Annaffiare bonsai

Il fascino intrinseco del bonsai, dove la natura incontra l’arte

Chi non è mai stato affascinato dal bonsai? Proveniente dall’Estremo Oriente, in particolare dal Giappone e dalla Cina, questa pianta ha ormai conquistato pienamente le simpatie e l’amore dei pollici verdi occidentali, al punto che è stato coniato un termine, il "bonsaismo", quasi a descrivere la devozione e la passione che milioni di persone nutrono verso questa pianta. I bonsai sono famosi non solo per le loro dimensioni, essendo veri e propri "alberi in miniatura", ma soprattutto per una loro peculiare caratteristica: cura, pazienza e devozione sono le doti principali che gli addetti al "bonsaismo" devono dimostrare durante la coltivazione dei bonsai all’interno dei loro piccoli vasi, al fine di favorirne la crescita ottimale pur nel rispetto del loro equilibrio funzionale. È da considerarsi una vera e propria arte in quanto il bonsai, a crescita maturata, dovrà sia impersonare nelle sue piccole dimensioni la forza della natura, sia trasmettere sensazione di pace e serenità. Ecco perché, per la sua coltivazione, è necessario rispettare alcune severe regole che andranno ad influire enormemente sulla sua crescita.
bonsai albero verde

Generic-Filo per Bonsai, confezione da 5 pezzi, a forma di ramo di albero in alluminio, a forma di vaso per piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,93€


Il ruolo cruciale dell’annaffiatura nella crescita del bonsai

bonsai pino marittimo Se provate a chiedere un consiglio sulla coltivazione dei bonsai a persone che se ne occupano già da diverso tempo, è assai probabile che il primo aspetto ad essere menzionato sarà quello relativo all’annaffiatura. Difficile aspettarsi diversamente da una pianta che, metaforicamente, richiama il bisogno dell’essere umano di "nutrirsi", quindi di crescere, attingendo alla conoscenza. Il bonsai ha bisogno di cure specifiche per poter crescere e rispettare i canoni del "bonsaismo", ovvero mantenendo le medesime caratteristiche vegetative di una pianta grande su una scala largamente inferiore. Ed è qui che sveliamo il ruolo strategico dell’annaffiatura nello sviluppo di questa pianta: non si tratta di "bagnare" il bonsai di tanto in tanto, nei ritagli di tempo o al termine della giornata lavorativa, quanto di un processo contornato di cure e attenzioni, proprio come se fosse un piccolo essere umano. L’annaffiatura ricopre un ruolo di fondamentale importanza nella coltivazione del proprio bonsai, vediamo perché e come fare per procedere nel modo corretto.

  • Clivia Gli amanti dei colori caldi e dei più accesi arancioni non potranno che innamorarsi della clivia, pianta d'appartamento dalle dimensioni contenute ma dalla vivace fioritura, che costituisce un element...
  • Dracena marginata La dracena è una pianta che sviluppa una chioma caratteristica e molto decorativa, ma che non richiede moltissimo spazio per crescere e il suo sviluppo può essere facilmente contenuto: per queste ragi...
  • Gerbera Difficile non cedere al fascino delle gerbere: i fiori dalle ampie dimensioni e dalla forma molto semplice, simile a quella della margherita e della comune prataiola, si accompagnano all'allegria sgar...
  • Ipomea Gli amanti dei colori accesi non potranno non cedere al fascino dell'ipomea, pianta tropicale che sa coniugare tutta l'attrazione del colore con l'eleganza e la poesia della forma dei delicati fiori. ...

Stanwood jbt-01 Bonsai strumento professionale giapponese Ashinaga Forbici e concava Cutters, colore: nero

Prezzo: in offerta su Amazon a: 95,07€
(Risparmi 2,12€)


Accorgimenti da adottare per una corretta annaffiatura del bonsai

come annaffiare bene i bonsai Annaffiare un bonsai non è difficile, ma bisogna tenere conto di alcune importanti regole per far sì che la crescita della pianta avvenga in modo regolare e senza brutte sorprese. Come prima cosa, bisogna testare la durezza dell’acqua e accertarsi che non sia troppo "dura", ovvero che non abbia un’elevata presenza calcarea. Questo perché il calcare, dopo aver bagnato la pianta, andrebbe a formare delle minuscole quanto dannose macchie bianche sulla superficie della pianta. In secondo luogo, bisogna ricordarsi che il bonsai, in genere, va annaffiato quando il terreno è asciutto, quindi ricordarsi sempre di tastarlo prima di procedere. Le stagioni rivestono anch’esse un ruolo cruciale per l’annaffiatura del bonsai: in estate è consigliabile effettuare l’operazione di sera; in questo modo, le radici della pianta avranno a disposizione tutta la notte per assorbire l’acqua, e al tempo stesso non ci saranno i raggi solari a farla evaporare e a privare il bonsai dei suoi principi nutritivi. Al contrario, d’inverno è bene annaffiare il bonsai durante il giorno perché di notte si correrebbe il rischio di esporre le radici della pianta al congelamento.


Annaffiare bonsai: Le migliori tecniche per annaffiare un bonsai nel modo giusto

curare un bonsai verde Quando si procede con l’annaffiatura del bonsai, è bene tenere conto del principio per cui "meno è meglio è": la pianta infatti fatica ad assorbire gli eccessi di acqua, per cui è sempre preferibile annaffiare con parsimonia, ma frequentemente, e tastare il terreno ogni volta per verificare che tra un’annaffiatura e l’altra sia ben asciutto. Ovviamente, anche il terreno vuole la sua parte quando si parla di nutrire la pianta con l’acqua: l’ideale è puntare su di un terreno poco drenante, di modo tale da lasciar passare un po’ di tempo da un’annaffiatura all’altra. Questa scelta è consigliata soprattutto alle persone che non hanno molto tempo da dedicare alla pianta durante il giorno e vogliono ottimizzare i tempi di gestione. Infine, alcune considerazioni sui metodi più appropriati per annaffiare il bonsai: in genere, è consigliabile munirsi di un semplice annaffiatoio e bagnare la pianta dall’alto verso il basso, controllando che l’intera superficie del terriccio sia umida. Esiste però anche una seconda tecnica, detta ad immersione: basta immergere il vaso con il bonsai dentro ad un recipiente, e lasciare che le radici della pianta attingano in modo omogeneo alla quantità d’acqua di cui hanno bisogno.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO