Agrifoglio

Pianta delle foreste

Imbattersi in una pianta di agrifoglio, in Italia, è molto facile: la pianta è originaria dell'area Mediterranea ed è presente come vegetazione spontanea praticamente in ogni regione. Questo non esclude la coltivazione: al contrario, nei giardini e nei terreni privati l'agrifoglio vanta una notevole diffusione per svariati motivi. Innanzitutto, è una pianta molto resistente e che non richiede troppo impegno nella sua manutenzione, essendo appunto originaria di queste zone e dunque perfettamente adattata alle nostre condizioni climatiche. Inoltre. l'agrifoglio è molto affascinante e d'effetto per via delle sue particolari foglie e delle bacche colorate, che lo rendono un elemento molto decorativo: per questa ragione, essendo una pianta resistente e sempreverde. l'agrifoglio viene tradizionalmente utilizzato per la realizzazione di decori e ghirlande con le quali addobbare le case nel periodo natalizio. Per natura, se coltivato nel rispetto delle sue condizioni ottimali, nel corso degli anni l'agrifoglio può raggiungere anche i venti metri di altezza. Spesso, però, si preferisce coltivarlo conferendogli una forma arbustiva: in questo caso può raggiungere i cinque metri. L'agrifoglio è una delle piante che registrano maggior varietà: ne esistono ben quattrocento specie, mentre moltissimi sono gli ibridi.
Agrifoglio

Vivai Le Georgiche ILEX AQUIFOLIUM ARGENTEA MARGINATA (AGRIFOGLIO) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,2€


Coltivazione

Agrifoglio L'agrifoglio può essere coltivato in qualsiasi tipo di terreno, anche se mal sopporta quelli basici o argillosi. Richiede una posizione semiombreggiata, in modo tale che nel periodo estivo non sia direttamente esposto per lunghe ore ai raggi solari. Si tratta di una pianta che può essere facilmente preda di parassiti e funghi: per questa ragione è importante che l'agrifoglio venga protetto con appositi trattamenti preventivi e che vengano evitate le condizioni ambientali in grado di favorire la proliferazione dei parassiti: in questo caso, quindi, si provvederà a regolare potatura per garantire anche alle fronde interne il giusto ricambio d'aria e un'adeguata illuminazione, mentre le innaffiature saranno non troppo frequenti, per rispondere alle esigenze della pianta e per evitare ristagni idrici, favorevoli appunto alla moltiplicazione dei piccoli insetti. Quando la presenza dei parassiti viene individuata, è bene intervenire in modo tempestivo per riconoscere la specie infestante e utilizzare gli antiparassitari specifici più indicati, debellando completamente la colonizzazione, che altrimenti tornerà a fare danni.

  • foglie e frutti di agrifoglio L’agrifoglio appartiene alla famiglia delle Aquifoliacee, al genere Ilex ed alla specie aquifolium.È un albero di modeste dimensioni, alto fino a 15 m, che solitamente assume un portamento arbustivo...
  • La stella di natale Simbolo di rinascita e di buon auspicio, la stella di natale è una pianta tropicale originaria del Messico che fiorisce proprio nel periodo natalizio. Conosciuta con il nome scientifico Euphorbia Pulc...
  • Composizione da esterno con piante invernali Contrariamente a quanto si usa solitamente pensare, avere un giardino fiorito d'inverno non è impresa impossibile. Non tutte le piante infatti necessitano dei climi caldi e temperati della primavera p...
  • Ramo di agrifoglio L'agrifoglio, il cui nome scientifico è Ilex aquifolium, è conosciuto sotto diverse denominazioni, alcune comuni altre meno: si parli di aquifoglio, o di alloro spinoso, o di pungitopo maggiore, la pi...

Vivai Le Georgiche ILEX BLUE MAID (AGRIFOGLIO) [Vaso Ø18cm]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,5€


Riproduzione dell'agrifoglio

Agrifoglio In natura la riproduzione dell'agrifoglio avviene attraverso la caduta a terra delle bacche, contenenti i semi fertili. Si tratta di un procedimento ripetibile anche per la coltivazione domestica, ma occorre tenere conto del fatto che, in casa o all'aperto, partendo da semi freschi o secchi, si dovranno comunque attendere parecchi mesi prima della germogliazione, mentre un lungo periodo sarà necessario per poter avere un agrifoglio di considerevoli dimensioni. La propagazione per seme, inoltre, non permette di sapere con anticipo se si darà vita ad un esemplare maschile o a uno femminile. Per queste ragioni, quindi, solitamente si preferisce effettuare la riproduzione per talea, che permette di avere a disposizione una piantina vera e propria entro poco tempo e di selezionare esemplari maschili o femminili a proprio piacimento. Le talee si ottengono nel periodo tardo primaverile oppure estivo dall'apice dei rami privi di bacche, i quali verranno privati delle foglie nelle parti basse per essere poi posizionati nel terreno. La talea verrà conservata in un luogo fresco e ombreggiato finchè non avrà radicato. In seguito alla germogliazione, con la crescita dei germogli la piantina potrà essere posizionata regolarmente nel terreno. La potatura è prevalentemente sfruttata per controllare la forma e lo sviluppo dell'agrifoglio, che solitamente non necessita di interventi particolarmente invasivi. Viene solitamente effettuata due volte l'anno, all'inizio e alla fine dell'estate.


Agrifoglio: L'agrifoglio nella tradizione

AgrifoglioLa diffusione e la facilità di coltivazione hanno reso l'agrifoglio una pianta molto diffusa sin dai tempi antichi: ad essa quindi non stupisce che siano legate molte tradizioni e usanze. L'agrifoglio è un simbolo natalizio per eccellenza, presente nelle case sotto forma di pianta o rametto decorativo oppure parte di più elaborate decorazioni. Le bacche, con i loro colori accesi, sono simbolo di gioia e di esultanza e si legano dunque alla perfezione con il significato profondo del Natale e della natività, così come il significato di vita perenne attribuito a questa pianta sempreverde. Mentre nelle isole britanniche l'agrifoglio era considerato una pianta sacra, mentre tra gli antichi romani era tradizione regalare rami di agrifoglio agli sposi in segno di buon auspicio. Una tradizione altrettanto antica è quella che riguarda l'agrifoglio nel Continente americano: pare che già gli indios, prima della scoperta e della colonizzazione, utilizzassero le foglie per decotti e infusi ritenuti in grado di stimolare la forza, mentre piantati vicino ai villaggi gli arbusti erano considerati in grado di tenere lontani gli spiriti maligni. Simboli di forza e di potenza, i rami di agrifoglio accompagnavano i guerrieri in battaglia.


Guarda il Video
  • agrifoglio L’agrifoglio è un alberello o un grande arbusto sempreverde, che può raggiungere i dieci metri di altezza, originario de
    visita : agrifoglio

COMMENTI SULL' ARTICOLO