Maggiorana pianta

Caratteristiche principali della pianta della maggiorana

La pianta della maggiorana è originaria dell’Africa ma da molti anni viene coltivata anche nel nostro paese. Appartiene alla famiglia delle Lamiaceae e ne esistono numerose varietà che presentano profumazioni più o meno intense. La maggiorana ha un fusto a sezione quadrangolare a portamento eretto. Difficilmente supera i sessanta centimetri d’altezza e presenta una colorazione verde-rossastra. L’apparato radicale rimane in superficie soprattutto se il terreno è ricco di pietre. La pianta ha foglie piccole con una forma ovale e ricoperte da una peluria. In estate si ricopre di fiori bianchi leggermente sfumati di rosa raccolti in spighe. I semi invece sono contenuti in capsule ovali. Le foglie si utilizzano per preparazioni salate sia liguri che di altre regioni d’Italia.
Foglie della pianta della maggiorana

Piante aromatiche MIX + GRILL (in vaso Ø 9 cm) N.4 x 2 pack

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14€


Coltivazione della maggiorana

Varietà della pianta della maggioranaLa pianta della maggiorana è un arbusto perenne di piccole dimensioni anche se spesso viene coltivata alla stregua di una pianta annuale. Resiste bene alle temperature sotto lo zero e difficilmente le radici marciscono se sottoposte a periodi con elevati tassi di umidità. Tuttavia per crescere bene, la maggiorana ha bisogno di essere piantata in un luogo bene esposto ai raggi diretti del sole per diverse ore al giorno. Preferisce i terreni aridi e poco ospitali per altre piante ma nelle successive settimane della sua messa a dimora deve essere annaffiata regolarmente perché la siccità potrebbe far morire le sue radici non ancora ben sviluppate. A distanza di circa un mese della messa a dimora della pianta, si possono iniziare a prelevare i suoi rametti odorosi.

  • pianta di salvia La salvia, denominata anche salvia comune o domestica, appartiene alla famiglia delle Labiate, al genere Salvia ed alla specie officinalis. È una pianta perenne alta e larga da 30 a 70 cm, con un port...
  • Varietà di basilico La pianta del basilico appartiene alla famiglia delle Lamiacee ed è un arbusto annuale di piccole dimensioni. E’ originario dell’Asia ma viene coltivato anche nel nostro paese da molti anni. È caratte...
  • Salvia in fiore La salvia è una pianta rustica, che vive bene se esposta in pieno sole. Coltivare la salvia è piuttosto semplice e può crescere anche in vaso, a condizione che ci sia una buona circolazione dell'aria....
  • Pianta cespugliosa di origano La pianta dell'origano cresce spontaneamente in luoghi alti fino a 2000 metri sul livello del mare, ben assolati e aridi; il suo fusto eretto è ligneo alla base, ed erbaceo alla sommità dei rami. Ragg...

TERRICCIO EXTRA-FINE PER LA SEMINA E LA COLTIVAZIONE DEGLI ORTAGGI E DELLE PIANTE AROMATICHE CONF. DA 15 LITRI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,5€


Il terreno adatto per la coltivazione

Pianta della maggiorana La pianta della maggiorana si adatta facilmente a diverse tipologie di terreni che spaziano da quelli più aridi a quelli ricchi di sostanze nutritive. Tuttavia si sviluppa molto meglio in suoli prevalentemente alcalini, aridi e ben drenati. Se avete intenzione di effettuare una coltivazione di numerose piante di maggiorana, eseguite preventivamente un arricchimento del terreno adoperando azoto e potassio. In questo modo otterrete foglie molto più profumate e in luglio le fioriture saranno molto più cospicue. Per chi invece vuole coltivare la maggiorana in vaso, dovrà sistemare sul fondo dello stesso uno strato di ghiaia e sabbia. Ricoprite poi il tutto con abbondante terriccio alcalini facilmente reperibile in commercio nei negozi specializzati e mettete a dimora la nuova piantina.


Maggiorana pianta: Moltiplicazione della maggiorana

Varietà di maggiorana La moltiplicazione della maggiorana può essere effettuata indifferentemente per seme, per talea o per divisione della pianta. Come per altre specie di piante, la semina richiede tempi lunghi d’attesa e prima di poter raccogliere i rametti, dovranno trascorrere molte settimane. Inoltre, prelevando i semi da una pianta, non è detto che si ottengano piante identiche alla madre perché la genetica a volte gioca brutti scherzi e la qualità delle nuove piantine potrebbe essere del tutto dissimile. I semi devono essere sparsi sul terreno agli inizi della primavera. Preparate il suolo ad accoglierli zappandolo e aggiungendo della sabbia di fiume per renderlo più drenato. Innaffiate abbondantemente e attendete che nascano provvedendo a rimuovere le erbacce infestanti che inevitabilmente faranno capolino.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO