Fioritura orchidee

Quando avviene la fioritura delle orchidee e quanto dura?

L'orchidea proviene dalle zone tropicali di America ed Asia, regioni dove il clima è caldo ed umido. E' importante saperlo perché il segreto per avere orchidee che crescono sane e robuste e danno fioriture frequenti e rigogliose è ricreare un ambiente il più possibile simile a quello d'origine. In generale in natura la fioritura delle orchidee avviene in autunno, con differenze anche notevoli da specie a specie, ma grazie alle manipolazioni dell'uomo possiamo ammirare orchidee fiorite in ogni periodo dell'anno. La durata della fioritura è molto variabile e dipende principalmente dal tipo di orchidea, si va da piante che in un anno fioriscono più volte come la Phalaenopsis, a piante che fioriscono una sola volta, ma per la maggior parte il periodo medio è tra 14 giorni ed un mese. Poiché non sono dotate di polline polverulento, in grado di sfruttare il vento per la sua diffusione, le orchidee per riprodursi hanno bisogno dell'intervento di mosche, api, farfalle. Ed è per questo che i fiori sono così variopinti e di forme così particolari. Spesso inoltre il fiore assume un aspetto originale proprio perché "progettato" per un determinato insetto.
Il fiore dell’orchidea presenta un’incredibile varietà di forme e colori

Super fertilizzante liquido concentrato Orchid Focus Fioritura 1 litro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Aspetto, struttura e peculiarità del fiore dell'orchidea

orchidea Cymbidium Il fiore dell'orchidea presenta una struttura molto originale, e' formato da sei elementi detti tepali, tre esterni (si possono chiamare per comodità sepali), e tre interni (petali) uno dei quali, molto diverso dagli altri per dimensioni e forma, prende il nome di labello, ed ha la funzione di attrarre gli insetti impollinatori. Nel bocciolo è situato in alto, ma durante la fase di apertura il fiore ruota di 180 ° (processo di resupinazione) in modo che il labello alla fine si trova in basso. Gli organi riproduttivi sono fusi insieme e sono contenuti in una struttura posta al centro del fiore chiamata colonna, al cui interno si trova l'antera che contiene il polline. Sotto l'antera vi è lo stigma pieno di liquido colloso che trattiene i pollini. Sotto lo stigma c'è l'ovario, organo di riproduzione femminile dalla fecondazione del quale si formerà il frutto (capsula o bacca) contenente migliaia di microscopici semi. Tali semi avranno però bisogno di determinati funghi per germinare, ed è per questo che le piante coltivate in casa non si riproducono.

  • Clivia Gli amanti dei colori caldi e dei più accesi arancioni non potranno che innamorarsi della clivia, pianta d'appartamento dalle dimensioni contenute ma dalla vivace fioritura, che costituisce un element...
  • Dracena marginata La dracena è una pianta che sviluppa una chioma caratteristica e molto decorativa, ma che non richiede moltissimo spazio per crescere e il suo sviluppo può essere facilmente contenuto: per queste ragi...
  • Gerbera Difficile non cedere al fascino delle gerbere: i fiori dalle ampie dimensioni e dalla forma molto semplice, simile a quella della margherita e della comune prataiola, si accompagnano all'allegria sgar...
  • Ipomea Gli amanti dei colori accesi non potranno non cedere al fascino dell'ipomea, pianta tropicale che sa coniugare tutta l'attrazione del colore con l'eleganza e la poesia della forma dei delicati fiori. ...

Seramis 1174458 Speciale mistura granulare per orchidee, 7 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,49€


Come aiutare la nostra orchidea ad avere fioriture rigogliose e durature

Bellissima fioritura di orchidee Phalaenopsis Le orchidee amano la luce e l'umidità, in casa la stanza più adatta è pertanto il bagno. Per creare un ambiente umido si può nebulizzare sulle foglie dell'acqua a temperatura ambiente, meglio se piovana. La maggior parte delle orchidee ha bisogno di poca acqua, è quindi preferibile annaffiarle una volta a settimana, o quando le radici sono asciutte. L'eccesso d'acqua è infatti la principale causa dei problemi di queste piante. Le annaffiature andrebbero poi ridotte in inverno quando la pianta è di solito in stato di riposo. Per vedere la propria orchidea fiorire è comunque opportuno conoscerne le specifiche esigenze di luce, temperatura e acqua, in quanto ogni genere ha le proprie necessità. Possiamo aiutare la pianta con periodiche concimazioni a base di azoto e potassio. In genere dopo la fioritura delle orchidee lo stelo va reciso, ma non nelle orchidee rifiorenti, come la Phalaenopsis, in cui su di uno stelo possono avvenire più fioriture e quindi lo si taglia solo se si secca. Tuttavia alcuni preferiscono recidere comunque lo stelo alla base perché la fioritura su un nuovo stelo è spesso più florida.


Fioritura orchidee: Quanto dura il fiore dell'orchidea?

Bouquet di orchidee Dendrobium per un tocco esotico Il fiore dell’orchidea dall’apparenza fragile e delicato in realtà dura a lungo, sia sulla pianta che come fiore reciso. La durata media, in condizioni di coltura ottimali, è di 4-6 settimane, ma ci sono grandi differenze tra le varie specie. Ad esempio quello della Phalaenopsis dura circa tre mesi, mentre quello della Cattleya 10-15 giorni. L'orchidea da sempre ci affascina e simboleggia bellezza, eleganza ma anche passione e sensualità. Mentre in Oriente è simbolo di perfezione e purezza e si regala spesso ai bambini, in Occidente rappresenta un pegno d'amore e dedizione per la persona per noi più importante e che ricambia la nostra passione. Ogni orchidea è poi adatta ad una particolare ricorrenza, la Cattleya, ad esempio, maestosa ed elegante è adatta al fascino dell'età matura e si regala spesso alla festa della mamma.



COMMENTI SULL' ARTICOLO