’ora lo si può ancora rinvenire allo stato spontaneo. Alessandro Magno, in seguito alle sue spedizioni contro i Persiani, portò il pesco in Grecia, mentre i ...
  • Pianta di Susino con frutti Il susino appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Prunus; le specie più importanti sono il susino europeo e quello giapponese.Il susino e...
  • Piantina di Fragola con frutti La fragola appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Fragaria, il quale comprende diverse specie: la fragolina di bosco (Fragaria vesca), Fragaria virdis, adatta in terreni calcarei, Fragari...

Axtschlag fumo pasto Quercia 1 kg, 100 G01 M0500 V, Multi, 36,5 x 14,5 x 10 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,29€


Albero quercia: tecniche colturali

Albero quercia Come affermato già in precedenza, l’albero di quercia, essendo un esemplare rustico è in grado di adattarsi a qualsiasi tipo di ambiente, terreno, clima, temperature etc. per quanto riguarda il terriccio, la quercia predilige un terreno profondo in modo tale da poter sviluppare a pieno il proprio apparato radicale, ricco di sostanze nutritive, ben drenato e un’ottima umidità dell’ambiente esterno. Oltre al fatto che resiste a tutte le condizioni climatiche, la quercia riesce a vivere e crescere sia in ambienti freddi ma anche a temperature elevate, come la zona padana e gli ambienti cittadini durante la calda stagione estiva. Per quanto riguarda l’esposizione, quest’albero rustico preferisce essere sistemato in un ambiente ben ventilato e in pieno sole.


Albero quercia: parassiti e malattie

Albero quercia Difficilmente l’albero della quercia viene aggredito da parassiti e da malattie importanti, soprattutto se si parla di esemplari adulti e secolari. Se invece si possiede un giovane esemplare di quercia, occorre fare attenzione principalmente a: processionaria, cipinidi, ruggine e oidio. La processionaria è un lepidottero che, dallo stato larvale danneggia la chioma della quercia provocando ingenti danni. Le larve di hanno delle mandibole molto resistenti e delle sostanze urticanti, le quali in brevissimo tempo provocano la caduta del fogliame e danni irreparabili ai rami. La distruzione di questo esemplare è indispensabile perché oltre a distruggere la quercia, realizza sulla stessa dei nidi per ospitare la generazione successiva. Il cipinide è un imenottero che provoca dei danni a livello del fogliame: esso punge le foglie sulle quali si forma una sorta di protuberanza ricca di tannino. Infine, i giovani esemplari di quercia possono essere aggrediti dalla ruggine e dall’oidio. Entrambi sono provocati da funghi; i primi presentano delle macchie tendenti al nero sulla parete fogliare; i secondi creano macchie bianche sia sulle foglie e sia sui germogli.




COMMENTI SULL' ARTICOLO