Cotonaster

Caratteristiche principali del cotonaster

Il cotonaster, chiamato anche cotonastro, è un genere di piante che è stato importato dalla Cina. Appartiene alla grande famiglia delle rosaceae e comprende oltre cinquanta specie arbustive fra sempreverdi e a foglie caduche. Alcune sono caratterizzate da un portamento eretto mentre altre rimangono aderenti al terreno e vengono utilizzate per creare tappezzamenti striscianti. Il cotonaster salicifolius è uno dei più apprezzati. Presenta foglie molto piccole color vede scuro e in estate regala fioriture bianche dall'aspetto delicato. Ai fiori seguono i frutti nella stagione invernale costituiti da piccole bacche color roso carminio. E' una pianta rustica che si adatta rapidamente ad ogni situazione. Vive bene sia in pieno centro cittadino che in campagna.
Pianta di cotonaster

Vivai Le Georgiche Vitex Agnus-Castus (Agnocasto)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,6€


Coltivazione delle piante di cotonaster

Pianta di cotonaster piena di frutti rossiQuasi tutte le varietà di cotonaster sono rustiche e presentano un'elevata resistenza alle temperature al di sotto degli zero gradi centigradi. Possono essere piantate sia in terreni acidi che in quelli più basici ma deve essere prestata particolare attenzione ai ristagni d'acqua. Si adattano a qualsiasi condizione climatica e anche se messe a dimora in terreni poveri di sostanze nutritive, sopravvivono regalando ottime fruttificazioni. Il cotonaster è la pianta perfetta da collocare sui balconi di abitazioni ubicate nei centri urbanizzati perché l'inquinamento non ha alcun effetto sulla sua salute. Preferisce di gran lunga l'esposizione ai raggi diretti del sole mentre l'ombra completa inibisce il suo corretto sviluppo. Il suo apparato radicale è delicato perciò non ama i trapianti.

  • piantaperenne Le piante perenni hanno un periodo vegetativo illimitato e rispetto a quelle annuali e biennali producono fiori e frutti durante tutto l’anno, senza necessità di essere sostituite. Con questa caratter...
  • fiori lantana La natura è meravigliosa per molti, moltissimi aspetti, uno su tutti è chiaramente l’incredibile varietà con cui essa si mostra a noi: infatti se inglobiamo tutto il mondo che ci circonda nel mondo na...
  • Fiori di elleboro bianco L'elleboro bianco viene comunemente chiamato anche rosa di Natale. I suoi fiori sbocciano nel periodo compreso fra l'inizio del mese di dicembre e la fine di febbraio. Il suo genere comprende una tren...
  • Infiorescenze dell'amaranthus Le varietà di amaranthus attualmente presenti nel mondo sono alcune decine. Alcune sono perenni mentre altre annuali. Sono largamente diffuse in molti paesi e sono caratterizzare da foglie lanceolate ...

Lauroceraso Laurocerasus Pianta in vaso di Lauroceraso Laurocerasus - 10 Piante in vaso 7x7

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Potatura e moltiplicazione

I frutti della pianta di cotonaster La pianta di cotonastro non ha bisogno di frequenti potature. Tuttavia è buona pratica ridurre i rami troppo lunghi per dare all'arbusto una forma più elegante e meno sparuta. Inoltre una pianta troppo voluminosa tende a fruttificare meno e nel corso degli anni potrebbe addirittura smettere di produrre le caratteristiche bacche rosse. Per quanto riguarda la moltiplicazione, deve essere effettuata con le talee semi legnose. Vanno prelevate durante la stagione autunnale e subito messe a dimora in vasi piccoli riempiti con un terriccio ricco di sostanze nutritive e dotati di un eccellente drenaggio. Si può adoperare anche la tecnica della propaggine interrando un rametto dopo aver praticato sulla corteccia almeno un paio di incisioni alla fine di settembre.


Cotonaster: Parassiti e malattie tipiche

Pianta di cotonaster Le malattie di tipo fungino così come gli attacchi parassitari non sembrano interessare particolarmente questa pianta altamente decorativa. Tuttavia esiste un nemico molto temibile che in poco tempo può distruggere una pianta già ben radicata e con qualche anno di vita alle spalle: il colpo di fuoco batterico. Si tratta di una batteriosi che interessa la maggior parte delle rosacee soprattutto nella zona del Trentino Alto-Adige, del Veneto e dell'Emilia Romagna. Si manifesta prima sulle foglie con caratteristiche necrosi aventi forma rettangolare con il vertice in direzione del piccoli. i fiori diventano neri e i frutti, se presenti, iniziano poco a poco ad avvizzirsi. Non c'è cura per questa malattia ma si possono effettuare periodici cicli di profilassi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO