Cavolaia

Il giardino e gli abitanti

Quando decidiamo di dotare la nostra abitazione di un giardino, noi non solo scegliamo di avere un pezzetto di natura tutto per noi, provando a prendercene cura come un hobby ma anche desiderando di ricevere in cambio quella serenità che solo la natura sa regalare all’animo umano, bensì con quella scelta non creiamo un ecosistema, e ne diventiamo parte. Ammirando il nostro giardino vediamo: le piante, le panchine, la fontanella, il bimbo, i sassi, le piante e se siamo fortunati anche qualche uccellino; ma dietro a tutto ciò c’è altro, molto altro. Infatti il giardino contiene forse milioni di abitanti, e non stiamo parlando dei giardini della Reggia di Caserta, perché quei “milioni” è riferito non ad esseri umani, bensì ad altre forme di vita che però sono comunque preziosissime per la sopravvivenza in corretto equilibrio del giardino stesso: si tratta di insetti, batteri, piccolissimi animali, funghi e tutto quanto sfugge ad i nostri occhi ma non alle leggi della Natura. Purtroppo il rapporto tra l’essere umano ed alcuni di questi altri “abitanti” non è sempre felice e gioioso, sia perché alcuni di essi disturbano la quiete umana direttamente (classicamente le zanzare, oppure api e vespe) e sia perché altri disturbano in maniera “indiretta”, ma spesso comunque fastidiosa.
larve di cavolaia

XENTARI INSETTICIDA BIOLOGICO A BASE DI BACILLUS THURINGIENSIS VARIETA' AIZAWAI IN CONFEZIONE DA 500 GRAMMI

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,9€
(Risparmi 3€)


Attacchi alle piante

cavolaia adultaDetto degli attacchi diretti quali punture e simili, che si risolvono in tempi brevissimi con qualche pomata o anche senza, gli attacchi indiretti a volte rischiano di danneggiare cose ben più importanti, fino a creare scompensi economici anche gravi. Ci riferiamo a quelle interazioni tra piante ed insetti o funghi che vedono la pianta stessa soccombere sotto la presenza degli altri due, che possono sia rovinare l’estetica della pianta e sia addirittura portarla alla morte perché si impadroniscono di tutte le sostanze nutritive. Ebbene, nel caso di un giardino ciò è di certo grave, perché la componente estetica di un giardino è molto importante, ma lo è ancora di più se ciò avviene in coltivazioni professionali, dove il raccolto è l’unico bene che l’azienda agricola possiede. Se esso dovesse perdersi, chi ripagherà del lavoro l’azienda? E’ chiaro che né gli insetti, né i funghi sono coscienti di tali scenari, però spesso provocano piccoli/grandi disastri economici, per cui si studia come limitare le conseguenze dei loro “attacchi” oppure come evitarli del tutto. I modi di combattere tali affezioni si possono distinguere in due grandi gruppi, quelli a base chimica e quelli a base biologica.

  • fiori pieris L’essere umano, anche se spesso non se ne rende conto, ama circondarsi o comunque essere circondato dalla natura; non è un caso infatti che il massimo della felicità e della serenità la otteniamo, in ...
  • parassiti piante Quando si parla di attacco parassitario alle specie arboree ci si riferisce a degli insetti, anche di piccolissime dimensioni, che infestano gli esemplari durante determinate fasi del loro sviluppo. I...
  • Ragnetto rosso rimedi Il ragnetto rosso è uno dei più diffusi parassiti che colpiscono le piante coltivate sia al chiuso sia all'aperto. Questi acari appartengono al genere delle Aracnidi e si riconoscono per la presenza d...
  • Bruco americano L'Hyphantria cunea, comunemente conosciuta come bruco americano, è un lepidottero defogliatore che appartiene alla famiglia delle Erebidae, originario del continente americano. In Europa fece la sua c...

DELTAPLAN SC 1LT. Insetticida Deltametrina Afidi Cavolaia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,9€


La cavolaia

Il nome volgare e comune di questo insetto rende facilmente l’idea di quale sia il bersaglio preferito ed il più frequente di questo insetto: il cavolfiore. Tutto ciò probabilmente non è una conoscenza di pubblico dominio, ma è certo che i nostri nonni (la cui maggior parte ha di certo passato almeno la prima parte della vita ad aiutare la famiglia nei campi) sanno perfettamente di cosa stiamo parlando. In realtà, il nome scientifico della cavolaia è Pieris Brassicae e descrive un insetto che potrebbe essere benissimo preso per una falena: ha una colorazione biancastra o al massimo leggermente grigia (dipende dal periodo in cui nasce e dal sesso) con delle striature nere ai vertici nei maschi o due macchie (una per ala) nelle femmine, vola con grazia e leggiadria ed è facile da incontrare anche nei campi incolti o in prati aperti. Questa è la forma adulta, ma come spesso accade quello che crea i maggiori danni è lo stato larvale degli insetti; con la cavolaia ciò non cambia: le larve della Pieris brassicae (cugina strettissima della Pieris rapae, che infesta le rape) sono fitofaghe, ovvero mangiano le foglie della pianta che infestano – il cavolo – fino a lasciarne solo le nervature più grosse, e ciò ci può far capire come questo impedisca alla pianta di crescere e portare i suoi frutti.


Cavolaia: Lotta e rimedi

Le infestazioni della cavolaia si possono diagnosticare in vari modi: innanzitutto la forma adulta, come abbiamo descritto, è molto ben visibile e riconoscibile, ma soprattutto si possono vedere sulla faccia inferiore delle foglie delle piante sotto attacco sia le uova che, successivamente, le larve in azione. Le uova sono piccole e di colore chiaro, solitamente in basso numero (fino a massimo dieci per foglia) e sparse singolarmente, mentre le larve sono piccoli vermicelli che mangiano la foglia rosicandola per accrescersi rapidamente. Gli attacchi si hanno nel periodo tra marzo e novembre, perche in questi mesi ci sono due generazioni complete di cavolaia. Il rimedio che si può attuare è di tipo chimico quando l’infestazioni è massiccia, ovvero quando c’è la presenza di un gran numero di individui su un non esteso numero di piante; nel caso in cui invece la cavolaia si è appena presentata (e, per fortuna o bravura, ce ne siamo accorti presto), è bene ricorrere alla lotta biologica, perché la cavolaia ha vari nemici naturali, tutti appartenenti al genere degli Imenotteri: in particolare si hanno tre specie, di cui una è una feroce cacciatrice di larve, l’altra è una mangiatrice di uova mentre la terza parassita gli esemplari adulti e li porta alla morte.


  • cavolaia Questo lepidottero può essere responsabile della morte della pianta. Una volta deposte le uova, in un secondo momento do
    visita : cavolaia

COMMENTI SULL' ARTICOLO