Ortensie rampicanti

vedi anche: Ortensia

Caratteristiche generali

Le ortensie rampicanti sono degli esemplari vegetativi originari delle regioni della Cina e del Giappone e appartenenti alla famiglia delle Hydrangeaceae. Questi esemplari sono conosciuti anche con i nomi di Hydragea anomala petiolaris e Hydragea scadens. La loro caratteristica principale è quella di sviluppare delle radici aeree capaci di aggrapparsi a pietre, alberi e altre tipologie di supporto. In linea di massima raggiungono dimensioni massime di circa 7 metri, anche se è possibile trovare esemplari di circa 10 metri d’altezza. Le ortensie sono dei rampicanti a crescita lenta che non necessitano di cure colturali particolari; hanno solo bisogno della giusta temperatura climatica e di un po’ di spazio per potersi sviluppare al meglio in lunghezza e in profondità. Le ortensie rampicanti, durante la stagione estiva danno vita a delle infiorescenze di colore bianco-panna che crescono a forma di ombrello. Esse sono adornate da un fogliame lucido e verde acceso.
Ortensia rampicante

1 PIANTA DI ORTENSIA HYDRANGEA SCHIZOPHRAGMA MOONLIGHT VASO 17CM Rampicanti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,9€


Coltivazione

Infiorescenze ortensie rampicanti Come affermato in precedenza, le ortensie rampicanti non hanno esigenze colturali specifiche. Possono essere coltivate sia in pieno sole, in un ambiente semiombreggiato e sia in piena ombra. Non temono il freddo, e se ben preparate riescono a sopravvivere anche ai periodi invernali durante i quali le temperature scendono sotto lo zero. Si adattano a qualsiasi tipo e conformazione del terreno, anche se prediligono un terriccio composto di torba, argilla, ricco di humus e ben drenato. La messa a dimora delle ortensie rampicanti deve avvenire durante la stagione primaverile e autunnale. Si propagano per propaggine, talea o seme. Possono essere coltivate sia in piena terra e sia in vasi di grandi dimensioni, in modo tale da agevolare lo sviluppo dell’apparato radicale.

  • Pianta di Albicocco con frutti L'albicocco è una pianta originaria della Cina nord-orientale al confine con la Russia; la sua presenza data più di 4000 anni di storia. Da lì si estese lentamente verso ovest attraverso l'Asia centra...
  • Fiori di Pesco Il pesco è originario della Cina, dove tutt’ora lo si può ancora rinvenire allo stato spontaneo. Alessandro Magno, in seguito alle sue spedizioni contro i Persiani, portò il pesco in Grecia, mentre i ...
  • Pianta di Susino con frutti Il susino appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pruniodee, o Drupacee, ed al genere Prunus; le specie più importanti sono il susino europeo e quello giapponese.Il susino e...
  • Piantina di Fragola con frutti La fragola appartiene alla famiglia delle Rosacee ed al genere Fragaria, il quale comprende diverse specie: la fragolina di bosco (Fragaria vesca), Fragaria virdis, adatta in terreni calcarei, Fragari...

1 PIANTA ORTENSIA HYDRANGEA ANOMALA PETIOLARIS VASO 13CM Rampicante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Annaffiatura e concimazione

Ortensia rampicante Le ortensie rampicanti non necessitano di annaffiature rigorose, soprattutto se la coltivazione è avvenuta in piena terra. Da questo si evince che le annaffiature non devono essere frequenti, ed essere alternate all'acqua assorbita durante le piogge. Riguardo agli esemplari coltivati in vaso, avendo a disposizione una quantità limitata di terriccio, e quindi impossibile per le radici andare alla ricerca di zone più fresche, umide e ricche di sostanze nutritive. In linea generale, le annaffiature delle ortensie rampicanti dipendono principalmente dalla zona climatica, dalla piovosità e dalla stagione. La concimazione deve avvenire tra la fine dell’autunno e l’inizio dell’inverno, disponendo alla base della pianta del concime a lenta cessione. Durante lo sviluppo vegetativo (marzo-settembre) si miscela all'acqua delle annaffiature del concime liquido a base di potassio e fosforo.


Ortensie rampicanti: Potatura

Ortensie rampicantiLa potatura delle ortensie rampicanti può essere praticata o durante la stagione autunnale o alla fine di quella invernale. Solitamente avviene per permettere uno sviluppo più fiorente e ordinato durante il periodo vegetativo. Riguardo alle piante coltivate in piena terra, il periodo migliore per la potatura è la fine della stagione invernale. Per gli esemplari messi a dimora in vaso, la stagione è pressoché irrilevante giacché si trovano in un ambiente riparato dagli agenti atmosferici. I rami devono essere potati alla base della pianta, scegliere quelli danneggiati dai freddi invernali, dalle gelate, quelli secchi, spezzati, o che compromettono lo sviluppo di tutta la struttura aerea. I tagli devono essere praticati con delle forbici ben disinfettate, i rami recisi in modo netto e con un taglio obliquo, evitando così l’insorgenza di patologie fungine o infezioni dannose per le ortensie rampicanti.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO