Bagolaro

Quando e quanto irrigare il bagolaro

La specie di piante Celtis australis è più comunemente nota con il nome di Bagolaro. Questi vegetali sono tipici del bacino del mediterraneo e non richiedono eccessive cure per crescere anche 20 metri in altezza. Questa tipologia di alberi non ha bisogno di irrigazioni regolari e frequenti. In autunno e in inverno, sono sufficienti le piogge stagionali e con l'arrivo della primavera le innaffiature devono essere dispensate una volta ogni due settimane. In estate, in base ai contesti di coltivazione le annaffiature possono essere settimanali, soprattutto nei mesi più caldi di luglio e agosto. Gli alberi di Bagolaro non temono i lunghi periodi siccitosi, ma per assicurare una crescita sempre rigogliosa è bene non fare mancare il corretto apporto idrico, indispensabile per uno sviluppo continuo.
Albero bagolaro

Celtis australis (Romiglia - Bagolaro), 150 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 51,75€
(Risparmi 5,75€)


Come prendersi cura del bagolaro

Albero bagolaro Gli esemplari di Bagolaro non hanno molte esigenze colturali, per questo spesso vengono impiegati per ornare viali e parchi cittadini. Si tratta di una specie ideale anche per i meno esperti e si adatta a contesti territoriali impervi e aridi. Infatti, non temono i terreni sassosi, calcarei e poco fertili, mentre risentono delle condizioni climatiche eccessivamente fredde e gelide. Ad ogni modo, il substrato ideale è composto da terriccio e sabbia grossolana, che garantisce il corretto drenaggio delle irrigazioni. Al momento della messa a dimora è importante scegliere un luogo abbastanza ampio dove posizionare gli alberi di Bagolaro tenendo in considerazione lo spazio da lasciare allo sviluppo dell'apparato radicale. La potatura è necessaria solamente per eliminare i rami secchi e danneggiati.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

Hot! 50 pz Albizia julibrissin albero semi di fiore cinese di Charme Semi Bonsai piante per giardino all'ingrosso Prezzo Libero Shipp

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,58€


Quando e come concimare l'albero

Albero spaccasassi Le piante giovani di Bagolaro hanno bisogno di concimazioni periodiche, soprattutto al momento della piantumazione. Infatti, è consigliabile mescolare al terreno, prima della messa a dimora, una buona dose di stallatico maturo. In questo modo, si facilita il processo di attecchimento, rifornendo i vegetali di tutte le sostanze nutritive necessarie per una crescita veloce. Gli alberi già adulti sono molto più autonomi, ma se gli esemplari vivono in un contesto ambientale molto povero e arido è importante dispensare, in alcuni periodi dell'anno, del concime granulare a lenta cessione ricco dei principali macroelementi. Per scegliere gli appositi prodotti e le soluzioni più indicate per la coltivazione del Bagolaro, è consigliabile rivolgersi sempre presso i vivai oppure i rivenditori specializzati.


Bagolaro: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Spaccasassi pianta Gli alberi di Bagolaro possono crescere senza troppe difficoltà a mezz'ombra. Tuttavia, l'esposizione ideale per questo genere di piante a foglia caduca è ben soleggiata e molto luminosa. Infatti, è necessario garantire quotidianamente una quantità di luce sufficiente per lo sviluppo di foglie e rami. In generale, questa tipologia di vegetali viene considerata molto resistente agli attacchi parassitari e alle malattie di origine fungina. Se non viene assicurato il corretto drenaggio delle irrigazioni le radici possono risentirne, portando all'asfissia radicale e al conseguente deperimento degli esemplari di Bagolaro. Per evitare questa pericolosa eventualità, è indicato controllare lo stato del substrato, avendo cura di garantire un suolo sempre molto ben drenato e privo di depositi d'acqua.



COMMENTI SULL' ARTICOLO