Muscari

Bulbi selvatici

Per tutti gli amanti dei fiori e delle piante naturali, i muscari sono dei bulbi imprescindibili: facili da coltivare e presenti sul territorio italiano anche come generazione spontanea, i muscari sono bulbi che danno vita a fiori di piccole dimensioni e dal colore intenso nelle diverse declinazioni del blu e del lilla. I muscari appartengono alla famiglia delle Liliaceae e sono presenti in circa sessanta specie diverse, accomunate per la natura bulbosa e per la produzione di piccoli fiori raggruppati in fitte infiorescenze. Le foglie sono invece stiliformi, molto sottili ed allungate, e la pianta, in generale, conserva dimensioni molto ridotte: si tratta di bulbi ideali per decorare spazi non troppo ampi, oppure aree nelle quali faranno da cornice ad altri fiori o elementi di maggiore richiamo visivo, o ancora per decorare l'interno dell'abitazione: delicati ma dal colore intenso e di grande eleganza nelle forme, i muscari sono i fiori perfetti per chi sa fermarsi ad apprezzare anche le più piccole bellezze. La loro eleganza non conosce confini: al contrario di molte altre bulbose, dal carattere annuale, i muscari possono essere coltivati come piante annuali ma, in realtà, sono piante perenni con fioritura che può avere origine già a febbraio, per protrarsi poi per tutta la bella stagione.
Muscari

Humphreys Garden Muscari Armeniacum x 100 Bulbs bulbi da fiore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,61€


Coltivazione

MuscariLa coltivazione dei muscari è semplice perché si tratta di piante decisamente resistenti e adatte alla coltivazione nel territorio italiano, dove possono essere trovate anche come vegetazioni spontanee. I muscari resistono anche alle basse temperature e non temono quindi nemmeno gli inverni più rigidi: la coltivazione può avvenire quindi in vaso, oppure direttamente nel terreno senza troppi rischi per la pianta. La collocazione dovrà però essere valutata sulla base dell'esposizione solare: per fiorire a dovere, i muscari richiedono molte ore di sole al giorno. Le differenze sono evidenti nell'aspetto della pianta, che se posizionata in un luogo non sufficientemente soleggiato produrrà molte foglie, ma pochissimi fiori. La fioritura sarà inoltre favorita dalla coltivazione di un terreno idoneo, ovvero ricco di materia organica e ben drenante: la pianta, infatti, non gradisce il ristagno idrico, quindi è meglio provvedere ad innaffiature regolari e frequenti, piuttosto che abbondanti. La fioritura avviene solitamente da maggio in poi e sarà favorita dall'annaffiatura costante, anche se più rada rispetto al periodo estivo, anche nei mesi invernali caratterizzati dal riposo vegetativo. Per una fioritura ottimale, quindi, è consigliabile prendersi cura del bulbo durante tutto l'anno, senza pause a meno che non sia giunto il momento di operare un rinvaso, per dare alla pianta tutto lo spazio e il terreno sufficiente a crescere. Il tutto verrà poi ulteriormente favorito da una concimazione regolare, da effettuarsi ogni 15 o 20 giorni circa.

  • Foto aglio L’aglio appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie sativum. È una pianta erbacea perenne, ma coltivata come annuale, alta fino a 70-80 cm, con un caule cilindrico, verde ...
  • Foto aglio orsino L’aglio orsino appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie orsinum. È una pianta erbacea perenne, con un portamento assurgente, bulbosa, alta 20-40 cm; il bulbo è bianco...
  • Foto di Alium cepa La cipolla appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Allium ed alla specie cepa. È una pianta erbacea biennale, ma coltivata come annuale. Lo stelo, detto anche disco o girello, si trova sott...
  • bulbi Il bulbo non serve solo alla riproduzione ( non sessuata) di queste particolari tipologie di specie vegetali, ma anche a dare nutrimento e protezione da condizioni climatiche particolarmente difficili...

Humphreys Garden Muscari Armeniacum x 50 Bulbs bulbi da fiore

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,08€


Riproduzione

Muscari La riproduzione dei muscari, come del resto quella di tutti gli altri bulbi, è molto semplice: essa avviene tramite la divisione dei bulbilli che si formano, nel corso del periodo di crescita e fioritura, attorno al bulbo principale. Sarà sufficiente separare i bulbilli, conservarli in un luogo fresco e asciutto oppure provvedere subito alla messa a dimora nel terreno, con l'arrivo della bella stagione. Anche i bulbi principali possono essere utilizzati con carattere annuale e possono essere rimossi dal terreno per tutto il periodo invernale, concedendo loro un po' di riposo, per essere poi messi a dimora nel terreno nuovamente con l'arrivo della primavera. I bulbilli invece si consiglia di metterli a dimora in autunno, lasciando loro tutto il tempo per crescere e svilupparsi. La separazione del bulbo principale dovrà essere effettuata facendo attenzioni a non provocare eccessive ferite che si rimarginerebbero con fatica, lasciando via libera ad infezioni e attacchi parassitari. Per la stessa ragione si dovrà fare attenzione ad utilizzare sempre strumenti sterili.


Muscari: Parassiti e malattie

I muscari sono piante particolarmente resistenti all'attacco dei parassiti e funghi, come del resto spesso accade alle piante selvatiche e coltivate nella loro zona d'origine, ma questo non significa che siano totalmente immuni e al riparo da qualsiasi pericolo. Il principale elemento di rischio per i muscari è costituito dai ristagni idrici: per questo il terreno deve essere scelto in modo accurato e deve essere ben drenante, per evitare che l'acqua di innaffiatura su fermi in superficie per lungo tempo. L'acqua eccessiva potrebbe far marcire le radici, ma questo non è l'unico rischio: un ambiente e un terreno eccessivamente umidi possono essere un terreno fertile anche per le muffe, che possono attaccare con relativa facilità la pianta provocandone la morte. Per quanto riguarda i parassiti e i funghi, la cura passerà attraverso l'utilizzo di prodotti specifici a seconda del tipo di organismo infestante, mentre nel caso delle muffe la lotta è più complessa: da qui si evince l'importanza fondamentale della prevenzione, per evitare alla base che il problema si sviluppi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO