Artemisia arborescens

Artemisia arborescens origini e caratteristiche

L’artemisia arborescens, detta anche assenzio aromatico, è una pianta perenne sempreverde. Fa parte delle Asteraceae e cresce spontaneamente in tutta l’area del Mediterraneo fino ai mille metri sopra il livello del mare, ormai però è conosciuta e coltivata in tutto il mondo, soprattutto in America; di solito il suo sviluppo è arbustivo e raggiunge massimo un metro di altezza. In natura si sviluppa in ambienti aridi o rocciosi e a volte è facile vederla crescere solitaria tra i sassi in zone collinari o montane. Le foglie sono molto fitte e morbide, di un colore grigio-verde, ed emanano una forte fragranza se vengono toccate, infatti ricordano molto quelle della lavanda. La pianta ha un portamento tondeggiante, ha rami molto fitti e folti; in primavera, sulle cime dei fusti, nascono dei piccoli fiori gialli, anch'essi dal profumo aromatico.
Un esemplare di artemisia arborescens

MIMOSA PUDICA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,26€


Artemisia arborescens coltivazione

Una pianta di <em>artemisia arborescens</em> fiorita Per coltivare bene un’artemisia arborescens bisogna piantarla in una zona esposta ai raggi diretti del sole per diverse ore al giorno; tuttavia, la pianta può sopportare anche brevi periodi di ombra, così come tollera le gelate e il freddo, anche se nel caso in cui il gelo sia prolungato potrebbe perdere la parte aerea dei fusti, o potrebbero danneggiarsi le foglie. La siccità non è un problema per le piante adulte, ma per quelle giovani sì, dunque conviene annaffiarle con regolarità. Dopo qualche mese le radici avranno attecchito bene e si saranno espanse a sufficienza per trattenere le sostanze nutritive: a quel punto le irrigazioni possono diventare sporadiche, ricordando che il terreno non va mantenuto umido per troppo tempo. Il terreno ideale per questa pianta è fresco e soprattutto ben drenato.

  • piante giardino Le piante da giardino comprendono tutte quelle specie vegetali e floreali che possono avere una particolare funzione decorativa per il nostro giardino. La scelta di queste piante va fatta in base alle...
  • giardinaggio Il giardinaggio è quell’arte che si occupa della cura e della coltivazione delle piante negli spazi esterni e interni, pubblici o privati. Non a caso, più che tecnica, si preferisce definirlo un’arte...
  • piante giardino fiorite La natura, ogni giorno, ci regala tantissime specie di piante da usare nei nostri giardini. Piccole, grandi, erbacee, arbustive ed a fiore, le piante da giardino sono davvero infinite. Non è facile ...
  • fiori lantana La natura è meravigliosa per molti, moltissimi aspetti, uno su tutti è chiaramente l’incredibile varietà con cui essa si mostra a noi: infatti se inglobiamo tutto il mondo che ci circonda nel mondo na...

20 pc / sacchetto di melograno fiore pianta semi di casa deliziosi semi di frutta molto grandi e dolci per la casa pianta da giardino spuntano 95%

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Artemisia arborescens usi e cure

Foglie di artemisia arborescens L’artemisia arborescens, in realtà, non è una pianta molto diffusa nei giardini domestici. È poco conosciuta e anche poco ornamentale, è un arbusto tondo che produce fiori di una bellezza non paragonabile a quella di tante altre piante ben più utili a livello decorativo. Paradossalmente, l’artemisia è più decorativa senza fiori: per mantenere rigoglioso il fogliame, la pianta va potata dopo la fioritura, accorciando i rami che hanno prodotto infiorescenze. Vanno tolte poi anche le parti rovinate dalle gelate invernali. I fiori dell’artemisia sono molto usati per produrre creme, pomate e altri prodotti cosmetici ed erboristici; le foglie, invece, sono commestibili. L’arborescens non va mai confusa con l’artemisia absinthium, varietà facente parte sempre delle asteraceae con la quale si producono, oltre a prodotti erboristici, liquori come l’assenzio o il vermut.


Artemisia arborescens moltiplicazione

Una pianta molto sviluppata di artemisia arborescens Gli appassionati dell’artemisia arborescens possono moltiplicarla facilmente per ottenere nuove piantine da mettere a dimora. Bisogna prelevare i semini e interrarli in primavera, non a una grande profondità: le piante appena nate vanno tenute per qualche mese in vaso, poi possono essere messe a dimora. In estate, invece, si possono praticare delle talee, prelevando la parte apicale dei fusti che va poi piantata in un terriccio lavorato e mescolato con sabbia e torba nella stessa quantità. Nei primi tempi il terriccio va tenuto sempre umido per far sviluppare le radici, ma evitando irrigazioni eccessive che, al contrario, potrebbero far marcire l’apparato radicale. Questa pianta aromatica non viene quasi mai colpita da parassiti e malattie perchè è rustica e resistente: se tenuta bene può vivere a lungo.




COMMENTI SULL' ARTICOLO