Cacomela

Quanto irrigare le piante di cacomela?

Queste piante trovano il loro habitat naturale nelle zone calde ma possiedono comunque grandi capacità di adattamento anche ai climi meno miti. Per questo motivo il cacomela cresce rigoglioso in Italia, sia nelle più fredde regioni del nord che in Calabria e Sicilia. Sebbene sia una pianta facile da coltivare, è tuttavia necessario prestare un minimo di attenzione, per non provocare la cascola, ossia la caduta di fiori e frutti prima del tempo. Per fare ciò bisogna irrigare il terreno nei giusti tempi e nella corretta quantità. La caduta prematura, infatti, può essere legata ad eccessiva o scarsa irrigazione nei primi due anni di vita dell'albero. É questo il periodo in cui il terreno deve essere annaffiato; in particolare, è necessario farlo ogni 20-25 giorni. Passato il biennio, il cacomela viene bagnato solo se sussiste una siccità prolungata e la pianta si mostra sofferente, con le foglie piegate verso il basso. Fonte: coloradofoodforest.com
Albero di cacomela

Pianta di Cacomela in vaso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 31,24€


Come coltivare il cacomela

cacomela frutti Il cacomela è una pianta che si adatta piuttosto facilmente al clima ed anche per quanto riguarda il terreno non è particolarmente esigente, l'unica richiesta è che questo sia ben drenato. In vendita si trovano di solito piantine di un paio d'anni d'eta: quando vengono acquistate è molto importante proteggerne le radici, che sono la parte più delicata. La pianta viene messa a dimora in primavera, in buchi nel terreno profondi circa 50 centimetri, mentre il colletto deve sporgere di 3 o 4 cm dal livello del suolo. Il tronco, ancora sottile, deve essere sostenuto con un bastone infilato nel terreno, lontano dalle radici per non rovinarle. É bene, a questo punto, arricchire il terriccio di riempimento con del concime organico, avendo cura di rimetterlo nella buca senza comprimerlo troppo. Negli anni successivi la pianta non richiede particolari potature a parte, se necessarie, quelle per direzionarne la crescita. Fonte: ask.extension.org

  • Albero cachi mela Esistono molte varietà di cachi mela, alcune delle quali innestate proprio per lo scopo di rendere più resistente la pianta. I cachi mela tollerano molto bene il caldo, anche quello intenso e prolunga...
  • Un albero di Diospyros kaki La pianta del caco, il cui nome italiano viene dalla specie cui appartiene che è quella del Diospyros kaki, è un albero della famiglia delle Ebenacee, originario della Cina e del Giappone. In oriente ...
  • Pianta frutto cachi La pianta del cachi si adatta ad ogni tipo di terreno preferendo però quelli freschi e profondi a quelli argillosi e ricchi di calcare. Questa pianta predilige il clima mediterraneo, ma ha una elevata...

Piante Asimina Triloba Sunflower - 2 anni

Prezzo: in offerta su Amazon a: 42€


Come e quando concimare

Concimare cacomela La prima concimazione avviene al momento della messa a dimora nel terreno. In questo caso è necessario mescolare al terriccio che va a coprire la buca del concime organico ricco di azoto. Il fertilizzante ideale è la cornunghia, formato da scarti di lavorazione di corna e unghie di animali. Si tratta di un composto che favorisce l'aumento di azoto nel terreno e aiuta a prevenire la formazione di muffe o funghi che potrebbero attaccare la pianta. Ogni anno, all'inizio dell'autunno, è buona regola spargere ai piedi della pianta circa 200 grammi di fertilizzante, incorporandolo con una leggera lavorazione a rastrello. Inoltre, per meglio preservare la salute del cacomela nei mesi più freddi, è consigliabile coprire il terreno con uno strato di cortecce di pino. Queste servono a mantenere più calde le radici e a ridurre i rischi di malattie. Fonte: ksk-global.com


Cacomela: Esposizione, malattie e possibili rimedi

Pseudococcus viburni Sebbene il cacomela sia una pianta resistente, la sua esposizione ideale è comunque in pieno sole, posizione che le consente una veloce crescita e una ricca fruttificazione. Non si tratta di una pianta che richieda cure particolari, se non nei primissimi anni di vita, quando le radici non hanno ancora raggiunto una sufficiente resistenza al freddo. In questo caso la soluzione è coprire il terreno soprastante con della corteccia. L'eccessivo freddo o l'irrigazione troppo abbondante possono causare il marciume delle radici e l'attacco da parte di funghi e parassiti come lo pseudococcus viburni, il cotonello del kaki. Nei periodi secchi, invece, il pericolo è rappresentato dalla mosca della frutta, le cui punture provocano la lesione dei tessuti del frutto, che marciscono dando origine a macchie scure. In questo caso bisogna eliminare subito i frutti colpiti e limitare lo sviluppo dei parassiti mediante olio bianco, un insetticida privo di sostanze tossiche, usato anche in agricoltura biologica. Fonte: creepycrawlieslove.tumblr.com


  • caco mela I cachi mela non sono piante particolarmente esigenti in termini di apporto idrico. Ovviamente le giovani piante sono mo
    visita : caco mela
  • cacomela Contrariamente a quanto potrebbe suggerire il nome, il Cacomela non è un incrocio di melo e kaki, ma è una particolare t
    visita : cacomela
  • caco mela coltivazione Esistono molte varietà di cachi mela, alcune delle quali innestate proprio per lo scopo di rendere più resistente la pia
    visita : caco mela coltivazione

COMMENTI SULL' ARTICOLO