Bonsai abete

Esposizione ed irrigazione del Bonsai Abete

Il Bonsai Abete si realizza con una pianta sempreverde che fa parte delle Conifere, apprezzata nell'arte bonsai soprattutto perché richiede poche cure colturali.Si può lavorare per ottenere qualunque stile, tranne quello a Scopa. L'alberello è adatto a vivere all'esterno, in un punto ben illuminato e soleggiato. È una pianta robusta e resistente alle intemperie. Il bonsai non ha bisogno di molta acqua e la frequenza degli interventi di irrigazione è in funzione del clima della stagione. Occorre, comunque, annaffiare quando il terreno appare completamente asciutto. L'acqua deve essere versata lentamente sul terreno, evitando di bagnare la vegetazione. Dopo alcuni minuti è bene ripetere l'innaffiarura per essere sicuri che tutto il terreno abbia assorbito la massima quantità d'acqua. Se in inverno sono previste gelate non si deve irrigare. In estate bisogna annaffiare al mattino presto o la sera, evitando le ore più calde del giorno. In inverno, al contrario, è necessario somministrare l'acqua proprio nelle ore con temperatura più alta.
Esemplare di Bonsai Abete

BESTOMZ Fata Giardino Ornamento Miniature Fairy Garden, 58 pezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 10€)


Concimazione e Bonsai Abete Rosso

Una composizione bonsai di abete rosso La concimazione si esegue dal principio della stagione primaverile fino a all'inizio dell'autunno, da marzo a giugno e da settembre a ottobre, una o due volte al mese. Ciò è necessario perché la ridotta quantità di terreno presente nel vaso non può fornire tutti i nutrienti per un periodo così lungo. Il fertilizzante liquido diluito nell'acqua di irrigazione è molto pratico da utilizzare. L'operazione si esegue dopo aver annaffiato la pianta con acqua semplice. Il concime solido, in polvere, viene assorbito più lentamente e deve essere somministrato ogni 2 mesi. La fertilizzazione deve essere sospesa nel corso dei mesi più caldi dell'estate, da luglio alla metà di agosto. Il Bonsai Abete Rosso è di solito più apprezzato di quello bianco. Ha foglie piccole, il tronco cresce in modo vigoroso e veloce e gli stili più adatti sono l'Eretto Formale ed Informale.

  • Boccioli e fiori di Camellia japonica Tra piante sempreverdi da vaso la specie di Camellia japonica è molto diffusa e coltivata a scopo ornamentale. Pianta sempreverde della famiglia delle Theaceae, è originaria del continente asiatico. I...
  • Bonsai Ligustrum vulgare Il Bonsai Ligustrum è una pianta sempreverde con una fitta chioma e foglie rotonde. Poiché il Ligustrum possiede in natura delle foglie piccole, è particolarmente adatto alla realizzazione di bonsai p...
  • Pianta di Andromeda polifolia Blue Ice Conosciuta comunemente con il nome di Andromeda giapponese, la Pieris japonica è una specie arbustiva sempreverde. Appartenente alla famiglia delle Ericaceae, questa pianta è originaria del continente...
  • Fiore cistus La pianta di Cistus non richiede molta acqua e teme i ristagni: ha radici delicate che, così come non amano l'espianto ripetuto, tollerano male anche l'accumulo d'acqua. È opportuno, quindi, abbeverar...

Forbici per Potatura | Topbest in acciaio inox potatura cesoie Ratchet cesoie potatura con meccanismo di sblocco semplice - meno sforzo/antiaderente albero potatore per Patio, giardino, cortile ecc

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 7€)


Operazioni di potatura per il bonsai di abete

Uno splendido bonsai di abete La potatura di formazione va effettuata al termine della stasi vegetativa, quindi a fine inverno, per dare al bonsai la struttura e lo stile desiderato. Come regola generale si tagliano i rami che si sviluppano in verticale, quelli che tendono all'interno, quelli che si incrociano, quelli che crescono dalla base di un altro ramo. Alla fine della potatura occorre applicare sui tagli il mastice cicatrizzante. Inoltre gli attrezzi (tronchesi, cesoie, forbici) devono essere ben affilati, per eseguire tagli netti senza sfilacciature e sbavature, e ben disinfettati, prima e dopo gli interventi, per evitare di trasmettere malattie. La potatura di mantenimento durante l'anno mira a conservare la forma raggiunta. Vanno rimossi i rami danneggiati e malati e tutte le fronde che sporgono oltre il profilo della struttura voluta.


Bonsai abete: Interventi di rinvaso ed applicazioni di tutori

Esemplare di Bonsai Abete Rosso Il rinvaso si esegue ogni 2 anni, per gli esemplari giovani, e fino a 4-5 anni per gli adulti. Il periodo giusto è ad inizio primavera o nel tardo autunno. L'intervento ha lo scopo di ridurre l'apparato radicale, eliminando le parti più grandi e dure, ed aggiungere del terriccio per le radici capillari. Il substrato deve essere ben drenante, per evitare ristagni idrici e quindi marciume radicale. Sarà composto da una base di sabbia più torba ed argilla. Una buona combinazione è fatta per il 65% di terriccio universale e per il 35% di sabbia. I tutori come tiranti, pesi e fili, applicati per vari mesi, servono ad orientare i rami e correggere il tronco, per dare al bonsai l'aspetto di un albero grande e maturo. I fili sono in rame rivestito per non danneggiare la corteccia. Pesi e tiranti hanno lo scopo di dare la forma ad ombrello, curvando i rami in giù. Nelle ore precedenti occorre bagnare i rami per renderli flessibili.


Guarda il Video
  • bonsai abete L’abete è una conifera sempreverde molto diffusa nelle foreste dell’emisfero settentrionale e spesso utilizzata come alb
    visita : bonsai abete

COMMENTI SULL' ARTICOLO