Salice albero

Come coltivare correttamente un albero di salice

Coltivare un albero di salice è in definitiva piuttosto semplice: sono piante resistenti, che non hanno bisogno di cure particolari. Necessitano di un terreno ben nutrito e molto umido, infatti crescono spontaneamente lungo gli argini dei fiumi o sulle rive dei laghi, ma, essendo piante rustiche si adattano bene anche in altri ambienti e hanno un'ottima capacità di sopravvivere. Proprio per la sua conformazione strutturale, non necessita di potature: queste possono però rendersi necessarie per proteggerli dalle intemperie, per rafforzarne e rinfoltirne la chioma, e anche in caso di attacchi parassitari. La potatura del salice è un lavoro delicato, che è meglio lasciare alle mani degli esperti. Nel caso in cui i rami arrivino a toccare terra, è possibile interventire con dei sostegni da applicare ai rami stessi.
Rami di salice

Albero luminoso LED illuminazione esterno e interno LEDWB240 Salice piangente, Luci LED con 240 foglie altezza 1,80cm colore bianco caldo decorazione illuminata a LED per uso Giardino, Terrazza, Balcone o Casa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 89,95€


I diversi utilizzi pratici della pianta di salice

Ceste realizzate in vimini L'albero di salice è innanzitutto utilizzabile come pianta ornamentale e decorativa di grande impatto nei giardini. Inoltre, data la caratteristica flessibilità dei suoi rami, è particolarmente utilizzata per le lavorazioni artigianali di intreccio di vimini. Dai suoi rami, potati in inverno, si possono ricavare intrecci artistici per realizzare ceste, rustiche o più raffinate, borse, oggettistica per la casa e pezzi da arredamento di vario tipo. Lo si può usare sia con la corteccia sia senza. Prima di essere lavorato, necessita di tempi di ammollo che possono essere più o meno lunghi a seconda se la corteccia è stata tolta oppure no. I rami più sottili e flessibili possono essere usati nella coltivazione della vite, per legarne i tralci. I suoi rami offrono anche un'ottima legna da ardere.

    Salice Willow - Albero Artificiale da Arredo con Tronchi Veri - Alto 175 cm

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 167,99€


    L'uso medicinale e terapeutico della pianta di salice

    salice La corteccia di salice contiene sostanze preziose per il nostro benessere. Per poter estrarre queste sostanze, l'albero di salice deve avere almeno due o tre anni. Le sostanze estratte dalla corteccia di salice sono efficaci contro i dolori reumatici e hanno capacità analgesiche in generale. Sono utili inoltre contro gli spasmi muscolari di varia origine e aiutano ad abbassare la febbre e a lenire i sintomi dell'influenza. Il principio attivo utile è la salicina, che viene usata in preparati farmaceutici e fitoterapici. Come qualsiasi tipo di medicazione, anche i principi attivi estratti dalla corteccia del salice devono essere assunti solo dietro prescrizione e controllo del medico, perché possono generare effetti collaterali seri.


    Salice albero: Storie e leggende intorno all'albero del salice

    Particolare di un albero di salice Le piante di salice piangente, amando i terreni umidi, nascono spesso sugli argini dei fiumi: un'antica credenza vuole che questi fiumi siano stati generati dalle lacrime di queste piante, dette piangenti per via della caratteristica forma. Per il popolo ebraico invece il salice era legato all'acqua e alla pioggia. Per gli antichi Greci, il salice si legava in qualche modo al ciclo della vita, della morte, e della vita dopo la morte: questo perché è in grado di rigenerare rapidamente i suoi rami rotti o potati. Il suo legame con il mondo dei morti emerge dal mito di Odisseo, che nelle sue avventure va a cercare l'ingresso degli inferi in un bosco di salici, e anche dal mito di Orfeo ed Euridice, quando il primo cerca di attrarre il secondo nell'aldilà sorreggendo un rametto di salice.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO