Nashi frutto

Irrigazione

Il Nashi frutto è una pianta che non richiede eccessive attenzioni dal punto di vista della somministrazione di acqua. Tuttavia, nel caso in cui si desideri ottenere frutti di una certa qualità e pezzatura, occorre fornire alla pianta il giusto apporto idrico e soprattutto al momento giusto. Infatti, l'irrigazione deve essere effettuata in maniera bilanciata, evitando di creare situazioni di eccesso di acqua o, al contrario, situazioni di sofferenza. Inoltre, bisogna considerare anche il periodo vegetativo. In particolare, l'acqua va fornita in misura limitata durante la fase di crescita dei germogli, mentre è necessario effettuare irrigazioni più abbondanti durante la fase di accrescimento dei frutti. Le modalità di somministrazione dell'acqua devono tenere conto anche dell'estensione del campo. Nel caso di poche piante, si può irrigare attraverso il classico metodo di irrigazione a conca. Nel caso in cui, invece, il campo abbia un'estensione maggiore, si consiglia di ricorrere ai moderni impianti di irrigazione a goccia che consentono di fornire lo stesso quantitativo di acqua ad ogni pianta.
Nashi frutto

PIANTA ALBERELLO DA FRUTTO ALBERO DI PERA NASHI 190

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


La tecnica di coltivazione

Pianta nashi frutto Il Nashi frutto è una pianta originaria della Cina. Il clima ideale è quello temperato caldo, nonostante questo si adatta molto bene al clima mediterraneo. Può essere tranquillamente coltivato nelle zone di produzione delle pesche, ma anche in quelle dove sono coltivate le mele. Il Nashi frutto è in grado di sopportare anche le temperature più rigide nel periodo invernale. Le gelate primaverili, invece, potrebbero comportare seri danni al raccolto. Il Nashi può essere innestato usando come portainnesto la pianta del pero comune. La modalità di innesto più consigliata per il Nashi è l'innesto a gemma, che va effettuato tra agosto e settembre. Nel caso in cui il portainnesto sia già sviluppato e il tronco sia abbastanza grande, si consiglia di utilizzare l'innesto a spacco. In questo caso l'operazione va effettuata verso febbraio.

  • Frutti di Nashi Il nashi, detto anche pero asiatico, appartiene alla famiglia delle Rosacee, alla sottofamiglia delle Pomoidee, al genere Pyrus ed alla specie pyrifolia o serotina. È un albero abbastanza vigoroso e ...
  • Ramo di Ulivo L’olivo appartiene alla famiglia delle Oleaceae comprendente circa 30 generi, tra cui Fraxinus, Jasminum, Phillyrea Syringa, Ligustrum ed Olea. La specie Olea europaea presenta diversi aspetti morfolo...
  • Pianta di melo con frutti La storia del melo è molto antica; sembra che il suo centro d’origine sia localizzato in unaregione montagnosa del Sud-Est della Cina dove, tramite la propagazione delle specie Malus Sieversii, si s...
  • Albero di Pero Il pero appartiene alla famiglia delle Rosaceae, alla sottofamiglia delle Pomoidee ed al genere Pyrus, comprendente una trentina di specie diffuse in tutto il mondo. La specie Pyrus communis è tipica ...

1 PIANTA PERO NASHI HOSUI PERA GIAPPONESE MATURA AD AGOSTO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Come prendersene cura

Nashi frutto fiore La potatura del Nashi frutto è un'operazione da compiere in due distinti periodi. La potatura invernale va effettuata per eliminare i rami che hanno già portato frutto. La potatura estiva si esegue dopo la raccolta, e va ad eliminare i succhioni. Un ulteriore potatura può essere realizzata durante la fase di fioritura, con il semplice accorciamento dei rami. Un’altra operazione molto importante è quella del diradamento dei frutti. Il Nashi, infatti, è una pianta in grado di produrre numerosi frutti. Tuttavia questa situazione è controproducente dal punto di vista qualitativo e della pezzatura. Pertanto, un mese dopo la fioritura, si consiglia di procedere con il diradamento dei frutti. La concimazione del Nashi deve essere effettuata in diverse fasi. In autunno si esegue una prima concimazione con prodotti a base di azoto. In inverno, durante la fase di riposo vegetativo si somministrano concimi a base di azoto, fosforo e potassio. Questi ultimi due elementi serviranno alla pianta come stimolanti per la ripresa vegetativa. Il terzo intervento di concimazione a base di azoto si effettua a primavera. L'ultima concimazione si esegue in estate somministrando prodotti a base azotata.


Nashi frutto: Le malattie

Nashi colpo fuoco Il Nashi frutto non presenta particolari problematiche. Tuttavia questa pianta può essere colpita dalla carpocapsa o dalla psilla del pero. In questo caso, se l’attacco non risulta essere di portata così estesa da compromettere la produzione e si è prossimi al raccolto, si può evitare di intervenire. Nel caso in cui si fosse costretti ad effettuare dei trattamenti, si consiglia di utilizzare dei prodotti specifici per queste problematiche. Un altro problema che può interessare il Nashi è il marciume nero e la ticchiolatura. In questo caso si consiglia di intervenire con degli anticrittogamici. In ogni caso, prima di utilizzare qualsiasi prodotto chimico, si consiglia di consultare un esperto del settore, per stabilire dosi e modalità di somministrazione, evitando in tal modo, di arrecare ulteriore danno alla pianta. Un ultimo problema che può colpire il Nashi, per cui purtroppo non c'è cura, è il colpo di fuoco. In questo caso l'unica soluzione è la prevenzione. Si raccomanda di evitare l'uso di cesoie sporche e non disinfettate. Nel caso in cui dovesse manifestarsi questa problematica l'unica soluzione è eliminare la pianta malata.


Guarda il Video
  • nashi frutto Nashi è un frutto asiatico poco conosciuto ed apprezzato in Italia. Si tratta del pero selvatico asiatico, nativo della
    visita : nashi frutto

COMMENTI SULL' ARTICOLO