Phalaenopsis potatura

Potatura orchidee

Le Orchidee sono delle comuni piante d’appartamento che, come tante altre, possono essere potate. Da sempre, la potatura delle orchidee, è stato oggetto di dibattito tra coloro che si occupano di giardinaggio. Ci sono persone che sostengono che le orchidee non hanno bisogno di essere potate in quanto hanno la capacità di rinnovarsi da sole dopo che i fiori sono appassiti. Altri, invece, sostengono che vanno potate perché i fiori ed i steli secchi e danneggiati devono essere rimossi. La potatura è una pratica colturale che va effettuate perché serve a dare forza e vigore alla pianta. La potatura, se eseguita nel modo giusto, fa in modo da rendere la pianta più resistenti anche agli attacchi dei parassiti. Potature sbagliate, invece, potrebbero causare infezioni e malattie alla piantina che coltiviamo. Le orchidee sono piante molto delicate, infatti, necessitano di cure particolari affinché si sviluppano al meglio. La prima cosa da fare è tenerle lontano dal freddo e dalle correnti d’aria ma esporle in luoghi molto illuminati. Un’altra cosa importante è l’annaffiatura, esse vanno irrigate regolarmente ogni giorno ma senza esagerare perché l’acqua in eccesso potrebbe danneggiare le piantine. Inoltre, dobbiamo fare attenzione alla scelta del vaso in modo tale da garantire alla pianta un buon drenaggio.
phalaenopsis in ricrescita

FORBICI DA POTATURA PROFESSIONALI - Cesoie per Potare da Giardino per la Cura di Piante, Siepi ed Alberi da Frutto, Comoda e Versatile Cesoia Manuale ideale per piccoli & grandi Lavori di Giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,99€


Come potare

phalaenopsis fioriPer poter ottenere una buona potatura dobbiamo essere a conoscenza di alcune attenzioni da porre. Si ricorda che una corretta potatura equivale ad ottenere una fioritura abbondante e meravigliosa. Le parti da tagliare sono quelle in eccesso che fanno perdere alla pianta la forma scelta e data precedentemente e le parti danneggiate e secche. Il consiglio è quello di stare attenti nell’effettuare i tagli perché non bisogna esagerare, se tagliamo troppi rami rischiamo di causare dei danni alla pianta. La potature delle orchidee non è un operazione difficile ma comunque sarebbe meglio affidarci o farci aiutare da chi ne sa qualcosa in più o semplicemente ha più esperienza di noi. Gli attrezzi utilizzati per le potature solitamente sono delle forbici ma non sono forbici scelte a caso. Qualsiasi tipo di attrezzo utilizzato deve essere necessariamente pulito e disinfettato prima e dopo l’uso possibilmente alla fiamma. I tagli che andremo ad effettuare con gli attrezzi devono essere netti in modo tale da non favorire infezioni, malattie e attacchi parassitari. Per evitare che la pianta venga colpita da insetti potremmo utilizzare un mastice che è in grado di proteggere la pianta e di velocizzare la cicatrizzazione.

  • potare3-1 Per ottenere una maggiore resa estetica e produttiva, si ricorre spesso a delle tecniche colturali che prevedono l’asportazione di alcune parti della pianta. L’asportazione delle parti vegetali, come ...
  • vite a spalliera Un giardino di casa è un luogo talmente personale che ogni proprietario (o comunque ogni persona che lo abita e lo gestisce) è libero di arredarlo in qualsiasi modo desideri, così come è libero di col...
  • ortensia in fiore Un giardino, tra le sue tante facoltà positive, ha quella importantissima di donare una nuova luce ed un nuovo splendore a tutta la casa; secondo statistiche sull’argomento, tanti possessori di giardi...
  • risultati buona potatura Gli alberi sono una parte dell’incredibile mondo vegetale che ci circonda; essi sono tra le manifestazioni più complete e maestose della Natura, capaci di superare le dimensioni dei nostri moderni gra...

PECHAM Forbici da Potatura con tagliente lama in acciaio al carbonio SK-5, Cesoie per Potare da Giardino per la Cura di Piante, Comoda e Versatile Cesoia Manuale ideale per piccoli & grandi Lavori di Giardinaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


Curiosità

In realtà non ci sono delle vere e proprie regole da seguire per poter potare un orchidea. C’è chi sostiene che vanno potate e chi no, altri sostengono invece che vanno tagliati completamente gli steli e altri invece dicono che devono essere rimossi solo in parte. E’ difficile prefissare un metodo di potatura e tanto meno è difficile poter dire chi ha ragione. Le potature vanno effettuate con degli obiettivi prestabiliti ancora prima di agire: si eliminano gli steli già sfioriti per evitare uno spreco di energia (ha bisogno di più sostanze nutritive), si pota per stimolare la pianta a produrre nuovi steli in modo tale di ottenere delle splendidi fioriture e si rimuovono gli steli troppo lunghi perché fanno perdere alla pianta forma e bellezza. Inoltre gli steli troppo lunghi avrebbero bisogno di sostegni e tutori perché diventano un po’ troppo pesanti. Un’altra cosa che c’è da dire è che le piante di orchidea sono piante delicate ed imprevedibile, ogni pianta cresce in un determinato modo e soprattutto ogni pianta reagisce diversamente. In virtù di ciò sarebbe impossibili stabilire delle tecniche di potatura uguali per tutte, non tutte hanno le stesse tempistiche.


Phalaenopsis potatura: Potatura steli, foglie, radici

Gli steli che vanno potati, come già scritto precedentemente, sono quelli danneggiati o quelli che diventano troppo lunghi. Gli steli che hanno perso i fiori non vanno subito tagliati perché da essi possono nascere nuovi steli oppure altri fiori. Una volta diventati secchi, gli steli, vanno tagliati sopra al primo nodo vicino ad essi. Fare attenzione a non tagliare anche il nodo altrimenti si rischia di far riseccare tutto. Per quanto riguarda le foglie, esse, non vanno assolutamente potate anche perché sono le uniche parti ad immagazzinare acqua. A meno che non presentano infezioni o malattie, le foglie, cadono naturalmente dopo circa due/tre anni. Le foglie vanno rimosse solo nel caso in cui vengono colpite da malattie o parassiti. Per quanto concerne le radici, come ben sappiamo, sono piante epifita e quindi le radici permettono alla pianta di nutrirsi e di trattenere l’umidità di cui hanno bisogno per il loro sviluppo. La differenza tra questa pianta e le altre è che le radici non si sviluppano solo sotto terra ma capita che fuori escono dal vaso per svilupparsi verso l’alto. Questa caratteristica non crea alcun problema e, come per le foglie, lo stesso discorso vale anche per le radici. Esse non vanno assolutamente potate a meno che non siano colpite da marciume radicale e malattie di vario genere.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO