Zantedeschia Aethiopica

Zantedeschia aethiopica, generalitÓ

Zantedeschia aethiopica Ŕ il nome scientifico della Calla, una pianta appartenente alla famiglia delle Araceae, originaria delle zone umide dall'Africa centro-meridionale. Si tratta di una pianta perenne rizomatosa, manca il fusto infatti le foglie nascono direttamente dal rizoma sotterraneo. Le foglie sono verde scuro, portate da lunghi piccioli, possono essere lunghe fino a 45 cm e larghe 35 cm, complessivamente questa pianta pu˛ raggiungere un metro di altezza. Quello che comunemente si chiama fiore, in realtÓ Ŕ una foglia modificata, una brattea, che prende il nome di spata di colore bianco, il fiore, anzi l'infiorescenza Ŕ l'asta gialla al centro della spata, che prende il nome di spadice, porta i fiori femminili nella parte basse e quelli maschili nella parte alta. Le infiorescenze vengono prodotte tra la fine dell'inverno e l'inizio dell'estate.
Esemplari di Zantedeschia aethiopica in piena fioritura

Closer to Nature artificiale 4ft Calla Lily Plant - seta artificiale Impianti e Albero Gamma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 58,57€
(Risparmi 1,18€)


Zantedeschia aethiopica, coltivazione

Infiorescenza di Zantedeschia aethiopica Zantedeschia aethiopica pu˛ essere coltivata sia in vaso che in piena terra, ama le posizioni luminose ma non l'esposizione diretta ai raggi del sole. Si tratta di una pianta poco rustica, la temperatura minima deve essere superiore ai 5░C. Richiede un terreno molto umido e ricco di humus, pu˛ essere utilizzato un terriccio ricco di torba mescolato a sabbia. Le annaffiature, a partire dall'inizio del periodo vegetativo, dovranno essere numerose. Si deve aver cura di mantenere sempre il terreno bagnato. Se coltivate in vaso, si dovrÓ utilizzare un sottovaso, avendo cura di tenerlo sempre pieno d'acqua. Le annaffiature andranno ridotte quando le foglie cominceranno ad appassire, fino a sospenderle del tutto durante il periodo estivo. Queste necessitÓ sono legate al fatto che la pianta Ŕ originaria di zone umide dell'Africa centro-meridionale, zone che in alcuni periodi dell'anno si asciugano completamente, per poi ridiventare ricche d'acqua.

  • Zantedeschia Rehmannii In commercio ci sono molti tipi di calle, che di solito derivano da incroci tra calle diverse e che sono da appartamento. A differenza di quelle da esterno temono le gelate, perci˛ non possono essere ...

CROCUS Kennel Villa, 60 x 50 x 41 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,19€
(Risparmi 7,63€)


Zantedeschia aethiopica, messa a dimora e moltiplicazione

Esemplari di Zantedeschia aethiopica coltivati vicino ad una fonte d'acqua Zantedeschia aethiopica si rinvasa a settembre, i rizomi vanno posti a circa 5 cm di profonditÓ, utilizzando vasi con un diametro di 15 - 20 cm. Dal momento in cui compaiono i boccioli, e fino al temine della fioritura, concimare una volta alla settimana utilizzando del concime liquido. Alla fine del periodo periodo vegetativo, che corrisponde con la fine della fioritura, quando le foglie cominciano ad ingiallire, si sospendono le annaffiature e si mettono a riposo i rizomi. Possono essere lasciati nel vaso oppure possono essere tolti e conservati in un luogo fresco ed asciutto. Andranno conservati per almeno due mesi. A settembre, al momento del rinvaso, possiamo anche procedere alla divisione dei rizomi, per ottenere nuovi esemplari o per evitare che le piante crescano troppo. Nella divisione dobbiamo fare attenzione, i nuovi rizomi devono contenere almeno una o due gemme, andranno messi a dimora nello stesso terriccio utilizzato per le piante adulte.


Zantedeschia Aethiopica: Zantedeschia aethiopica, parassiti

Zantedeschia aethiopica particolare dell'infiorescenza Zantedeschia aethiopica pu˛ essere attaccata dal ragnetto rosso e dalla cocciniglia cotonosa. Il ragnetto rosso Ŕ un acaro dalle dimensioni molto piccole, inferiori al mezzo millimetro. Un clima caldo e secco Ŕ l'ambiente ideale per il suo sviluppo. Si manifesta con la presenza di una ragnatela scura sulla pagina inferiore delle foglie, possiamo prevenire la sua comparsa aumentando l'umiditÓ ambientale e nebulizzando acqua sulle foglie. Si combattono utilizzando prodotti acaricidi. La cocciniglia cotonosa Ŕ un altro parassita che pu˛ attaccare queste piante, in presenza di un clima caldo e secco. Vanno asportate e la pianta va trattata con un prodotto anticoccidico, in alternativa possiamo strofinare, con dell'alcool diluito in acqua, le parti della pianta colpite, anche per prevenire questo parassita Ŕ necessario elevare l'umiditÓ ambientale.



COMMENTI SULL' ARTICOLO