Plumbago capensis

La specie Plumbago capensis, pianta rampicante

Il Plumbago capensis è più comunemente conosciuto con le denominazioni di gelsomino azzurro e plumbaggine. Questa specie è appartenente alla famiglia delle Plumbaginaceae ed è originaria delle zone temperate del continente asiatico. Arbusti dal portamento rampicante hanno bisogno di sostegni per crescere in maniera ordinata e vengono impiegati a scopo ornamentale per realizzare coperture di mura, graticci e pergolati. Il fogliame è sempreverde, dalla forma ovale e di piccole dimensioni si distribuisce in maniera compatta sulle numerose ramificazioni. A partire dalla stagione primaverile inizia il periodo della fioritura che si protrae per tutta la stagione estiva. Le piante di Plumbago capensis si caratterizzano per le grandi infiorescenze terminali a spiga da cui si dischiudono i boccioli tubolari dei piccoli fiori di colore azzurro oppure bianco, in base alle differenti varietà.
Fiori di Plumbago capensis

Plumbago Capensis Pianta in vaso di Plumbago Capensis - 10 Piante in vaso 7x7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Tecniche colturali della specie di Plumbago capensis

Infiorescenze del rampicante Plumbago capensis Alba Gli arbusti rampicanti di Plumbago capensis non richiedono eccessive attenzioni colturali per crescere e svilupparsi. Tollerano molto bene il caldo della stagione estiva mentre temono gli inverni freddi, dalle temperature inferiori ai dieci gradi. Queste piante possono essere coltivate in piena terra nella zone dal clima temperato oppure in vaso, al riparo dalle forti correnti provenienti da nord. Prediligono un terriccio fertile e ben drenato, ricco di sostanze nutritive, mescolato con una porzione di sabbia grossolana. Le esposizioni sono molto luminose e soleggiate, possono adattarsi anche alla mezz'ombra ma la fioritura sarà poco abbondante e la crescita meno vigorosa. Le irrigazioni sono regolari e frequenti a partire dalla primavera e per tutta l'estate. Con la ripresa vegetativa, è opportuno somministrare del concime organico liquido.

    Plumbago Capensis Pianta in vaso di Plumbago Capensis - 40 Piante in vaso 7x7

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 49,59€


    Potatura e avversità della pianta di Plumbago capensis

    Fiori di Plumbago capensis L'intervento di potatura è importante per le crescita rigogliosa delle piante della specie detta Plumbago capensis. Deve essere effettuato al termine del periodo della fioritura, nel lasso di tempo tra la stagione autunnale e quella primaverile. Con l'impiego di cesoie ben affilate, le ramificazioni legnose vengono accorciate drasticamente, questo lavoro di potatura farà sviluppare con la ripresa vegetativa un maggiore numero di germogli. Le piante di Plumbago capensis soffrono i ristagni idrici che causano l'insorgere di marcescenze e di malattie fungine che portano al deperimento della pianta. Per prevenire è fondamentale mantenere il terreno morbido e ben drenato mescolando delle porzioni di sabbia. Inoltre, possono subire infestazioni da parte di afidi o ragnetti rossi, in entrambi i casi è opportuno somministrare dei prodotti specifici per combatterli e prevenirli.


    Il taleaggio, tecnica di propagazione del Plumbago capensis

    Fiori di Plumbago capensis Royal Cape Il metodo più diffuso e utilizzato per ottenere nuovi esemplari di Plumbago capensis, è attraverso l'impiego del taleaggio. Le cime devono essere prive di infiorescenze e vanno selezionate nei mesi estivi di giugno e luglio. Le talee semilegnose con piede vanno tagliate obliquamente, le foglie in eccesso sono eliminate e le ferite vengono trattate con della polvere antiparassitaria e radicante, per accelerare il processo di attecchimento. I singoli contenitori sono riempiti con del terriccio da giardino mescolato a della torba e della sabbia grossolana, garantendo il corretto drenaggio idrico. Le piante sono riposte in luoghi non troppo luminosi e le temperature non devono essere inferiori ai venti gradi. L'emissione di gemme fogliari è la conferma dell'avvenuto sviluppo del nuovo apparato radicale.




    COMMENTI SULL' ARTICOLO