Ortensie coltivazione

vedi anche: Ortensia

L'Ortensia

L'Ortensia è una pianta originaria della Cina e del Giappone giunta in Europa fra il 1766 e il 1769 grazie al naturalista Philibert Commerson. Esistono diverse specie di ortensie molto diffuse nelle regioni orientali dell'Asia e dell'Himalaya. L'Ortensia è una pianta legnosa a carattere arbustivo che presenta infiorescenze particolari dalla forma più o meno sferica. Fra le varie tipologie di questa pianta vi sono specie che presentano infiorescenze dalla forma di globo con fiori dai colori che variano fra il bianco, il rosa, il rosso oppure l'azzurro. Esistono altre specie che mostrano ramificazioni sottili con piccole infiorescenze bianche che si presentano a forma di alberello o di cespuglio. L'Ortensia è in grado di cambiare il colore dei fiori in base alla variazione di acidità del terreno.
Ortensia

OSMOCOTE A LENTA CESSIONE (6 MESI) SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DELLE PIANTE ACIDOFILE IN CONFEZIONE DA 750 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Coltivazione dell'Ortensia

Ortensia bianca L'Ortensia per riuscire a crescere adeguatamente ha necessità di un clima mite, con temperature non troppo elevate e con una buona umidità e piovosità. L'Ortensia teme il caldo e non deve essere sistemata direttamente al sole, questo provocherebbe, infatti, l'ingiallimento delle foglie, quindi si deve sistemare in una zona d'ombra. Da evitare anche il freddo intenso e il gelo che rovinerebbero le foglie e le radici. Il terreno adatto per la coltivazione dell'Ortensia deve essere di medio impasto, mescolato con una buona quantità di torba o letame per aumentarne la fertilità. Nel terreno devono essere anche mescolati ghiaia o sassolini per migliorare il drenaggio ed evitare pericolosi ristagni di acqua. Prima di procedere si dovrebbe vangare in profondità in modo da arieggiare adeguatamente il terreno.

  • ortensie Non sono proprio delle piante da vaso, piuttosto occorre dire che sono adatte ad essere coltivate a pieno campo e ad essere ammirate all’esterno, magari in giardino. Nulla vieta di piantarle per la p...
  • L'ortensia Impossibile resistere al fascino delle ortensie: gli arbusti raggiungono grandi dimensioni e premiano ogni amante del giardinaggio con ampie infiorescenze sferiche dai colori sgargianti e dall'intenso...
  • ortensia L’ortensia è una pianta dal fascino intramontabile. Circondata da un alone romantico, per via delle sue origini e della sua storia, l’ortensia è anche particolarmente apprezzata per la bellezza dei su...
  • Un cespuglio di ortensia quercifolia in fiore Della famiglia delle Hydrangee, l'ortensia quercifolia nasce spontanea nelle aree del Nord America e viene chiamata così per la singolare forma della foglia, appunto molto simile a quella delle querce...

FONDOLINFA ORTENSIE TERRICCIO PRONTO ALL'USO PER ORTENSIE E TUTTE LE PIANTE ACIDOFILE IN GENERE CONFEZIONE DA 10 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,5€


Terreno ideale per la coltivazione dell'Ortensia

Ortensia Il terreno di coltivazione dell'Ortensia dovrebbe essere almeno neutro, anche se quello ideale per avere una buona infiorescenza dovrebbe essere acido. Quindi in base alla tipologia di terreno si dovrebbero scegliere specie differenti, quindi per terreni poco acidi sarebbe meglio coltivare piante di colore rosa o rosso, oppure scegliere il bianco. La tipologia azzurra andrebbe coltivata solo ed esclusivamente se il terreno ha il corretto pH acido, infatti necessitando di abbondanti irrigazioni sarebbe difficile mantenere l'acidità del terreno anche aggiungendo sali di alluminio, perché se l'acqua fosse calcarea ridurrebbe comunque l'acidità del terreno. Per iniziare la coltivazione si deve scavare il terreno per una dimensione doppia della dimensione delle radici della pianta.


Ortensie coltivazione: Cura dell'Ortensia

Ortensia rosa L'Ortensia necessita di moltissima acqua, soprattutto nella stagione estiva, infatti a partire da giugno si dovrebbe innaffiare quotidianamente con 8 litri di acqua, evitando comunque di esporre la pianta direttamente al Sole per evitare che le foglie possano seccarsi. Per migliorare la fioritura della pianta, sarebbe opportuno provvedere ad una buona concimatura a marzo, in caso di terreno alcalino o neutro si dovrebbe spargere sul terreno, in inverno, una soluzione a base di solfato di ferro. La potatura dovrebbe essere fatta con attenzione per non rovinare la fioritura e dovrebbe essere effettuata in primavera. La potatura ideale è quella che elimina solamente i rami vecchi o quelli poco vigorosi. I rami che hanno prodotto fiori nell'anno precedente dovrebbero essere solamente spuntati.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO