Hibiscus rosa sinensis

vedi anche: ibiscus

Hibiscus rosa sinensis origini e caratteristiche

Appartenente alle Malvaceae, l’hibiscus rosa sinensis è una pianta perenne e rustica che proviene dalla Cina, dove raggiunge fino ai dieci metri di altezza se coltivata a terra e fino ai tre metri se coltivata in vaso. Questa particolare piante ha delle foglie a punta dai margini seghettati e da un colore verde intenso e brillante, mentre i bellissimi fiori hanno una forma a imbuto e sono formati da cinque petali rossi. La fioritura avviene in estate, dunque nel periodo che va da giugno a settembre. All’interno di queste infiorescenze vi sono dei lunghi stami, sulla cui cima si formano cinque pistilli. L’hibiscus rosa sinensis è una pianta molto decorativa e raffinata, ideale per adornare giardini ma anche interni, come ad esempio salotti o studi; si tratta, infatti, di una specie che si adatta alle diverse condizioni di terreno, dunque può essere tranquillamente coltivata sia a terra che in vaso.
Il suggestivo fiore dell'hibiscus rosa sinensis

MAHONIA JAPONICA SOFT CARESS VASO 18CM sempreverde

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Hibiscus rosa sinensis coltivazione

Un bellissimo cespuglio di <em>hibiscus rosa</em> sinensis La coltivazione dell’hibiscus rosa sinensis deve essere attenta e scrupolosa se si vogliono ottenere risultati soddisfacenti. Se viene messo a dimora a terra, l’hibiscus ha bisogno di un terreno morbido, arieggiato e ben drenato, dunque conviene mischiare al terriccio anche un bel po’ di sabbia, materiale ideale per favorire il drenaggio. Questa pianta ama le posizioni molto luminose, ma è meglio non lasciare che sia esposta al sole per troppe ore al giorno; d’estate, in particolare, se la coltiviamo in vaso, conviene spostarla in un luogo riparato dai raggi solari diretti, soprattutto se viviamo in una zona dal clima estivo particolarmente caldo. In inverno, invece, bisogna tenere l’hibiscus a una temperatura che si aggiri tra i dieci e tredici gradi; se non è possibile tenerlo al riparo, è possibile che perda le foglie e in presenza di gelate potrebbe anche deperire fino a morire. Per questo motivo, se si vive in zona dal clima gelido in inverno, conviene tenere questa pianta sempre in casa, al massimo la si può mettere fuori durante i mesi estivi.

    Hangerworld- Set di sacchetti antitarme profuma biancheria alla lavanda (6 sacchetti)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,95€


    Hibiscus rosa sinensis cure

    Rami fioriti di una pianta di hibiscus rosa sinensis L’hibiscus rosa sinensis ha bisogno delle cure ordinarie che servono a qualsiasi altra pianta. Bisogna ricordarsi che le irrigazioni devono essere regolari in estate, ma bisogna versare l’acqua solo quando il terreno è perfettamente asciutto. Se fa particolarmente caldo è consigliabile anche vaporizzare il fogliame con dell’acqua. Una volta al mese è bene fornire all’hibiscus del concime specifico per questo tipo di piante, affinché gli fornisca le sostanze nutritive necessarie per avere un’abbondante fioritura e per far sì che i fiori siano di un rosso vivo. Negli esemplari di hibiscus giovani la potatura non è necessaria: questa pratica va effettuata solo a partire dal quarto anno d’età della pianta. Le potature dovranno avere l’obiettivo di contenere le ramificazioni, affinché la pianta mantenga un portamento eretto ed elegante e affinché la fioritura sia sempre bella e duratura.


    Hibiscus rosa sinensis moltiplicazione e malattie

    Una piantina di <em>hibiscus rosa sinensis</em> coltivata in vaso La moltiplicazione dell’hibiscus rosa sinensis può avvenire per semina o per talea. La semina va effettuata a luglio, interrando i semini in un terreno lavorato e formato da terriccio, sabbia e torba. La talea va effettuata in primavera: bisogna asportare un ramo giovane di circa dieci centimetri e bisogna metterlo a dimora in un recipiente pieno di terreno morbido, che andrà tenuto a una temperatura di circa venti gradi. Dopo l’attecchimento della pianta che avviene dopo qualche settimana, sarà possibile trasferire la talea in un altro vaso o a terra. Per mantenere bene l’hibiscus bisogna conoscere i suoi principali nemici, ossia la cocciniglia, gli afidi e il mal bianco. La cocciniglia è la responsabile delle macchiette marroni che si formano sulle foglie, problema che si può facilmente risolvere lavando il fogliame con dell’ovatta bagnata con acqua e alcool. In alternativa si possono usare dei prodotti specifici, utili anche per combattere gli afidi, parassiti che attaccano i germogli giovani e i boccioli. Il mal bianco, conosciuto anche come oidio, porta invece alla formazione di macchie bianche sul fogliame e va trattato con prodotti specifici.



    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO