Uva spina

Come annaffiare l'uva spina,

L’Uva spina è una pianta arbustiva perenne, caratterizzata da un fusto eretto e nella maggior parte delle specie, da rami coperti di spine. I suoi frutti sono bacche tondeggianti di differenti dimensioni e colorazioni, a seconda delle cultivar. Tra le varietà più conosciute spiccano:

- Uva spina Careless, caratterizzata da grandi bacche verdi

- Uva spina Poorman, con bacche rossastre di medie dimensioni

- Uva spina Leveller, con grandi bacche gialle

- Uva spina Pax, con bacche di medie dimensioni, conosciuta per la mancanza di spine

Coltivare l'Uva spina è semplice, data la sua capacità di adattamento a qualsiasi terreno purché fertile e l'elevata resistenza alle malattie. È buona regola annaffiare la pianta di Uva spina con dosi di acqua abbondante, soprattutto prima della fioritura e in estate, per tutto il periodo della maturazione dei suoi buonissimi frutti.

Uva spina poorman

UVA SPINA BIANCA GIALLA (1 PIANTA)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Coltivare l'uva spina

Uva careless Per coltivare l'Uva spina ed avere una buona raccolta già sui rami di due anni è necessaria la preparazione del preimpianto in un terreno fertile, lavorato in profondità. Le giovani piante di Uva spina che vengono vendute a radice nuda, devono essere preventivamente immerse in una poltiglia di fango, per rinvigorirle e garantire un migliore attecchimento. È buona regola scavare una buca larga e profonda almeno mezzo metro, nella quale porre della cornunghia e interrare le radici in una miscela di terriccio e letame composto. Il periodo migliore per la messa a dimora è il periodo che va dal mese di novembre fino alla fine di marzo. Tutte le specie di Uva spina si sviluppano velocemente nelle zone a clima temperato e con una buona umidità, come ad esempio nelle aree pedemontane e nelle regioni prealpine. La raccolta dei frutti avviene tra giugno e agosto.

  • Pianta di Cappero Il cappero appartiene alla famiglia delle Capparidacee, al genere Capparis ed alla specie spinosa, comprendente due sottospecie: rupestris, un arbusto alto 1,5-2 m con chioma fitta, foglie caduche e p...
  • Foto di Cedrina La cedrina, detta anche erba citrina o erba luigia, appartiene alla famiglia delle Verbenacee, al genere Lippia ed alla specie citriodora. È una pianta perenne, alta 1,5-2 m ed ampia 1-1,5 m, che assu...
  • Pianta di Pungitopo Il pungitopo appartiene alla famiglia delle Liliacee, al genere Ruscus ed alla specie aculeatus.È un arbusto sempreverde e perenne, alto fino ad 1 m, con un portamento cespuglioso, fusti robusti, er...
  • Foto del Rosmarino Il rosmarino appartiene alla famiglia delle Labiate, al genere Rosmarinus ed alla specie officinalis.È un arbusto perenne alto generalmente 1 m e largo anche più di 1,5 m, con un portamento cespugli...

1 PIANTA DI UVA SPINA ROSSA CAPTIVATOR matura a luglio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,9€


Concimare e potare la pianta

Ramo piccoli frutti Già dall'anno anno successivo dalla messa a dimora dell'Uva spina, la pianta è in grado di ramificare autonomamente. Tuttavia per preservare la fertilità del suolo e provocare una buona fruttificazione è buona regola concimare la pianta di Uva spina una volta all'anno, nel periodo autunnale. È consigliabile porre una quantità abbondante di concime organico alla base del fusto, dopo una profonda sarchiatura. Anche in primavera l'aggiunta di fertilizzante per alberi da frutto può aiutare il potenziamento della fioritura e della successiva maturazione dei frutti, così come possono essere utili interventi di pacciamatura per mantenere la giusta umidità nel substrato e consentire alla pianta di assorbire dal terreno il nutrimento necessario. Gli interventi di potatura dell'Uva spina servono a mantenere solo i rami più vigorosi capaci di produrre molti frutti. Devono essere potati i rami vecchi ed eliminate le ramificazioni deboli che ingombrano il centro della pianta, per garantire la giusta ossigenazione e mantenere il portamento armonioso all'arbusto.


Uva spina: Malattie e rimedi

Pianta oidio Pianta conosciuta per essere piuttosto forte e resistente alle avversità, l'unica malattia della pianta di Uva spina è lo oidio che colpisce soprattutto la varietà Poorman e tutte le specie a frutto rosso. Per combattere lo oidio solitamente vengono utilizzate formule a base di zolfo che però sia in polvere che in forma bagnabile, provoca nell'Uva spina un'azione fitotossica, con il conseguente arresto della vegetazione e la caduta delle foglie. Dunque per guarire la pianta è necessario ricorrere ad altre sostanze, i prodotti antioidici specifici sintetici, in vendita nei vivai specializzati. Per prevenire lo oidio è buona regola effettuare un trattamento con poltiglia bordolese una volta all'anno a fine inverno, in modo da evitare lo sviluppo della malattia durante la fase vegetativa dell'Uva spina.



COMMENTI SULL' ARTICOLO