Corbezzolo malattie

Corbezzolo malattie

Sebbene sia una pianta molto resistente, il corbezzolo è spesso soggetto agli attacchi di diverse malattie che, se non curate tempestivamente, potrebbero danneggiarlo e addirittura causarne la morte. Essendo originario dell’area mediterranea, il corbezzolo predilige i climi caldi o miti, anche se riesce comunque a crescere a temperature più fredde. In ogni caso, è bene portare una particolare attenzione al terreno: se è troppo umido o troppo bagnato, infatti, il corbezzolo rischierà di essere colpito da malattie fungine. Per evitarle è opportuno annaffiarlo solo quando viene posto a dimora e poi solo in caso di caldo eccessivo o siccità estiva. Se viene tenuto in vaso, tuttavia, il corbezzolo va irrigato più di frequente, ma mai più di una volta alla settimana. Nel caso in cui i funghi attacchino la pianta, allora è fondamentale agire subito applicando un prodotto a base di rame o un prodotto specifico per queste patologie, purché sia di buona qualità.
Una pianta di corbezzolo

RECESKY alimentata solare fiore fatato luce laccio 7M 50 LED impermeabile Fiorire Natale lampada decorativa per scoperta, giardino, casa, Matrimonio, Natale Albero Partito di Capodanno (bianca)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€
(Risparmi 13€)


Corbezzolo malattie, i parassiti

Foglie di una pianta di corbezzolo malata Oltre alle malattie fungine, a dare problemi al corbezzolo sono i parassiti, in particolare gli afidi, che di solito attaccano e danneggiano il fogliame: in tal caso bisogna intervenire usando un prodotto insetticida specifico e non troppo aggressivo. Ci sono dei sintomi precisi che ci aiutano a individuare una malattia del corbezzolo: se, ad esempio, le foglie diventano progressivamente gialle o presentano delle macchioline sul dorso, allora significa che la nostra pianta ha contratto una malattia fungina. Se la malattia è allo stadio iniziale l’ingiallimento sarà solo superficiale, se invece il fungo si è espanso molto allora le macchie saranno più grandi ed evidenti e le foglie inizieranno a cadere. Oltre ai prodotti a base di rame, bisogna fare attenzione al terreno nel caso in cui il corbezzolo sia tenuto in vaso: in questi casi conviene concimarlo con un buon prodotto per fornigli il nutrimento necessario alla sopravvivenza.

    Bayer - Baycote Concime Acidofile

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,5€


    Corbezzolo cure

    Giovani esemplari di corbezzolo coltivati in vasoPer cercare di tenere sempre lontane le malattie, bisogna garantire al corbezzolo alcune cure fondamentali. Innanzitutto bisogna scegliere la posizione più adatta: questa pianta ama i luoghi soleggiati, ma cresce bene anche a mezzombra, soprattutto nelle aree con climi molto caldi. In generale, il freddo non è un problema per il corbezzolo, ma per le piante appena messe a dimora potrebbe esserlo: per i primi tempi è quindi consigliabile mettere al riparo le piantine nel periodo invernale, oppure coprirle con dei tessuti specifici per piante. Il terreno ideale del corbezzolo è roccioso, non troppo ricco di sostanza organica e soprattutto ben drenato: per favorire il drenaggio è utile unire al terriccio della pietra pomice. Bisogna poi ricordarsi che i ristagni d’acqua sono molto pericolosi, bisogna annaffiarlo solo se si verifica una siccità prolungata. In primavera, infine, bisogna concimarlo alla base per spronarne la crescita.


    Corbezzolo caratteristiche e moltiplicazione

    I frutti del corbezzolo Il corbezzolo può diventare un albero oppure può rimanere un arbusto, in ogni caso può raggiungere fino i dieci metri di altezza, anche se normalmente viene tenuto a un’altezza di cinque metri al massimo. Il fogliame è verde scuro e lucido ma la caratteristica interessante di questa pianta molto decorativa è la fioritura: avviene in primavera, quando sbocciano tanti fiorellini bianchi a forma di campanella. Poco dopo lo spuntare delle infiorescenze, crescono anche i frutti, che hanno una forma tonda, una superficie ruvida, un colore rossastro e un sapore molto dolce. Il corbezzolo si può propagare per seme oppure per talea: i semi vanno installati in primavera in un terreno composto da sabbia e torba in uguale quantità. Le talee, invece, è preferibile praticarle in estate, oppure in inverno se si vuole optare per una talea legnosa. Per i primi anni di vita, le nuove piantine vanno tenute al riparo preferibilmente all’interno, per poi essere messe normalmente a dimora nella terra.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO