Come fare un bonsai

Bonsai, cenni storici

Sicuramente molto ricercati per la loro particolarità ed eleganza, i Bonsai sono dei veri e propri alberi in miniatura, diciamo pure ridotti in scala. Eseguono le stesse funzioni degli alberi cresciuti in natura, ma hanno certamente bisogno di cure maggiori. L'arte di creare un Bonsai, perché di arte si parla, risale ai tempi dell'antico Giappone. I Giapponesi, appresero questa tecnica dai Cinesi e ne fecero una vera e propria arte che unisce in sè la bellezza data dalle svariate forme dei Bonsai, al rispetto per la natura, poiché un Bonsai è una pianta a tutti gli effetti, abituata a crescere in miniatura e che svolge esattamente le funzioni della stessa in natura. Per creare un Bonsai ci vogliono passione, tempo e pazienza ma le gratificazioni che si ottengono da una pianta che noi abbiamo piantato e fatto crescere, seguendola passo dopo passo, sono sicuramente maggiori rispetto al prendersi "semplicemente" cura di una pianta già forte e adulta.
Bonsai di Pino Nero

Exotenherz.de - Bonsai Carmona microphylla, 6 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Come fare un Bonsai, criteri di scelta

Bonsai Crassula Portulacaria Se abbiamo deciso di creare un Bonsai, la prima cosa a cui dobbiamo pensare è il luogo in cui dovremo posizionare la pianta. Se vogliamo coltivarla come pianta d'appartamento, dobbiamo scegliere una delle seguenti piante, che ben si adattano all'ambiente interno : Ficus, Serissa, Ligustro, Camelia, Carmona e Schefflera Arboricola. Per coloro che hanno poco tempo o vogliono qualcosa di più "facile" da coltivare sin dall'inizio, è molto consigliata la Crassula che è una pianta succulenta ed è più facile da far crescere e meno esigente in fatto di cure e manutenzione. Se invece abbiamo intenzione di coltivare il nostro Bonsai all'esterno, la scelta delle piante è sicuramente molto più vasta : Acero, Betulla, Cipresso, Cedro, Faggio, Falso Cipresso, Ginepro, Ligustro, Olmo, Pino Nero e Ulivo, solo per citarne alcuni. In ogni caso si consiglia di scegliere piante comuni nelle vostre zone, che quindi riescono a crescere bene nel clima in cui vi trovate ( che sia esso temperato, mediterraneo, marittimo, continentale ecc ).

  • Clivia Gli amanti dei colori caldi e dei più accesi arancioni non potranno che innamorarsi della clivia, pianta d'appartamento dalle dimensioni contenute ma dalla vivace fioritura, che costituisce un element...
  • Dracena marginata La dracena è una pianta che sviluppa una chioma caratteristica e molto decorativa, ma che non richiede moltissimo spazio per crescere e il suo sviluppo può essere facilmente contenuto: per queste ragi...
  • Gerbera Difficile non cedere al fascino delle gerbere: i fiori dalle ampie dimensioni e dalla forma molto semplice, simile a quella della margherita e della comune prataiola, si accompagnano all'allegria sgar...
  • Ipomea Gli amanti dei colori accesi non potranno non cedere al fascino dell'ipomea, pianta tropicale che sa coniugare tutta l'attrazione del colore con l'eleganza e la poesia della forma dei delicati fiori. ...

Generic-Kit per Bonsai, in acciaio al carbonio, 10 pezzi, Set forbici da giardinaggio, forbici per filo apparecchiature per attrezzi

Prezzo: in offerta su Amazon a: 71,83€


Creare Bonsai, tutto ciò che occorre

Esempio di talea Se avete deciso di creare un Bonsai ed avete già scelto la pianta che meglio si adatta alle vostre esigenze di coltivazione, dovete per prima cosa decidere come procedere per ottenere il vostro Bonsai. Ci sono diversi metodi, i più comuni sono : semina talea o margotta. Noi consigliamo il metodo per talea, sicuramente più facile e che ci permette di modellare il nostro Bonsai sin dalla crescita. Se si vuole procedere per talea, bisogna prelevare da un altro Bonsai un ramo, possibilmente giovane, durante il periodo estivo, tagliandolo in diagonale e cercando di non rimuovere la corteccia nella zona in cui si è effettuato il taglio. Una volta prelevata la talea bisogna eliminare quasi tutte le foglie, lasciandone solo alcune all'apice. Piantare la talea leggermente in diagonale in un vaso non troppo grande, utilizzando terriccio e sabbia, e coprendo il vaso con delle buste sorrette da sostegni in legno da inserire nel vaso, per mantenere un buon tasso di umidità. Innaffiare la talea quando il terriccio si asciuga, togliendo la busta e lasciando respirare la piantina.


Come fare un bonsai: Come fare un Bonsai, cure, manutenzione e stili

Bonsai di Olmo Cinese Se avete scelto di seguire il metodo per talea, dopo qualche mesetto la vostra nuova piantina inizierà a produrre vegetazione ( ovviamente in base al tipo di pianta ). Se il vaso non è eccessivamente piccolo, si consiglia di lasciare la talea lì per circa un annetto. Una volta che la nuova piantina avrà vegetato e generato un discreto apparato radicale, si può iniziare a pensare al vaso definitivo in cui andrete a far crescere il vostro Bonsai. Una volta scelto il vaso, potrete procedere con il trapianto ed iniziare a trattare il Bonsai come pianta adulta, forgiandolo in base allo stile che più vi piace ( eretto, inclinato, spazzato dal vento, a cascata ecc ). Da notare che ogni stile richiede una tecnica ben precisa. Per quanto riguarda la manutenzione, ogni Bonsai durante la crescita deve essere potato, sia per dargli una forma, sia per "costringerlo" a crescere in miniatura; man mano che cresce, circa una volta l'anno, il bonsai va estratto dal vaso e vanno potate le radici più grosse, lasciando invece quelle più piccole. Molto importanti le innaffiature, che devono essere regolari soprattutto se coltivato in appartamento.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO