Fragole in vaso

Caratteristiche generali delle fragole

La fragola è una pianta erbacea che appartiene al genere Fragaria, Famiglia delle Rosacee. Di solito quando la nominiamo intendiamo riferirci alla sua parte edule. Quella parte che viene considerata un frutto, ma che in realtà dal punto di vista botanico è un falso frutto: i frutti veri e propri, infatti, sono gli acheni, ossia i semini gialli che si vedono sulla superficie della fragola. La fragola è dotata di un elevato tenore zuccherino, ed è anche un'ottima fonte di vitamina C e di flavonoidi. Questo sembrerebbe spiegare le probabili caratteristiche anti-infiammatorie della fragola, legate al contenuto in antociani che sono, appunto, dei flavonoidi. Val la pena ricordare che gli antociani sono dei pigmenti naturali che nel caso della fragola le conferiscono il caratteristico colore rosso.
Una pianta di fragole in vaso

Vaso in tessuto BloemBagz Fragolario 35 L: Colore Tequila Sunrise

Prezzo: in offerta su Amazon a: 27€


Cure colturali delle fragole in vaso

Un simpatico modo di allevare fragole in vaso Per coltivare le fragole in vaso non sono necessari grandi contenitori: queste piante producono un apparato radicale che è abbastanza minuto e superficiale. Vanno benissimo i vasi lunghi dei gerani, oppure i vasi in terracotta. Se potete, preferite la terracotta: permette meglio l'aerazione delle radici. Il diametro dei vasi dovrebbe aggirarsi sui 20-25 cm di diametro, ponendo una pianta per vaso. Ricordatevi che le fragole sono piante nate per vivere nel sottobosco, quindi hanno bisogno di luoghi semi ombreggiati e freschi, ventilati, con buona umidità del terreno. Posizionate i vasi in modo tale che prendano sole diretto nelle ore più fresche del giorno, facendo in maniera che si trovino all’ombra nella parte centrale della giornata. Tenete il terreno fresco, ma non create ristagni.

  • Il frutto della fragola La fragola ama i terreni con un pH che abbia un valore compreso fra 5,5 e 6,5 anche se tollera valori di pH anche di 7,5. Il suo fabbisogno idrico è moderato, ma necessita di irrigazioni costanti dura...
  • fragole mature Le fragole non si ottengono quasi mai a partire dal seme. Si possono creare nuove piantine a partire da una fragola madre, ottenendo una copia perfetta dell'originale. Oppure è possibile acquistare pr...
  • Fragole mature Le fragole rampicanti sono una varietà di piante che possono essere coltivate sia in piena terra che in un vaso. Si prestano perciò anche alla coltivazione in terrazzo oppure su un balcone, dove sprig...
  • disegno botanico della fragola fragaria Le fragole sono dei frutti che appartengono al genere Fragaria. Esistono circa seicento diverse varietà di fragole, senza contare quelle selvatiche che crescono spontaneamente nei boschi. La fragola è...

Asvert 10 Pezzi Vasi Di Fiori Vaso Hanging con Rimuovibili Ganci per Balcone Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,99€
(Risparmi 56,28€)


Moltiplicazione delle fragole in vaso

fragole in vaso con stoloniLe piante di fragole possiedono una radice stolonifera. Questo tipo di apparato produce gli stoloni, i quali sono rami che si originano da gemme laterali, alla base della pianta, nella regione del colletto. Gli stoloni tendono, poi, a formare foglioline e radici alla loro sommità, generando in questo modo un'altra pianta. Potrete utilizzare questo sistema per avere nuove piante, quando le piante madri avranno raggiunto il terzo anno di età; il momento, cioè, in cui caleranno sensibilmente la produzione di frutti. Utilizzando questo sistema, scarterete le vecchie piante e non avrete praticamente nessun costo per la loro moltiplicazione. Le fragole andrebbero poste a dimora ad agosto, in modo che abbiano il tempo di irrobustirsi entro la primavera successiva, quando saranno già produttive.


Fragole in vaso: Principali parassiti e patologie delle fragole

Frutto di fragola affetto da Botritys Antracnosi, Botritys, Oidio, Afidi e Ragnetto Rosso sono le maggiori patologie della fragola. Le prime tre sono muffe, gli altri animaletti. Come sempre le muffe sono favorite da condizioni di alta umidità e pessimo drenaggio dei terreni o da innaffiature sconsiderate; ricordatevelo... L'Antracnosi attacca prevalentemente i frutti; è contrastata da trattamenti antiparassitari effettuati durante il periodo fiorale. Tutte le parti vegetative della pianta (foglie, fiori, peduncoli e corona) sono un "terreno di conquista" per la Botritys e l'Oidio; come per l'Antracnosi, sui frutti gli attacchi sono più frequenti. Gli Afidi e il Ragnetto Rosso colpiscono anche loro tutta la pianta. Trattamenti antiparassitari o lotta biologica, a voi la scelta.... In via precauzionale eliminate le foglie secche: sono un'ottimo nascondiglio per i parassiti e le muffe.



COMMENTI SULL' ARTICOLO