Coltivazione mirtillo

Coltivazione mirtillo: terriccio e acidità

Il mirtillo è un cespuglio di piccole dimensioni che prolifica in climi temperati freddi. Tra le varietà principali ci sono quello gigante americano, con bacche di circa 2 cm di diametro e alberi che possono arrivare a 9 m di altezza, quello nero e quello rosso - entrambi presenti in natura come piante di circa un metro d'altezza o addirittura siepi striscianti. Di seguito alcuni accorgimenti per la coltivazione del mirtillo riguardo acidità del terreno, esposizione, e potatutra. Andando con ordine, si badi ad acidificare il terreno - pH tra 4.5 e 5.5 - con torba, zolfo e argilla, per renderlo adatto ad accogliere l'arbusto. Questa operazione è eseguibile sia in vaso che all'aperto: nel secondo caso prima di posare la pianta nel terreno, si scavi una buca in cui riporre il rinforzo del substrato che sarà a contatto con le radici.
Ramo di mirtillo

ALTEA CONCIME ORGANICO NATURALE A LENTA CESSIONE SPECIFICO PER LA COLTIVAZIONE DEI FRUTTI DI BOSCO IN CONFEZIONE DA 1,5 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,75€


Coltivazione mirtillo gigante americano

Mirtillo gigante americano Negli Stati Uniti si è sviluppata la varietà domestica della pianta, che permette di produrre frutti del diametro di circa 2 cm. Come abbiamo già visto, una delle caratteristiche generali di coltivazione di ogni specie di mirtillo è l'alta acidità del terriccio. Ricordiamo inoltre che esso è sensibile al caldo e alla siccità pretende annaffiature regolari e intense anche nei periodi più freddi (si impianta dall'autunno alla primavera, fiorisce a maggio e fruttifica a fine estate). La pianta necessita di una potatura rigorosa fino al terzo anno (germogli deboli, fiori e rami troppo vigorosi saranno quindi eliminati): dal quarto si baderà all'ordine dell'arbusto e lasciare in vita solo 4 o 5 branche attive, per mantenere alta la produttività fruttifera.

  • bacche Mirtillo Il mirtillo appartiene alla famiglia delle Ericacee ed al genere Vaccinum; le specie più importanti sono: il mirtillo nero (Vaccinum myrtillus), il mirtillo rosso europeo (Vaccinum vitis idaea), il mi...
  • Pianta di mirtillo allo stato selvatico Abituato a condizioni poco favorevoli, il mirtillo è una delle piante da frutta più belle e al contempo più facili da coltivare dell'orto autunnale. Il mirtillo nero è una pianta spontanea che si inco...
  • Piante di mirtillo La pianta del mirtillo appartiene alla famiglia delle Ericacee del genere vaccinium. La sua coltivazione viene effettuata per raccogliere i frutti dai quali si ottengono gustose confetture o altri pro...
  • Mirtilli. Le piante di mirtillo sono arbusti alti all'incirca 60 centimetri, tipici del sottobosco, della fascia montana e generalmente dei terreni ricchi di humus. Le varie specie si possono suddividere in tr...

Trappola per Zanzare LED Apalus® Ecologico (Modello Migliorato), Trappola per Insetti per Catturare Piccoli Insetti, Incluso Gratuitamete l'attrattivo di Zanzare (Vedere Offerte Speciali e Promozioni)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 34,99€
(Risparmi 5€)


Coltivazione mirtillo nero

Mirtillo nero spontaneo, in Germania. Di ben più piccole dimensioni rispetto alla varietà d'oltreoceano, il mirtillo nero (quello che noi tutti conosciamo) oltre a essere cespuglio spontaneo in tutto il Nordeuropa, si presta anche alla coltivazione in vaso, sebbene questa pianta non sia ancora particolarmente diffusa nei giardini e sui terrazzi. Seguendo le indicazioni generiche di coltivazione riguardo acidità del terreno e potatura, anche per per la messa a dimora valgono gli accorgimenti usati per il mirtillo gigante, mentre se si intende provare in vaso si scelgano contenitori piuttosto capienti (almeno 40 cm di profondità e altrettanti di diametro). Per quanto riguarda esposizione e annaffiatura, ricordiamo che il mirtillo ama la luce ma non il caldo eccessivo quindi si badi a tenerlo ben idratato, a mezz'ombra.


Mirtillo: usi e proprietà

Mirtilli recisi dalla pianta La pianta di mirtillo è utilizzata ampiamente sia in fitoterapia che in gastronomia. In cucina vengono consumati freschi insieme agli altri piccoli frutti del sottobosco oppure sotto forma di conserva e salse: ingrediente molto amato soprattutto nel periodo autunnale è protagonista di numerose ricette grazie al suo sapore deciso e zuccherino. Questo frutto, inoltre, contiene numerose vitamine e sostanze importanti per l'organismo: ottima fonte di vitamina A e C, contiene anche sali minerali e ha un'azione antiossidante. Le sue proprietà omeopatiche lo rendono particolarmente efficace nel trattamento dei disturbi cardiovascolari come la frgilità capillare (soprattutto di origine venosa) grazie alla sua qualità di vasodilatatore. Ancora è antinfiammatorio naturale e le sue foglie contengono sono ipoglicemizzanti.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO