Bouganville potatura

Bouganville: specie, caratteristiche e informazioni generali

La Bouganville (o Bougainvillea) è una pianta della famiglia delle Nyctaginaceae, originaria del Sud America, in particolare del Brasile. Il suo habitat naturale sono gli ambienti molto caldi dove vive rigogliosa senza particolare bisogno di cure, caratteristica che ne ha consentito una vasta diffusione anche in Italia, soprattutto nel Sud e nelle aree del Mediterraneo. Al Centro Nord invece è più adatta ad ambienti chiusi, coltivata in vaso o comunque in luoghi al riparo dal clima rigido invernale e dal pericolo delle gelate. Cresce sia rampicante, anche aggrappandosi ad altre piante, sia a forma di albero: l’effetto è sempre un colpo d’occhio di colori vivaci che spaziano dal rosso al fucsia, dal rosa al viola, dall’arancione al bianco e al giallo. Quelli che vengono comunemente ritenuti i fiori sono in realtà tre foglie – denominate brattee – che racchiudono, avvolgendolo, il vero fiore della bouganville, composto da tre fiorellini tubolosi di colore bianco o giallino.
Il caratteristico fiore bianco della bouganville racchiuso da coloratissime brattee

ATPWONZ forbici Sicurezza Anti-scivolo Gufo Ratchet Cesoie Cesoie per tagliare giardinaggio Lavoro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,99€
(Risparmi 12,64€)


Potatura bouganville, il periodo migliore per intervenire

La <em>bouganville rampicante</em> cresce rapidamente e in modo disordinato La crescita rapida e disordinata della bouganville impone almeno un intervento di potatura per sistemare la "struttura" della pianta, tagliando tutte le parti inutili o secche e dandole aria e luce e rafforzandola per una nuova fioritura. In via generale, è sufficiente potare la bouganville una sola volta all’anno, tra la fine di febbraio e gli inizi di marzo, prima che inizi a germogliare, anche se ovviamente il periodo giusto può subire alcune oscillazioni, in base alle particolari condizioni climatiche della stagione; basterà un po' di attenzione per riuscire ad organizzare la potatura nei giorni migliori. Potare significa praticamente sacrificare alcune parti deboli per permettere alla bouganville di avere le forze necessarie per affrontare il lungo periodo di fioritura. Attrezzatevi di pazienza…e di un buon paio di forbici da giardinaggio, taglienti e preventivamente disinfettate.

    Melatonina + passiflora DIET 1mg 30 compresse

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,9€


    Come potare la bouganville: passaggi principali e tecnica

    Bouganville ad albero, una chioma rigogliosa da sfoltire con cura A grandi linee per una corretta potatura bisogna eseguire tre semplici passaggi: si parte con la rimozione dei rametti secchi, poi si interviene sui rami principali riducendone la lunghezza di circa un terzo ed infine si lavora per sfoltire la chioma. Le operazioni di potatura iniziano tagliando dunque quei rami secchi e punte deboli, bruciate dal freddo dell’inverno appena passato, prestando attenzione a recidere con un taglio netto in un punto vicino a quello in cui tali rametti si dividono dal tronco e dalle derivazioni principali. Sono parti che probabilmente non cresceranno più (o quasi) e tolgono energie vitali alla pianta. Successivamente, sempre per rinforzare e modellare la struttura generale, servirà accorciare di circa il 30% la lunghezza dei rami principali e infine sfoltire la parte superiore per permettere ad aria e luce di raggiungere bene l'intera pianta della bouganville.


    Bouganville potatura: Altri consigli per la cura della vostra pianta di bouganville

    Bonsai di bouganville, ideale in casaSeguendo queste indicazioni, potare una bouganville diventa una operazione molto facile e basterà avere solo la giusta dose di pazienza e attenzione, anche per le numerose spine che ricoprono la corteccia. Naturalmente, per le piante più grandi potrà risultare complicato raggiungere le parti più alte senza l’attrezzatura adatta. La bouganville non cresce solo rampicante, bensì si trova anche sotto forma di alberello o come bonsai, forme per le quali la potatura annuale diventa ancora più importante, soprattutto nella sua funzione estetica. Una considerazione finale: le grandi piante da esterno, quelle che vivono in piena terra nelle zone dal clima caldo e mediterraneo, fioriscono più volte all’anno per diversi mesi, per cui potrebbe risultare una scelta opportuna quella di eseguire un secondo intervento, meno drastico, in autunno, per permettere alla pianta di respirare meglio e rinforzarsi.



    COMMENTI SULL' ARTICOLO