Pianta bonsai

Pianta bonsai: come cominciare

Prendersi cura di una pianta bonsai non è eccessivamente difficoltoso. Inizialmente sarà bene acquistarne una già grandicella, dovrà avere almeno 4 o 5 anni. Le piante di questa età sono, generalmente, già preparate per essere dei veri e propri bonsai. A voi spetterà il compito di mantenerla sana e sempre ben umidificata. La dovrete collocare nella posizione ideale per la sua crescita, assicurandovi che abbia sempre la luce che necessita e la concimazione ideale. La pianta bonsai è comunque un vero albero, forte, fiero e abbastanza autonomo. Vivendo però in pochi centimetri di terriccio ha bisogno di voi, delle vostre attenzioni. Tra una pianta bonsai ed il suo bonsaista si instaura un rapporto particolare, un vincolo che dura anni, decenni e a volte per tutta la vita, visto che ci sono piante secolari. In Giappone i bonsai vengono tramandati da padre in figlio anche per diverse generazioni.
Quercia bonsai

STAR ssto 14pcs Set di strumenti di giardinaggio Mini Set di utensili a mano in legno Purificato insieme piante grasse insieme di attrezzi di piante a Console Bonsai

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,72€


Le cure che necessita il bonsai

Innaffiatura di una pianta bonsai La prima cosa da apprendere nella cura di una pianta bonsai è l'innaffiatura. L'acqua è vitale per la pianta ma va sempre ben dosata. Un ulivo, ad esempio, necessita meno acqua di un cipresso. Bisogna tener presente che la pianta bonsai non può ramificare in profondità come se fosse in natura, dove andrebbe a prendersi le sostanze necessarie alla sua sopravvivenza; bisogna quindi che gli vengano somministrate "manualmente". Ecco che diventano importanti le concimazioni. Sempre differenziandole a secondo la specie, le sostanze nutritive vanno aggiunte all'acqua durante le irrorazioni seguendo, però, un preciso piano di rilasci. Troppo concime la potrebbe bruciare o comunque creare seri danni. Di contro, una scarsa concimazione la vedrebbe soffrire e la renderebbe più facilmente attaccabile da parassiti e malattie. Trattamenti preventivi contro ragnetti rossi, afidi e cocciniglia sono indispensabili per una buona crescita della pianta bonsai.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

14pcs strumenti di giardinaggio Giardinaggio Prodotti mini Attrezzi da giardinaggio Attrezzi fiori piante in vaso mini pala / multifunzione fiori selvatici piccola pala

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€
(Risparmi 10,4€)


Rinvasi e deradicazioni: quando e perché

Impianto radicale di un bonsai Un'altra delle operazioni obbligatorie nella cura della pianta bonsai è il rinvaso. Che significa? Quando la pianta raggiunge la dimensione in cui la chioma supera di molto l'ampiezza della ciotola, è ora di rinvasarla in un "bon" più grande. Aumenterà la quantità di terriccio e la pianta potrà, piano piano, espandere l'impianto radicale. Durante questa operazione di rinvaso, in genere, si effettua anche quella di sfoltimento delle radici in modo che la pianta bonsai ne crei di nuove, rinnovandosi. La deradicazione è un'operazione molto delicata e, se fatta maldestramente, potrebbe portare alla morte la pianta stessa. Dovrete procuravi dei prodotti a base di ormoni e vitamine che aiuteranno la pianta a superare questo shock. Quando maneggerete le piccole radici, utilizzate sempre apposite forbici ben affilate, in modo da scongiurare marcescenze dannose. Per evitare i rinvasi bisogna tenere potata la pianta costantemente, così da impedirne la crescita.


Dare forma alla pianta bonsai

Educazione di un bonsai La parte più suggestiva dell'arte del bonsai, è riuscire a dare una forma particolare alla pianta. Bisogna fare attenzione però; la pianta bonsai ha una sua natura che cercherà in ogni modo di seguire. Un cipresso, ad esempio, tenderà sempre a riprendere una forma colonnare, anche se voi la state "educando" ad assumere curve particolari. Per ottenere buoni risultati ci vogliono anni. Con l'ausilio di fili di rame dello spessore adeguato al legno da "piegare", potrete indirizzare e sagomare la crescita del tronco oppure di un ramo. Per far assumere determinate posizioni come le svettaure esterne al "bon" o dare l'impressione che la pianta bonsai sia piegata dal vento, si utilizzano fili e pesi. Il bonsaista controllerà che la pianta cresca sana e la "educherà" a mantenere una determinata postura. In fondo lo dice il nome stesso: BON-SAI, educare nella ciotola.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO