Begonietta

vedi anche: Begonia

Begonietta

La Begonietta è una piantina perenne originaria del Brasile coltivata solitamente come pianta annuale. Le prime begonie arrivarono in Europa nel 1777, in Francia. Il loro nome ricorda il botanico Michel Bégon, governatore di santo Domingo. Il suo nome scientifico è Begonia semperflorens ed appartiene alla famiglia delle Begoniaceae. E’ una pianta del genere begonia al quale appartengono tre gruppi che si differenziano tra loro per il tipo di radice che presentano. Il primo gruppo è quello delle begonie con radici rizomatose, presentano un fusto sotterraneo chiamato rizoma; il secondo gruppo è quello delle begonie con radici tuberose, sono costituite da una radice formata da un tubero nero; il terzo ed ultimo gruppo è quello delle begonie con radici fascicolate, presentano appunto radici fascicolate ovvero le radici secondarie crescono allo stesso modo di quelle primarie. Le begoniette presentano delle radici fascicolate con un fusto sottile, e possono raggiungere i 25 – 40 centimetri di altezza. Le loro foglioline carnose e “rotonde” sono di un verde brillante o rossastre; i suoi piccoli fiorellini sono costituiti da quattro petali di colore bianco, rosa, rosso.
begonietta bianca

Salvia Splendens semi di alta Scarlet Sage Biji Bonsai tropicale salvia, semi di fiori ornamentali - 40 PCS

Prezzo: in offerta su Amazon a: 30,42€


Coltivazione

begonia in giardinoQuesto tipo di pianta cresce bene in luoghi con una buona illuminazione, ma è consigliabile non esporla ai raggi diretti del sole perché potrebbe danneggiare la pianta ustionandola. Si adatta in luoghi di mezz’ombra però darà risultati scarsi nel periodo di fioritura. Le begoniette temono il freddo, è consigliabile non esporle in luoghi con temperature inferiori ai 14°C. La temperatura ideale per un ottimo sviluppo di queste piccole piantine si aggira intorno ai 20°C. Il terreno prediletto dalle begoniette è un terriccio leggero ma fertile, leggermente acido e ben drenato. Per favorire un buon drenaggio è utile sapere che si può aggiungere della torba o della sabbia al terriccio. Per quanto riguarda le irrigazioni, le begoniette vanno annaffiate in modo regolare ma non eccessivo, con annaffiature più abbondanti nel periodo primaverile ed estivo mentre nel periodo autunnale ed invernale vanno diminuite. E’ consigliabile utilizzare dell’acqua a temperatura ambiente ed assicurarsi che il terreno si asciuga tra un’annaffiatura ed un’altra. La fioritura di queste piante avviene dal mese di maggio al mese di settembre e, in condizioni favorevoli per le begoniette, saranno piuttosto abbondanti.

  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...
  • Frutti di Giuggiolo Il giuggiolo appartiene alla famiglia delle Ramnacee, al genere Zizyphus ed alla specie jujuba. È un piccolo albero, alto mediamente 5 m, con un tronco contorto; ha una crescita lenta, stessa cosa p...

200 Rose di colore rosa francese Marigold Seeds (Tagetes), colore splendido, il trasporto libero, bel giardino di casa fiore facile crescere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,39€


Curiosità

Non tutte le piante sono forti da poter resistere alle varie avversità che si presentano, per questo a volte è opportuno aiutarle con del concime. Le begoniette vanno concimate nel periodo primaverile e in quello estivo, il trattamento deve essere ripetuto ogni 15 giorni e va sospeso nel periodo invernale. Per queste piante va utilizzato un concime liquido che viene mescolato all’acqua usata per le annaffiature. Per far in modo che la pianta cresce nel migliore dei modi è giusto sapere che possiamo somministrarle del fertilizzante a base di azoto, fosforo e potassio. Le begoniette sono piccole piantine che non necessitano di grandi potature, basta eliminare le foglie secche ed i fiori danneggiati. Pericolose per le begoniette sono i parassiti come gli acari che possono attaccarle e danneggiare le loro foglie ed i loro fiori, per questo è opportuno intervenire con un insetticida adatto. Un altro rischio della pianta è quello di essere colpita dal mal bianco, in particolare dall’oidiumbegoniae. Questo fungo molto dannoso si presenta attraverso della muffa bianca sulle foglie, bisogna intervenire con un fungicida specifico.


Riproduzione e messa a dimora

La moltiplicazione delle Begoniette può avvenire attraverso due metodi differenti, ovvero per seme e per talea. Per quanto riguarda la moltiplicazione per seme, la semina va effettuata nei mesi di gennaio o di febbraio e i semi vanno interrati in un piccolo vaso con all’interno della torba e della terra e vanno posti in una zona d’ombra. E’ importante mantenere un tasso di umidità nel terreno. Successivamente, quando le piantine saranno germogliate, si consiglia di spostarle in zone molto più luminose in modo da farle irrobustire per poi trapiantarle in singoli vasi di dimensioni superiori a quelli precedenti. Per quanto riguarda quella per talea va effettuata nel periodo primaverile. Le foglie vanno messe in un piccolo contenitore con all’interno della torba e della sabbia inumidite e successivamente vanno poste in luoghi luminosi. Più o meno dopo circa 5 – 6 settimane avremmo come risultato la nascita di nuove piantine. La messa a dimora va fatta a partire dal mese di giugno estraendo la piantina dal contenitore nel quale è posta e liberandola dal terriccio in eccesso. Facendo molta attenzione scaviamo una buca che sia abbastanza profonda e sotterriamo la pianta. Una volta sistema la piantina e la terra bisogna annaffiarla in quantità elevate. Nel momento in cui ci accorgiamo che il vaso è diventato troppo piccolo per la nostra piantina provvediamo effettuando un rinvaso. Il rinvaso va fatto dal mese di marzo al mese di luglio, la pianta deve essere sistemata in un vaso più grande con all’interno sabbia, terra e torba.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO