Lauroceraso potatura

Lauroceraso

Il Lauroceraso è un piccolo alberello o un arbusto diffusissimo tra i giardini italiani. Appartiene al genere prunus ed è originario dell’Asia e dell’Europa. Il Lauroceraso è un arbusto resistente e sempreverde con vegetazione compatta e fitta. Presenta delle foglie ovali lanceolate con il margine dentato, queste sono lucide e di colore verde scuro. Nel periodo primaverile, su i rametti, crescono dei piccoli fiori a forma di stella di color bianco con un profumo talmente intenso da poter risultare sgradevole. Sono piante interessanti perché non hanno esigenze particolari, infatti sopportano sia il freddo che il caldo, non si ammalano quasi mai e non vengono colpiti da nessun tipo di parassita. Il Lauroceraso è tra le piante da giardino più utilizzate per scopi ornamentali per creare delle siepi e delle barriere naturali alte e fitte. Questo piccolo alberello è utile anche come ombreggiante e, oltre ad essere utilizzato perché ha una bella presenza esteticamente parlando , viene usato anche per funzioni protettive e per la tutela della privacy del giardino nel quale è coltivato. Per il modo in cui cresce e si presenta è ottimo da mettere ai bordi di un giardino oppure lungo i muretti di un cortile o portone in modo che chiunque passi al di fuori di questo spazio non è in grado di vedere ciò che c’è all’interno.
buona potatura

FORBICI DA POTATURA PROFESSIONALI - Cesoie per Potare da Giardino per la Cura di Piante, Siepi ed Alberi da Frutto, Comoda e Versatile Cesoia Manuale ideale per piccoli & grandi Lavori di Giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,92€


Potatura

germogliLa potatura del Lauroceraso non è alquanto difficile, basta riconoscere i rami che possono essere rimossi. Il fatto che la potatura sia semplice dipende dalla pianta dato che essa non ha una funzione produttiva e quindi vanno solo accorciati i rami cresciuti in modo da dare forma all’alberello. Le potature di questi arbusti variano in base al portamento del lauroceraso e in base al modo in cui sono stati coltivati. I laurocerasi possono essere coltivati in due modi differenti: il primo è a gruppi di piante in modo da creare delle siepi alte o fitte, il secondo invece è come albero solitario coltivato per scopi estetici ed ombreggianti. Il modo in cui tagliare i laurocerasi ed i periodi migliori per effettuare le potature cambiano in base alle forme che presentano queste piante. I laurocerasi da siepe vanno tagliati per eleminare i rami cresciuti e portarli tutti alla stessa altezza in modo da creare una “barriera” per i nostri giardini. I laurocerasi solitari invece vanno tagliati per eliminare i rami che sono cresciuti troppo e che fuori escono dalla chioma oppure quelli che sono cresciuti troppo e tolgono spazio al giardino.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

Crenova SH-01 Cesoie per Potatura con Lama in Metallo Pesante, Ideale per Potatura del Giardino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€
(Risparmi 10€)


Potatura siepe

Per quanto riguarda le potature della siepe del Lauroceraso vanno effettuate nei periodi che vanno da giugno a settembre per ben due volte all’anno. La prima potatura è consigliabile farla nel mese di giugno perché farla successivamente significherebbe correre il rischio di bloccare lo sviluppo vegetativo delle piante. Tra le potature delle siepi e quelle del singolo alberello, quelle delle siepi sono molto più semplici. L’unica cosa da fare è individuare i rami che hanno altezze differenti o che sporgono troppo rispetto agli altri rami della chioma. L’altezza dei rami della siepe deve essere simmetrica per ottenere una vera e propria barriera. Gli attrezzi da utilizzare per le potature sono le forbici, le cesoie e qualsiasi altro strumento adatto. Nel caso in cui i rami siano troppo grossi da essere tagliati con le forbici è possibile utilizzare il seghetto. E’ consigliabile effettuare dei tagli che partono dall’alto ed arrivano verso il basso per consentire il drenaggio e il passaggio dell’acqua di irrigazione. E’ giusto sapere che qualsiasi tipo di attrezzo che viene utilizzato per le potature deve essere pulito e disinfettato sia prima che dopo averlo usato.


Lauroceraso potatura: Potatura albero

La potatura del Lauroceraso solitario va effettuata due volte all’anno nel mese di marzo, giugno o settembre. Questo alberello va potato per accorciare i rametti in moda da migliorare la forma della chioma e da stimolare la nascita di germogli nuovi. Abbiamo detto che le potature da fare sono due: la prima va fatta agli alberelli più vecchiotti e legnosi, dove i rami sono diventati troppo lunghi ed occupano troppo spazio nel giardino sporgendo dalla chioma. I mari da rimuovere si riconoscono osservando i rami principali, mentre quelli principali vanno lasciati così come sono, quelli secondari vanno tagliati. Le potature che vengono effettuate successivamente nel mese di giugno o di settembre servono solo a migliorare la forma, per rendere l’alberello rigoglioso ed ordinato. Quando procediamo con la potatura bisogna fare attenzione a non danneggiare le altre parti della pianta come le foglie, queste servono a dare la bellezza decorativa al Lauroceraso. La forma e la lunghezza da dare alla pianta vengono ovviamente decise dal potatore o a massimo dal proprietario della pianta. Solitamente, se la pianta è piccola, i rami vengono tagliati a massimo a una quindicina di centimetri di altezza, invece se la pianta è di dimensioni maggiori, i rami, vanno accorciati di trenta/quaranta centimetri. Per evitare di sbagliare i tagli è opportuno individuare prima i rametti da rimuovere e poi procedere con la potatura.



COMMENTI SULL' ARTICOLO