Noce

Tecniche e tempi di irrigazione

Il Noce è un albero imponente e maestoso che pur essendo originario del continente asiatico, cresce molto bene anche nei nostri ambienti. Presenta un tronco solido e grande e delle radici robuste che si sviluppano in profondità notevole. Le foglie dell'albero si presentano solitamente alternate, di un verde brillante e da numerose venature. Verso settembre/ottobre si possono raccogliere i frutti che appaiono protetti da una scorza più verde esterna e da una marrone scuro, di consistenza coriacea più interna. Entrambe proteggono il frutto formato da gherigli, sua forma caratteristica. Il Noce è un albero che sopporta le basse temperature, ma non gli eccessi di caldo o freddo. Durante i periodi estivi infatti è consigliata un'irrigazione continua ed abbondante, mentre nei periodi più freddi si deve dosare la quantità d'acqua, in quanto a causa della bassa temperatura evaporando più lentamente, si potrebbero creare ristagni idrici letali per la pianta e le sue radici. Gli interventi irrigui nei periodi che vanno da giugno a settembre devono essere intervallati di 10 o 15 giorni e sospesi per circa 10 giorni quando si verificano situazioni metereologiche sconvenienti.
Noce frutto

Peugeot Ternate Macinino per noce moscata, in acrilico e ABS, cromato, 1 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,66€
(Risparmi 0,29€)


Tecniche di coltivazione

Albero noce Il Noce è un albero abbastanza autonomo che viene coltivato anche per sfruttare il suo pregiato legno. È un albero che attecchisce su circa tutti i terreni, prediligendo l'ambiente collinare, poco esposto all'umidità e abbastanza fertile. Sono sconsigliati i terreni argillosi perché poco drenanti. Le tecniche per la propagazione avvengono per seme o per innesto. La semina delle noci viene effettuata nel periodo autunnale. Le piante saranno pronte per la messa a dimora dopo il secondo anno di coltivazione dal momento della semina. Potranno subire l’innesto della varietà prescelta nel periodo invernale. I sesti di impianto variano da 10 metri tra le file e le piante nei terreni più piccoli mentre in quelli più estesi si aumentano a 15 metri. Per quanto riguarda la potatura, ci si orienta ad ottenere la cosiddetta potatura verde. Quando i germogli si sviluppano fino a circa 20/25 cm si attua un primo taglio che decide la lunghezza del fusto. In questa fase si deve cercare di rimuovere tutti i polloni, per poter ridurre gli altri rami di almeno due foglie dall'asse centrale. Il secondo intervento di potatura si svolge nel mese di luglio per garantire sviluppo al germoglio centrale.

  • Frutti di Macadamia La macadamia appartiene alla famiglia delle Proteacee ed al genere Macadamia, comprendente due specie coltivate: M. integrifolia e M. tetraphylla, esse si diversificano tra loro per le caratteristiche...
  • Frutti di Noce del Brasile Il noce del Brasile appartiene alla famiglia delle Letichidacee, al genere Bertholletia ed alla specie excelsa. È un albero di dimensioni molto grosse, infatti può superare i 50 m d’altezza, estremame...
  • Pianta di Palma da Cocco La palma da cocco appartiene alla famiglia delle Arecacee o Palmecee, al genere Cocos ed alla specie nucifera. È un albero di grosse dimensioni, avente un fusto colonnare e slanciato alto anche oltre ...
  • Seme di Pecan Il pecan appartiene alla famiglia delle Juglandacee, al genere Carya ed alla specie illinoensis. È un albero di notevoli dimensioni, alto fino a 40 m, molto longevo, le piante centenarie presentano ...

Tavolo tavolino pieghevole richiudibile legno noce marrone 100x60 cm campeggio casa in faggio con listelli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 47,01€


Concimazione

Foglie frutti noce Il Noce è un albero la cui somministrazione di concime dipende anche e soprattutto da esigenze nate qualora la pianta dovesse trovarsi in particolari terreni carenti di alcune sostanze. Nella maggior parte dei casi è consigliato l'apporto di concimi chimici dopo il quinto anno di età, mentre nel periodo giovanile della pianta sono più adatti i concimi organici. Come per molti altri alberi la concimazione viene suggerita ogni uno/due anni con letame ben maturo o altri concimi organici che vengono integrati con concimi chimici a base di fosforo, potassio, microelementi e in particolare azoto, il quale deve fungere da energizzante. Nei terreni poco fertili è necessario rincarare la dose e la frequenza degli interventi. La concimazione prevede quindi, l'apporto di molto azoto fino al quinto anno, e successivamente l'aggiunta di potassio e fosforo, dosati in maniera tale da ottenere rispettivamente un rapporto di concimazione di 2:1:2.


Noce: Parassiti e malattie

Noci frutta Nonostante il Noce sia un albero che si distingue in maestosità e imponenza non manca di essere, in alcuni casi, bersaglio di parassiti o malattie fungine. Un dei più temuti è senz'altro il verme, che elude i controlli costituiti dai molteplici strati protettivi della noce e va a cibarsi internamente della stessa. Un altro parassita molto pericoloso è il rodilegno, che è in grado di danneggiare il legno poiché capace di scavare lunghe e profonde gallerie nel fusto dell'albero. L'antracnosi è invece un fungo in grado di apportare dei seri danni alla pianta di Noce, dal momento che oltre alla cascola dei frutti causa anche una caduta repentina e totale delle foglie dell'albero. Inoltre laddove il terreno è molto umido, freddo o preda dei ristagni idrici diventa luogo ideale del marciume radicale, che provoca tumefazioni e cancri alle radici o alla base del tronco portando il Noce irreparabilmente alla morte. Questi pericoli naturali a volte anche insiti all'interno del terreno, si sconfiggono applicando dei trattamenti di prevenzione e sfruttando dei prodotti a base di rame (poltiglia bordolese e ossicloruri).


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO