Pianta dello zafferano

Lo zafferano

Lo zafferano è una pianta delle Iridaceae che viene coltivata nel bacino del Mediterraneo e in Asia Minore, principalmente in India e in Iran. La pianta adulta è composta da un bulbo del diametro di 5 cm che contiene 20 gemme indifferenziate dalle quali poi si sviluppano tutti gli organi della pianta, anche se solamente tre di queste gemme originano le foglie e i fiori, mentre le altre produrranno piccoli bulbi secondari. Il fiore è di colore violaceo formato da 6 petali, mentre le foglie sono lunghe e sottili con una dimensione massima di 35 cm in lunghezza e 5 mm in larghezza. La pianta è sterile a causa di successive selezioni artificiali per ottenere una pianta con ottime proprietà come spezia, quindi le nuove piantine possono essere riprodotte solamente tramite clonazione del bulbo madre.
Fiore di zafferano

100 bulbi di CROCO DA ZAFFERANO (Crocus sativus) circonferenza 10/+ cm - BUONO D'ACQUISTO spedizione in AGOSTO 2017

Prezzo: in offerta su Amazon a: 50€


Coltivazione dello zafferano

Piantagione di zafferano Lo zafferano nel periodo estivo che è compreso fra giugno e settembre entra in una stasi vegetativa, di conseguenza rallenta o interrompe completamente qualsiasi tipologia di attività che viene ripresa ad ottobre, quando iniziano a spuntare le prime foglie. Successivamente, iniziano a spuntare i fiori che rimarranno in fioritura fino all'inizio dell'inverno. Durante il periodo freddo l'attività rallenta nuovamente fino a marzo quando vengono generati i nuovi bulbi. Da maggio le foglie iniziano gradatamente ad essiccare. Lo zafferano riesce ad adattarsi facilmente ad un clima caratterizzato da una piovosità media (300-400 mm annui), ma tollera climi anche molto più piovosi (1500-2000 mm annui). E' importante ricordare di non far ristagnare l'acqua, perché questo porterebbe il bulbo a marcire.

  • fiore di zafferano Lo zafferano appartiene alla famiglia delle Iridacee, al genere Crocus ed alla specie sativus. È una pianta erbacea perenne, coltivata sia come annuale che come poliennale, alta 30-50 cm.L’organo...
  • Raccoglitori di zafferano (Santorini) Gli antichi egizi conoscevano la pianta dello zafferano, che utilizzavano per produrre unguenti per le cerimonie sacre e per tingere le stoffe. Nella Grecia antica la pianta dello zafferano era utiliz...
  • Il fiore zafferano Lo zafferano è una delle piante più antiche presenti nei nostri orti. Originaria delle aree dell'Asia Mediterranea, la sua diffusione è dovuta ai Greci, che ne iniziarono la coltivazione in tutta l'ar...
  • Fiori di piantine di zafferano Lo zafferano è una spezia prodotta dai fiori del crocus sativus. I fiori sono delicati, composti da sei petali di un intenso color violetto. Ogni fiore ha tre lunghi stimmi o filamenti, di color rosso...

Sweet Seeds Wormwood Semi, pacchetto originale 50pcs giardino bonsai fragrante erbe medicinali, facile crescere Artemisia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Coltivazione dello zafferano

Stimmi dello zafferano Il miglior terreno in cui coltivare lo zafferano è in leggera pendenza, che consente l'adeguato drenaggio. Il terreno non deve essere permeabile e pesante, infatti sono preferiti i terreni sabbiosi o argillosi. I bulbi dello zafferano sopportano bene temperature rigide fino a -12 gradi centigradi, così come le temperature elevate durante il periodo estivo. La coltivazione dello zafferano può avvenire in modo professionale con due metodi: annuale o pluriennale. Nel metodo annuale, alla fine di ogni ciclo vegetativo, in estate, si possono estrarre i bulbi e riposizionarli in un terreno adiacente in modo da controllare la salute degli stessi, di fornire più sostanze nutritive e una migliore distribuzione dei bulbi. Nella tecnica pluriennale queste procedure si effettuano con una cadenza predeterminata.


Pianta dello zafferano: Coltivazione e raccolta nell'orto

Bulbi di zafferano Lo zafferano può essere coltivato in vaso, in un orto o a formare una colorata e profumata aiuola. Prima di sistemare i bulbi sarebbe opportuno eliminare tutti i sassi dal terreno e controllare che i bulbi non siano stati attaccati dai funghi. I bulbi devono essere posizionati ad una profondità di circa 10 cm e distanziati fra loro di circa 15 cm. Le piante giungeranno a maturazione in circa 3-4 mesi trascorsi i quali si procederà alla raccolta dei fiori. I pistilli devono essere raccolti staccandoli dallo stelo, successivamente dovranno essere staccati con un paio di pinzette gli stammi rossi che andranno messi in un luogo soleggiato o vicino ad una moderata fonte di calore per farli essiccare, possono essere conservati freschi in un barattolo chiuso ermeticamente per preservarne il sapore.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO