Bonsai azalea

vedi anche: Azalea

L'azalea

Le azalee sono piante appartenenti al genere rhododendron che comprende 2 gruppi distinti: i rododendri, a cui appartengono grandi arbusti che possono essere sia sempreverdi sia a foglia caduca; le azalee, a cui appartengono arbusti nani sempreverdi o a foglia caduca. Le azalee sono piante che mostrano un fusto sottile, con moltissime ramificazioni, foglie con forma ovale e una colorazione verde scura. In primavera sbocciano le infiorescenze che mostrano una forma a trombetta con una colorazione rosata, rossa oppure bianca. Le azalee sempreverdi soffrono particolarmente il freddo, infatti vengono coltivate solitamente in appartamento, mentre le specie a foglia caduca o semisempreverdi resistono meglio al clima rigido e possono essere adeguatamente coltivate in giardino o su balconi o terrazzi.
Azalea

fujimitsu Azalea Satsuki, Bonsai Forbici 180 mm, Made in Giappone

Prezzo: in offerta su Amazon a: 26,64€


Il bonsai dell'azalea

Bonsai di azalea Il bonsai dell'azalea è un arbusto che ha origine in Giappone, ma ha trovato larga diffusione anche in Europa, grazie alla bellezza dei suoi fiori con colorazioni variabili tra il il bianco, il rosa il rosso e il viola. Il bonsai dell'azalea dovrebbe essere posizionato in una zona molto luminosa, ma che non sia esposto direttamente al sole, dal momento che potrebbero bruciarsi le foglie e i fiori. Evitare che la pianta sia esposta al freddo e che gelino le radici. La temperatura ottimale dovrebbe essere mite e non ci dovrebbero essere sbalzi termici eccessivi. Il terreno dovrebbe essere mantenuto umido, ma senza eccedere con la annaffiature, che potrebbero portare a ristagni e a marciume delle radici. Si dovrebbe provvedere anche a vaporizzare la chioma soprattutto in estate e nei periodi più caldi.

  • ficusginseng1. Il Ficus ginseng è una delle tante specie di piante appartenenti al genere Ficus. Il nome botanico di questa specie è Ficus retusa o microcarpa, ma è stato sostituito con il termine “ginseng” per via ...
  • Forbici giardinaggio Nonostante la tecnologia venga spesso in soccorso degli amanti del giardinaggio, per i più fini lavori di precisione la manualità svolge ancora un ruolo preponderante: nessuno strumento elettrico è in...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • ficus_retusa Tra le piante del genere Ficus, quella di cui stiamo per parlare è considerata una delle più apprezzate ed interessanti dal punto di vista ornamentale. Ci stiamo riferendo al ficus retusa, arbuato da...

Bonsai shear Azalea 18cm Top Polished

Prezzo: in offerta su Amazon a: 35,2€


La potatura dell'azalea

Bonsai di azalea Le azalee non necessitano di potature invasive dal momento che sono piante che hanno uno sviluppo lento. La fioritura avviene all'inizio della primavera, quindi sarebbe opportuno provvedere alla potatura una volta che i fiori saranno appassiti. Si dovrebbero eliminare i fiori appassiti e accorciare i rami che mostravano le infiorescenze in modo da facilitare la nascita dei nuovi germogli. Potature più invasive potrebbero essere apportate ogni 2 o 3 anni, per garantire che la pianta sviluppi una buona copertura. Accorciando i rami più giovani se ne favorisce l'infoltimento, le azalee tendono con il tempo a mostrare meno rami e foglie nella parte bassa. Le piante più vecchie potrebbero essere potate più intensamente e a fine inverno si potrebbero accorciare tutti i rami in modo da favorire la crescita della nuova vegetazione.


Bonsai azalea: Cura dell'azalea

Bonsai di azalea Per potare adeguatamente un'azalea si dovrebbe osservare la pianta e capire dove intervenire. Se vi fossero dei rami secchi o malati si dovrebbe provvedere a tagliare la parte rovinata fino a dove si congiunge alla parte sana. I tagli dovrebbero essere effettuati in modo che la ferita sia netta e pulita, così da evitare che la pianta possa essere attaccata da funghi o da malattie. Quando si potano rami malati sarebbe opportuno disinfettare le cesoie per evitare di infettare altre parti della pianta o altre piante. La potatura non dovrebbe essere effettuata oltre le 3 settimane dopo che i fiori saranno appassiti, questo per non eliminare anche i nuovi germogli in formazione. Sarebbe anche necessario non effettuare potature che provochino zone vuote in cui non si otterrà una nuova fioritura.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO