Pianta arachidi

Caratteristiche della pianta delle arachidi

Il nome scientifico della pianta delle arachidi è Arachis hypogaea, una pianta erbacea che fa parte della famiglia botanica delle Fabaceae, cioè le Leguminose. L'arachide è originaria del Sud America, probabilmente da Paesi come il Brasile, il Paraguay e la Bolivia. La pianta è annuale e raggiunge un'altezza tra i 40 e i 60 cm. Le sue foglie sono opposte e formate da 4 foglie più piccole con lunghezza variabile tra 1 e 7 cm e larghezza di 1-3 cm. I fiori sono di colore giallo e presentano delle venature rossastre. I frutti sono dei legumi, baccelli con 2, 3 o 4 semi, di lunghezza fra 3 e 7 cm. Per giungere a maturazione i frutti si interrano per geotropismo, ad una profondità di 5-15 cm. Da questa caratteristica deriva infatti il nome della specie (hypogaea, cioè sottoterra). Esistono due sottospecie di arachide: hypogaea subsp. hypogaea e hypogaea subsp. fastigata. La prima comprende la varietà Virginia e Peruvian e la seconda le varietà Valencia e Spanish.
Una <em>pianta di arachidi</em> fiorita

10pcs / bag da giardino piante organiche arachidi semi, semi di ortaggi e anche i semi della frutta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Consumo dell'arachide

Baccelli di arachidi tostate Le arachidi sono molto diffuse ed apprezzate. I semi vengono consumati dopo la tostatura e sono considerati come frutta secca a guscio, benché siano botanicamente dei legumi. In passato la pianta di arachide era molto comune negli orti familiari perché facile da coltivare e i suoi baccelli facili da conservare. Nella stagione invernale le arachidi rappresentavano un'ottima fonte proteica, unite ad un'alto potere calorico, oltre ad un cibo piacevole. Attualmente, non essendoci più il problema della ristrettezza alimentare, l'arachide continua ad essere gustata in ogni periodo dell'anno. La pianta è coltivata, oltre che in Europa e nel Sud America, anche in Africa ed in Asia. La varietà più pregiata di arachide si trova, comunque, in Israele. Il seme del frutto dell'arachide è ovale e di colore giallo scuro, ricoperto da una sottile pelle rossa. Nei Paesi extraeuropei, generalmente, l'arachide è consumata lessata piuttosto che tostata.

  • Pianta di Tamarindo Il tamarindo appartiene alla famiglia delle Leguminose, alla sottofamiglia delle Cesalpinioidee, al genere Tamarindus ed alla specie indica. È un albero a lenta crescita, in grado di superare un’altez...
  • Piante di lupini Il lupino è una delle più antiche piante di leguminose originarie del bacino mediterraneo. Si adatta molto bene anche ai terreni più aridi e poveri di sostanze nutritive. Ha la caratteristiche di migl...

10pcs / bag da giardino piante organiche arachidi semi, semi di ortaggi e anche i semi della frutta

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Coltivazione della pianta dell'arachide

Arachidi appena raccolte La pianta dell'arachide, pur avendo origini tropicali, viene coltivata con successo anche nel nostro Paese. La semina viene effettuata ad aprile-maggio, ad una temperatura ottimale di 16°C, e la raccolta si svolge nel periodo tra settembre ed ottobre. I semi si inseriscono nella terra senza il baccello ma con il tegumento rosso. La distanza tra i semi è di 15 cm e quella tra le diverse file SI aggira sui 50 cm. Le annaffiature devono essere abbondanti, nei primi mesi, durante i quali avviene la germinazione e la fioritura. L'apporto idrico è interrotto nel periodo della maturazione. Quando le foglie iniziano ad ingiallirsi, giunge il momento della raccolta. Si estirpa quindi tutta la pianta ed in seguito si lasciano essiccare i baccelli. Da 100 g di semi di arachide, baccelli compresi, si possono ottenere un chilo e mezzo di arachidi, sempre compreso il baccello.


Pianta arachidi: Coltivare l'arachide in vaso

Piantine di arachide in vasoLa pianta delle arachidi richiede poche attenzioni, basta scegliere un luogo ben soleggiato e darà la soddisfazione di un raccolto generoso. Poiché la pianta matura i propri frutti sottoterra, il substrato dovrà essere morbido, meglio se con sabbia di fiume, evitando i terricci con argilla o pietrosi. Inizialmente non è necessaria una particolare concimazione. Nella coltivazione in vaso occorre porre sul fondo dell'argilla espansa, in modo da evitare il ristagno dell'acqua, dannoso per l'arachide. Si possono piantare 3-4 semi in un vaso di 40cm di larghezza e profondità. Nella fase di crescita ed interramento, l'innaffiatura sarà frequente. Una volta apparsi i fiori gialli, bisogna fertilizzare il terreno con fosforo e potassio. Quando i baccelli saranno interrati, sarà importante aggiungere altri 5 cm di terreno su di essi e ridurre l'annaffiatura fino a sospenderla. Quando la pianta ingiallisce, i baccelli saranno color sabbia con i semi formati e la raccolta potrà essere effettuata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO