Fucsia fiore

Fiore fucsia origini

Il termine fucsia non intende solo il bel fiore di questa pianta, ma in botanica comprende oltre cento specie di piante diverse, arbusti a foglia caduca e arbusti sempreverdi, tutti originari del centro America, dell’America del Sud e della Nuova Zelanda. I botanici la studiarono per la prima volta alla fine del ‘600: il suo nome deriva dallo studioso tedesco Leonhard Fuchs il quale, oltre a dare il nome a questa singolare pianta, ha dato anche il nome al colore oggi detto, appunto, fucsia, una tonalità a metà tra il rosa e il viola. La fucsia ebbe subito un grande successo e si diffuse rapidamente in Europa, dove furono creati molti ibridi. Oggi in commercio si trovano sia fucsia di tipo arbustivo che diventano abbastanza grandi e sono adatte per il giardino, oppure fucsia annuali da coltivare in vaso che sono le più diffuse per ornare aiuole, balconi o terrazzi. Queste piante sono anche adatte per creare bordure colorate.
Una pianta di fucsia

2055698 Elho puro morbido rotondo Vaso di fiori fucsia alta 35 x 35 x 62 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 77,99€


Fiore fucsia caratteristiche

Un fiore di fucsia della varietà magellanica Le piante di fucsia sono molto ramificate: i loro rami sono semilegnosi e possono essere verde scuro oppure di un marrone quasi rosso; le foglie, invece, sono di un verde brillante, hanno una forma molto elegante ovale e il margine può essere o liscio o seghettato, a seconda del tipo. Le piante coltivate in vaso non superano mai i quaranta centimetri di altezza, mentre quelle coltivate ad arbusto possono arrivare anche a un metro e mezzo o anche di più, quando si tratta delle specie originarie. Ma la parte più particolare della fucsia è sicuramente il suo fiore: sboccia in primavera, ha una forma pendula e per questo viene anche chiamato orecchino o persino ballerina, perché il suo aspetto ne ricorda le sembianze; è composto da quattro lunghi sepali che formano una corolla a tubo, contornata da quattro petali. I fiori originari sono, appunto, di colore fucsia, ma grazie alle ibridazioni oggi si trovano anche esemplari dai boccioli rossi, arancioni, bianchi e lilla. Dopo i fiori, queste piante producono dei frutti, piccole bacche lunghe e carnose, contenenti i semi per piantare, volendo, nuovi esemplari.

  • La betulla appartenente alle latifoglie La betulla è una pianta appartenente alla famiglia degli alberi latifoglie, comunemente chiamati così per distinguerli dalle piante aghifoglie o dalle conifere. Il nome "latifoglie" infatti, sottoline...
  • I caratteristici fiori color porpora della magnolia liliflora nigra Il nome scientifico di questa pianta è magnolia x soulangeana: quella x tra i due termini indica che si tratta di un ibrido tra due diverse specie di origini cinesi, la magnolia denudata e la magnolia...
  • Due esemplari di camelia in vaso È pensiero comune che la camelia sia una semplice pianta da fiore, ma in realtà è un arbusto che può raggiungere anche i dieci metri di altezza. Elegante e maestosa, dai fiori variopinti, la camelia s...
  • Un bellissimo fiore di bocca di leone Il nome scientifico delle bocche di leone è Anthirrinum e la specie più diffusa nel mondo è la majus, quella che si incontra normalmente anche passeggiando in mezzo al verde. Si tratta di una pianta p...

2055681 Elho puro Vaso di fiori fucsia rotonda alta 35 x 35 x 43 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 44,99€


Fiore fucsia coltivazione

Un ibrido di fucsia dai petali bianchi Per vedere sbocciare il primo fiore della propria fucsia bisogna conoscere le sue esigenze e riuscire a trovare un equilibrio con il nostro clima, molto diverso da quello d’origine di questa specie. La fucsia deve stare in un luogo luminoso ma non esposta ai raggi solari diretti per troppe ore al giorno, per questo è preferibile scegliere una zona semiombreggiata per piantarla. Non tollera il freddo, per questo motivo nelle zone dagli inverni particolarmente gelidi va coltivata in vaso, per riporla in casa o in serra nei periodi freddi, perché il gelo può letteralmente distruggerne la parte aerea. Certamente la fioritura migliore per questa specie si ottiene nelle aree dal clima mite, non in quelle dal clima troppo freddo. Tuttavia, anche il caldo eccessivo può indebolire la fucsia, dunque è meglio ripararla all’ombra se l’estate è torrida. In ogni caso, essendo una pianta rustica e dunque molto resistente, anche se dovesse perdere la parte aerea, la fucsia ritornerà facilmente rigogliosa in primavera.


Fucsia fiore: Fiore fucsia cure

Un esemplare di fucsia coltivato in un vaso sospeso Per produrre il suo bel fiore, la fucsia ha bisogno di irrigazioni regolari nel periodo che va da marzo a ottobre, in special modo durante la fioritura. Il terreno non deve mai rimanere privo d’acqua per troppo tempo, perché la siccità è una grande nemica di questa specie esotica. Nel periodo autunnale e anche in quello invernale le irrigazioni devono diventare sporadiche, fino a interromperle del tutto nel caso degli esemplari coltivati all’aperto, ai quali saranno sufficienti le piogge. Durante la fase vegetativa bisogna concimare la pianta ogni due settimane circa, con un prodotto liquido da mescolare all’acqua della annaffiature. Il terreno ideale per la fucsia è morbido, organico e ben drenato, dunque è bene usare, oltre al normale terriccio per piante da fiore, anche un po’ di stallatico e una buona quantità di sabbia. La propagazione può avvenire in due modi: o tramite i semi, da interrare a fine estate tenendo presente che, però, le nuove piante non saranno uguali a quella madre; oppure per talea, da praticare sempre in estate asportando e piantando i fusti sui quali non sono sbocciati i fiori durante la primavera.


  • fucsia fiore Al genere fucsia appartengono circa un centinaio di specie di arbusti a foglia caduca o sempreverdi, originari dell’Amer
    visita : fucsia fiore

COMMENTI SULL' ARTICOLO