Settembrini

Caratteristiche dei settembrini

Non tutte le piante che con i loro vivaci colori rallegrano il giardino iniziano ad appassire e spegnersi subito dopo il periodo estivo: le fioriture dei mesi più caldi cedono il passo a quelle dei settembrini, che proprio da questa caratteristica traggono il nome. Gli Aster Frikartii, nome scientifico di queste suggestive coltivazioni altamente decorative, offrono una fioritura abbondante in grado di creare suggestive macchie di colore all’interno del giardino. Altre specie di settembrini particolarmente diffuse sono Aster novae angliae e Aster novi belgi.Si tratta di piante perenni dai fiori simili a margherite, con centro dorati e petali che possono assumere diverse declinazioni del viola e del lilla. La coltivazione di tale piante può essere effettuata in modo molto semplice: questa caratteristica, unita all’impatto decorativo, fa dei settembrini piante molto diffuse nei giardini degli amanti dei colori e degli spazi aperti dall’aspetto naturale. Da tale diffusione deriva anche l’esistenza di molte varianti, con fiori di diversi colori, forme e dimensioni che possono incontrare e soddisfare i gusti di qualsiasi amante del giardinaggio. Le varie tipologie di astri derivano da progressive ibridazioni di astri originari diffusi nell’Europa centrale.
Settembrini Aster Frikartii

Civico illuminato, a energia solare, fata in un'abitazione ornamentale da giardino a forma di tronco d'albero con fiori e farfalle, colore: viola

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,17€


Coltivazione e cura

Settembrini Aster Frikartii La coltivazione dei settembrini si rivela particolarmente agevole in quanto si tratta di piante che non temono il freddo: nonostante le piante perdano la parte aerea nel periodo vegetativo dell’inverno, sono in grado di sopravvivere anche all’esposizione a climi molto rigidi. Unica precauzione, in caso di un notevole sviluppo verticale, è quella di fornire un supporto che possa contrastare l’azione di eventuali raffiche di vento. I settembrini possono essere coltivati in terra e disposti in luoghi soleggiati o semiombreggiati; non necessitano di grandi quantità di acqua, dunque le innaffiature devono essere regolari ma tenere anche conto dello stato del terreno, che prima di una nuova innaffiatura non deve più essere umido. Nel periodo invernale, da dicembre e fino a luglio, è possibile sospendere del tutto le innaffiature, in quanto con una minore presenza di sole e con l’ingresso della pianta nel periodo di riposo non saranno necessarie che piccole quantità d’acqua per il corretto sviluppo dei settembrini. Vanno invece evitati periodi prolungati di terreno asciutto nella fase della germogliazione, per favorire la crescita dei germogli.

  • Sarracenia La Sarracenia è una pianta carnivora molto particolare che trova diffusione naturale nelle aree del Nord America, prevalentemente tra Canada e Stati Uniti. La sua coltivazione è tuttavia possibile anc...
  • Lobelia La lobelia è una pianta annuale decorativa per giardini e balconi che può integrarsi in qualsiasi spazio, valorizzandolo senza diventarne una prepotente protagonista. Il suo sviluppo arbustivo permett...
  • Campanula Le campanule sono i fiori ideali per chi vuole dare, senza troppi sforzi, un tocco di colore al giardino con qualcosa che catturi lo sguardo, ma che non si imponga necessariamente come protagonista o ...
  • Infiorescenza del pisello odoroso Il pisello odoroso è una pianta annuale di tipo erbaceo ed è originaria della parte meridionale dell’Europa. Attualmente è diffusa uniformemente nelle zone temperate di tutto il mondo.Appartiene alla ...

Suttons Seeds 110952 - Mix di semi di fiordaliso Frosty

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,08€


Malattie

Settembrini Aster FrikartiiNonostante la resistenza della pianta e la sua capacità di resistere a condizioni climatiche difficili, come temperature molto basse o prolungati periodi di siccità, anche le diverse specie di settembrini necessitano di cure e protezioni contro parassiti che possono danneggiarle. In particolare, i settembrini sono minacciati dagli acari, contro i quali è bene intervenire tempestivamente con un trattamento specifico. Manualmente, si consiglia di provvedere all’eliminazione di cicaline e lumache, poiché anch’esse possono danneggiare le piante. Un’altra minaccia per i settembrini è costituita dal cosiddetto mal bianco, che si manifesta con una muffa biancastra sulle foglie della pianta: in caso di presenza di tale muffa, occorre eliminare le parti della pianta direttamente colpite, per evitare che il disturbo si diffonda. In caso di presenza estesa, è possibile inoltre provvedere alla protezione della pianta l’uso di prodotti specifici allo zolfo oppure fungicidi. Anche nel momento dell’acquisto occorre controllare in modo attento l’assenza di parassiti, in modo tale da essere certi di portare a casa una pianta che crescerà sana e rigogliosa colorando lo spazio circostante.


Settembrini: Potatura e manutenzione

Settembrini Aster FrikartiiPer ottenere settembrini rigogliosi e una migliore fioritura, si consiglia di provvedere all’eliminazione dei fiori secchi o danneggiati ed effettuare la cimatura dei getti in modo periodico nel periodo estivo. Lasciandone una decina circa per pianta, essa si rafforzerà ed offrirà fiori più grandi e un prolungato periodo di fioritura, che accompagnerà il giardino nel suo ingresso nell’autunno. Dopo la fioritura, si consiglia inoltre di tagliare a circa 15 cm di altezza dal terreno i rami, poiché in caso contrario la pianta tenderà a svilupparsi in altezza, con le parti superiori dei rami completamente spoglie. La riproduzione dei settembrini può avvenire per semina, da effettuare all’inizio del periodo primaverile per poter godere già in settembre della prima fioritura. E’ consigliabile effettuare la semina in piccoli contenitori, per passare poi a vasi di medie dimensioni una volta che le piantine avranno raggiunto i dieci cm circa di altezza. In vaso o nel terreno, i settembrini non necessitano di molto concime; è sufficiente utilizzare un po’ di concime specifico per fiori mischiandolo all’acqua di annaffiatura. La moltiplicazione, in caso di presenza di settembrini, può avvenire anche per separazione dei cespi, da effettuare dopo la fioritura tagliando sezioni dotate di radici e un solo getto vitale. La divisione a partire dalla stessa pianta può essere effettuata ogni tre anni. I settembrini possono essere piantati in zone luminose e bisogna evitare di esagerare con l’innaffiatura: il terreno non deve essere troppo umido, in quanto favorirebbe lo sviluppo di malattie fungine e il prolificare di parassiti dannosi per la pianta.


  • aster pianta L'Aster dumosus è un piccolo arbusto vivace, tappezzante, originario dell'America settentrionale che può raggiungere i 4
    visita : aster pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO