Schinus molle

Come irrigare lo schinus molle

Le annaffiature di questo albero devono essere regolate sulla base delle piogge. Se, infatti, queste ultime sono abbondanti, le irrigazioni vanno necessariamente ridotte per non incorrere nei fastidiosi ristagni idrici, causa di marciumi, malattie fungine e debolezza generale della pianta; qualora, invece, si presenti un periodo di siccità, soprattutto durante la stagione estiva, la somministrazione d'acqua deve essere costante. Bisogna, tuttavia, fare attenzione ad annaffiare soltanto quando il terreno è del tutto asciutto. Una corretta irrigazione è fondamentale per ottenere una rigogliosa fioritura; un'ottima tecnica è quella per aspersione, che permette di bagnare direttamente le radici evitando il fogliame, e consente di indirizzare i getti scegliendone, a seconda della situazione, la frequenza e l'intensità.
Bacche schinus molle

Orto urbano Veggie bag 126x64x80 cm, struttura metallica e sacco di textilene lilla

Prezzo: in offerta su Amazon a: 135€


Coltivazione e cura del falso pepe

Schinus molle giardino Lo Schinus molle si moltiplica tramite talee semilegnose estive, oppure attraverso la semina. Questo albero si adatta facilmente a numerosi tipi di suolo, persino a quelli salini, motivo per cui viene frequentemente utilizzato per la bonifica delle zone costiere; il terreno ideale, tuttavia, è dotato di ph alcalino e, soprattutto, è ben drenato per scongiurare i ristagni precedentemente nominati. Può essere utile effettuare il primo impianto in un contenitore, così da monitorare con attenzione lo sviluppo iniziale della pianta, per poi eseguire il trapianto in giardino. Si suggerisce, in più, una periodica operazione di pacciamatura del terreno con sostanze organiche: ciò migliorerà le caratteristiche chimiche e fisiche del suolo. La potatura non è necessaria, a meno che non vi siano rami secchi o malati.

  • Pepe rosa Lo Scinus molle, ovvero la pianta di pepe rosa, è originaria dei territori della Bolivia, del Cile e del Perù. In questi territori l'albero può raggiungere altezze comprese tra i cinque e i sette metr...
  • Un esemplare di Schinus molle La pianta che origina il pepe rosa è lo Schinus molle, un albero sempreverde della Famiglia delle Anacardiaceae. A seconda delle condizioni ambientali la sua altezza varia fra i 5 e i 7 metri, anche l...
  • Albero pepe rosa L’albero del pepe rosa sopporta bene periodi di siccità, soprattutto una volta stabilizzato, però per ottenere un'abbondante fioritura bisogna irrigare spesso, specialmente nei primi due anni dal trap...
  • Pepper tree Il bonsai pepe è una pianta sempreverde dal fusto sottile, con corteccia rugosa, di colore marrone chiaro e dalle radici fittonate, molto apprezzata dai bonsaisti. Ha foglie molto piccole, lanceolate ...

100pcs Semi curcuma Radici Curcuma longa erba medicinale Spice facile crescere semi Adenium Obesum pianta dei bonsai Seeds

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


La concimazione della pianta

Pepe rosa pianta La concimazione dello Schinus molle deve avvenire due volte all'anno, in primavera ed in autunno; si consiglia di adoperare prodotti naturali, come lo stallatico, da integrare eventualmente con un fertilizzante granulare a rilascio lento. Quest'ultimo deve contenere, in maniera equilibrata, i tre macroelementi essenziali: questi sono il potassio, il fosforo e l'azoto. In più, il concime deve necessariamente includere anche microelementi come il magnesio, il ferro, il molibdeno ed il manganese. Una corretta concimazione eviterà problemi come una crescita lenta, uno stato generale di debolezza e la clorosi fogliare. I tre macroelementi svolgono funzioni importanti: il potassio, infatti, aiuta la sintesi delle proteine, il fosforo supporta il metabolismo, l'azoto interviene nell'accrescimento delle parti vegetative.


Schinus molle: Esposizione, malattie e parassiti

Afidi neri Questo albero predilige un'esposizione soleggiata, ma si sviluppa bene anche a mezz'ombra; l'importante è proteggerlo dai venti eccessivamente forti e dalle temperature troppo basse. In caso di umidità sovrabbondante, in più, possono verificarsi marciumi radicali e malattie fungine come le muffe; bisogna intervenire immediatamente con anticrittogamici specifici, da somministrare in vari trattamenti. Possono avvenire, a volte, infestazioni di afidi, anche se questa pianta è piuttosto resistente ai parassiti. Il rimedio più indicato è il macerato d'ortica, ma è adeguato anche un semplice infuso d'aglio; gli afidi, i quali generalmente sono di colore verde o brunastro, vanno eliminati subito, poiché non soltanto provocano perforazioni al fogliame e ai germogli, ma danno luogo anche ad infezioni e causano la trasmissione di virus.



COMMENTI SULL' ARTICOLO