Bonsai da esterno

Bonsai: pianta da esterno o da casa?

Quasi tutti i bonsai in commercio sono piante da esterno, quindi non è necessario, anzi, in certi casi è proprio dannoso, tenere in casa i bonsai. Sono piante come tutte le altre.Un bonsai di ulivo è, in sostanza, un ulivo, con i suoi cicli e le sue esigenze: fioritura, fruttificazione, potature. Se abitate in una zona a clima mediterraneo, ed avete dello spazio a disposizione, ecco un piccolo elenco di piante bonsai che potrete coltivare:melograno, gelso, fucsia, ginepro, ulivo, olmo, agrumi in genere, acero, acero giapponese. Se invece il clima è più rigido andranno bene piante del tipo: pino nero giapponese, melo, bagaloro asiatico, betulla, ciliegio, pino rosso. I bonsai da esterno li posiamo anche suddividere in due macro categorie, bonsai da fiore e frutto e bonsai sempreverdi. Un bonsai da esterno può anche vivere al tepore della casa, ma vi perdereste la bellezza delle sue reazioni all'alternanza delle stagioni.
Bonsai giapponese da esterno

14pcs strumenti di giardinaggio Giardinaggio Prodotti mini Attrezzi da giardinaggio Attrezzi fiori piante in vaso mini pala / multifunzione fiori selvatici piccola pala

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€
(Risparmi 10,4€)


Bonsai da esterno: le cure necessarie

Giardino con bonsai da esterno I bonsai, come detto, sono alberi in tutti i sensi, quindi quelli autoctoni sono la scelta migliore, almeno per i primi passi nel meraviglioso mondo del bonsai. Anche se autoctono, però, ha bisogno di alcune attenzioni, di cui l'albero in dimensioni normali non necessita. Per esempio, durante la stagione invernale, è bene coprire i vasi con paglia o teli di plastica, in modo che la poca terra presente nel vaso non geli, ponendo a rischio la vita stessa del bonsai. In caso di clima veramente freddo, è meglio mettere i bonsai in veranda o in serra. I rinvasi che si renderanno necessari, durante la vita del bonsai da esterno, andranno effettuati nel periodo di riposo vegetativo della pianta. Nello stesso momento in cui si rinvasa, va effettuata la riduzione della massa radicale. I bonsai da esterno vanno soggetti all'attacco di un parassita: la cocciniglia. In tal caso va effettuato un trattamento con prodotti specifici, oltre ad eliminare le incrostazioni biancastre con un spazzola.

  • ficusginseng1. Il Ficus ginseng è una delle tante specie di piante appartenenti al genere Ficus. Il nome botanico di questa specie è Ficus retusa o microcarpa, ma è stato sostituito con il termine “ginseng” per via ...
  • Forbici giardinaggio Nonostante la tecnologia venga spesso in soccorso degli amanti del giardinaggio, per i più fini lavori di precisione la manualità svolge ancora un ruolo preponderante: nessuno strumento elettrico è in...
  • orchidea mini Le piante sono un eccezionale prodotto della potenza della Natura, ma ciò che di esse ha più mordente sull’animo umano sono assolutamente i fiori: essi sono concepiti dalla natura stessa come semplici...
  • ficus_retusa Tra le piante del genere Ficus, quella di cui stiamo per parlare è considerata una delle più apprezzate ed interessanti dal punto di vista ornamentale. Ci stiamo riferendo al ficus retusa, arbuato da...

OULII Carino verde rana fiore Sedum succulente Pot fioriera Bonsai trogolo casella pianta Bed Garden Home Office scrivania Pot Decor

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Attrezzatura necessaria per i bonsai da esterno

Potatura del bonsai Ciò che serve per la cura, manutenzione e, come si dice in gergo, educazione del bonsai, sono pochi strumenti facili da reperire. Piccole cesoie, un coltello affilato, filo di rame e tanta passione. Il filo di rame, che deve essere dello spessore adeguato al ramo che va "educato", va posto nella stagione vegetativa del bonsai, in modo che crescendo viene costretto a seguire la direzione desiderata. Questa tecnica viene eseguita principalmente sui tronchi/rami giovani. I fili vanno lasciati parecchi mesi, a volte anche anni, cambiando nel tempo lo spessore stesso del filo. Devono essere rivestiti di una guaina in gomma, in modo da non creare danni nei punti in cui avviene la legatura. Durante il periodo di riposo vegetativo, invece, va effettuata la potatura e la boinsaizzazione delle foglie, cioè, tuttole foglie più grandi vanno tagliate a metà, in modo che la pianta, poi, le lasci cadere, rinnovandole con un numero doppio ma di più piccola dimensione.


Un po' di storia del bonsai

Acero bonsai in autunno Questo genere di coltivazione ha origini antichissime. La parola "bonsai" è giapponese e si divide in due. BON vassoio o ciotola e SAI crescere. Crescere nella ciotola. Ma se la parola è giapponese l'Arte è di origini cinese. Circa nel 700 dc, i cinesi mettono a punto una tecnica, chiamata "punsai", per la coltivazioen di alberi nani in vaso. In Giappone questa tecnica venne introdotta nel periodo Kamakura, grossa influenza della Cina sulla patria del Sol Levante. Le "forme" dei bonsai, erano di due tipologie: sacre e profane. Quelle sacre ricordavano le posture yoga, dove venivano "riprodotti" i fluidi vitali causa della lunga vita. Quelli profani, invece, non seguivano delle vere e proprie regole, ma più che altro l'estro dell'educatore. Ecco da dove arriva il vostro bonsai da esterno, ed ecco il perché bisogna avvicinarsi a questa tecnica con enorme umiltà, tanta passione e molta pazienza.




COMMENTI SULL' ARTICOLO