Eliminare i ragnetti rossi

Accorgersi della loro presenza

La presenza di questi fitoparassiti sulle piante si svela, in genere, quando è ormai in atto una corposa infestazione. Il Tetranychus urticae (nome scientifico del ragnetto rosso) è una specie di acaro molto comune e a distribuzione cosmopolita che infesta gran parte delle coltivazioni di soia mondiali e di molte altre piante coltivate (piante da frutto, ortaggi, piante ornamentali) e spontanee. Vive sulla pagina inferiore delle foglie, dove si nutre succhiando il contenuto citoplasmatico delle cellule vegetali. La conseguenza dei suoi attacchi sono ampie placche color bronzo sulla lamina foliare, che portano rapidamente la pianta a perdere precocemente le sue foglie. Sono molto piccoli, nell'ordine del millimetro, e presentano sovente una caratteristica colorazione rossastra (da cui è nato il nome comune della specie).
Alcuni esemplari di Tetranychus urticae

Chemia - Chemol - Olio bianco insetticida e ovicida - 1 L

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,9€


Come eliminare i ragnetti rossi

Effetto dei danni causati dal ragnetto rosso Data la distribuzione pressoché cosmopolita del ragnetto rosso, sono stati studiati negli anni diversi metodi e tecniche per debellare questo flagello. Gli acaricidi più comuni attualmente in commercio sono lo spirodiclofene e l'abamectina. Il primo è un composto chimico acaricida di nuova generazione, inodore e insolubile in acqua, che porta alla morte i ragnetti rossi inibendo in loro la sintesi dei lipidi. Il secondo, invece, è un acaricida miscelato ad azione neurotossica: ingerito per via orale provoca la paralisi e la conseguente morte dei ragnetti rossi. Risulta attivo ed efficace anche sulle uova, limitandone la percentuale di schiusa. Queste sostanze vanno utilizzate con cautela, spesso in abbinamento ad altri principi attivi e solo in determinati periodi (generalmente in giugno-luglio) senza mai prolungarne l'uso nel tempo.

  • pomodori colpiti da ragnetto rosso Appartenente alla famiglia delle Solanacee, il pomodoro, è una pianta erbacea perenne introdotta in Europa dall’America latina. Il pomodoro da vita a dei frutti molto succosi ed utilizzati in cucina p...
  • foto al microscopio Il Ragnetto rosso è un acaro che infesta molte piante sia da giardino che orticole. Complici degli attacchi di questi parassiti sono i climi secchi e caldi ed i danni che provocano influiscono sulla p...
  • vite florida Il ragnetto rosso è considerato uno tra gli acari più fastidiosi e dannosi per le piante che ne vengono colpite. E’ un acaro fitofago che attacca diverse piante sia da frutto che da fiori ed è faticos...
  • Colonia ragnetti rossi Il ragnetto rosso, che può infestare con facilità orti, giardini e terrazzi, fa parte della classe Aracnida, ordine Acarina, quindi è da considerarsi un acaro e non un ragno che, pur appartenendo alla...

POLTIGLIA BORDOLESE IN GRANULI SOLUBILI CONFEZIONE DA 1 KG

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


Rimedi alternativi: predatori naturali e prodotti ecologici

Phytoseiulus persimilis, nemico naturale dei ragnetti rossi In sostituzione dei fitofarmaci sintetici, ci sono diversi metodi naturali per eliminare i ragnetti rossi. In via di sperimentazione (ma già ampiamente usata in molti Paesi mondiali) c'è la lotta biologica con i predatori naturali. il Phytoseiulus persimilis è un acaro predatore del famigerato ragnetto rosso. Dotato di una velocità superiore rispetto a quella della preda, è in grado di localizzare e nutrirsi di un gran numero di ragnetti rossi, tenendone in questo modo sotto controllo la crescita e la diffusione sulle piante. Molti olii essenziali sono efficaci contro questo parassita: olio essenziale di neem, di rosmarino, di tanaceto offrono tutti un'azione diretta sul parassita. Basta diluire alcune gocce di olio essenziale (5-6 gocce) in 500 millilitri di acqua, distribuendolo in seguito mediante l'uso di un nebulizzatore. Bisogna effettuare dei controlli periodici e nebulizzare le piante infestate almeno a giorni alterni, avendo cura (se si tratta di piante in vaso) di isolare le piante sane da quelle colpite.


Eliminare i ragnetti rossi: Da non confondersi con i ragnetti rossi dei muri

Un ragnetto rosso dei muri Esiste anche un'altra specie di acaro comunemente chiamata ragnetto rosso, presente soprattutto nei periodi primaverili. Il Trombidium holosericeum è un acaro che può colonizzare varie aree urbane, ma non è un pericolo né per l'uomo, né per le piante. Noti anche come ragnetti rossi dei muri, questi acari si nutrono di materiale biologico depositato sulla superficie di davanzali e balconate (ad esempio le deiezioni degli uccelli). Spesso sono presenti in numero elevato e se schiacciati macchiano mani e vestiti con il loro colore rosso vivo. La macchia è difficile da mandar via (soprattutto sui vestiti), anche con un lavaggio accurato. Non ci sono metodi di lotta per questi acari dei muri, dal momento che compaiono solamente in primavera per approfittare delle temperature miti, dopodichè rientrano nei loro rifugi per evitare il caldo estivo, che può risultar loro fatale.



COMMENTI SULL' ARTICOLO