Coltivazione in vaso della mimosa

Informazioni sulla specie

La mimosa è una pianta a portamento arboreo appartenente alla famiglia Mimosaceae. Il suo nome scientifico è Acacia dealbata e può raggiungere altezze notevoli, superando spesso i 15 metri. È originaria dell’Australia, ma attualmente risulta diffusa, anche come pianta spontanea, in buona parte del mondo grazie alla sua bellezza e resistenza. Il tronco è di colore grigiastro, affusolato e di diametro generalmente poco esteso. Le foglie si sviluppano in numero di circa 20 paia lungo i rametti apicali dei rami principali e sono costituite a loro volta da altre 30 paia circa di piccole foglie, di colore verde argenteo. I fiori sono piccoli, sferici ed eccezionalmente profumati, composti da piccolissimi filamenti intrisi di polline, raccolti in infiorescenze folte. Compaiono da febbraio a marzo, e in estate danno vita a dei frutti a forma di baccello lunghi più di 10 centimetri in cui sono rinchiusi i semi.
Infiorescenze di mimosa

PIANTA ALBERELLO DA FRUTTO ALBERO DI GELSO NERO 144.2

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,9€


Coltivazione in vaso della mimosa

Pianta di mimosa la riproduzione della mimosa avviene principalmente per semina, dal momento che le talee difficilmente radicano, o, per i più esperti, tramite innesto. Una volta prelevati i semi è possibile farli germinare in un piccolo vaso con terriccio universale e torba fine. Nel giro di poche settimane, a germinazione avvenuta, è già possibile scorgere la piantina all’esterno. Dopo un’altezza di circa 15 centimetri si può trasferire la pianta in un vaso più grande, dato che la mimosa ha comunque bisogno di ampi spazi per radicare. La specie è acidofila, quindi bisogna procurarsi un terriccio adatto e ben drenato mediante l’applicazione di pozzolana fine. Nelle zone a clima freddo la mimosa va riparata in serre o in verande chiuse, dato che teme le temperature sotto lo zero, mentre in estate, o in luoghi a clima temperato, resiste tranquillamente in giardino o in terrazzo: va posizionata alla luce diretta del sole e le innaffiature devono essere frequenti e costanti soprattutto in estate (la mimosa teme la siccità). Ogni 2-3 anni si avrà cura di travasarle in vasi sempre più grandi, stando bene attenti a non danneggiare o recidere le radici.

  • Fiori di Acacia Dealbata L’Acacia Dealbata è la varietà di Mimosa più conosciuta e diffusa nel nostro Paese, sebbene provenga dalla lontana Tazmania (Australia). E’ un genere di pianta sempreverde e mantiene il suo fogliame d...
  • un albero di mimosa La pianta di mimosa il cui nome scientifico è acacia ed appartiene alla famiglia delle Leguminose. Il nome di questo genere deriva dal greco "akakia" ed è stato usato per la prima volta da Discoride. ...
  • Una pianta di mimosa Il nome botanico della pianta di mimosa è Acacia dealbata: questo termine è nato dal fatto che i nuovi rami della mimosa presentano delle piccole macchie bianche. Le zone di origine di questa pianta s...
  • Un ramo di mimosa pudica La mimosa pudica è una varietà di mimosaceae originaria dell’America del sud. I suoi fusti sono di un marrone tendente al rosso, non hanno rami molto fitti e le loro foglie sono lunghe e costituite da...

Simulazione 14-fruttato corbezzolo bonsai salotto di casa decorazione ornamenti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37€


La potatura

Foglie di mimosa Soprattutto nei primi anni di vita della pianta la potatura è essenziale per controllare la crescita della mimosa in vaso ed evitare che la parte basale risulti spoglia; essa infatti tende a crescere molto, sviluppando rami di notevole lunghezza. Dopo la fioritura, quindi in aprile, si procede alla potatura utilizzando delle piccole forbici. I tagli devono essere netti e distanti dalla base dei rami circa 5-6 centimetri. Si consiglia inoltre di eliminare anche i rametti apicali secchi che, oltre a risultare poco estetici, compromettono la crescita di quelli nuovi. Spesso è necessario trattare le zone tagliate con dei prodotti appositi, per scongiurare l’eventuale attacco di microrganismi patogeni o insetti attratti dalla linfa. La potatura dovrà essere annuale durante gli stadi iniziali di crescita, dopodiché si potranno ridurre ad ogni due-tre anni.


Patologie e parassiti

acacia dealbata Sebbene risulti molto resistente anche agli agenti patogeni, la mimosa va monitorata per scongiurare l’attacco di malattie e parassiti. Non è raro, infatti, che le piante di mimosa (soprattutto quelle coltivate in vaso nei primi anni di vita) vengano attaccate da malattie a carico delle radici. La più comune è il marciume radicale provocato dai batteri del genere Phytopthora. I sintomi di questa infezione si manifestano all’esterno con ingiallimento delle foglie e dei rami, mentre le radici risultano marcescenti e maleodoranti. La prevenzione sta nel tenere il terreno ben drenato e mai fradicio, evitando pericolosi ristagni d’acqua. Per quanto riguarda i parassiti, invece, sono molto comuni afidi e cocciniglie che sovente infestano rami e foglie con colonie sostanziose. Prevenire questi attacchi è difficile, ma si può utilizzare un insetticida a base di piretro sia per la prevenzione che la cura, o sostanze chimiche adatte reperibili presso rivenditori specializzati.



Guarda il Video
  • mimosa in vaso Con il termine mimosa si indica comunemente un arbusto appartenente al genere delle acacie, in particolare l'acacia deal
    visita : mimosa in vaso

COMMENTI SULL' ARTICOLO