La buddleia

Come irrigare la buddleia

Per l'irrigazione della buddleia, durante l'autunno e l'inverno, sono sufficienti le piogge, soprattutto se abbondanti; nel corso della stagione estiva, invece, bisogna annaffiare con regolarità e costanza, in particolare se si verificano periodi prolungati di siccità. La somministrazione d'acqua deve essere quindi effettuata sulla base delle precipitazioni e del clima. È assolutamente importante evitare i ristagni idrici, causa frequente di marciumi all'apparato radicale e, di conseguenza, di una debolezza progressiva della pianta. Nei giardini il metodo ideale di irrigazione è quello a goccia, chiamato anche per aspersione, grazie al quale è possibile indirizzare esili getti d'acqua alla superficie del terreno o all'area delle radici, in maniera continua o intermittente a seconda delle esigenze.
Pianta buddleia

Cespuglio di farfalla lavanda, 251 SEMI, BUDDLEIA DAVIDII, in crescita e FIORITURA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Come coltivare la buddleia

Fiori buddleja Questa pianta si moltiplica tramite semina o per talea semilegnosa; in entrambe le situazioni, l'impianto va eseguito in appositi contenitori riempiti di terriccio amalgamato con della torba e, in misura minore, con sabbia. La piantina, trascorso circa un anno, va trapiantata in giardino; questa operazione deve essere portata a termine con attenzione, per non danneggiare le radici. Il terreno consigliato è fertile, ben drenato e poco compatto. Prima della messa a dimora in pieno terreno, comunque, è fondamentale lavorare il suolo, così da rivoltare ed aerare le zolle, utilizzando una vanga o uno strumento analogo. Si raccomanda di praticare annualmente la potatura: vanno eliminati, con un attrezzo disinfettato, i rami malati, quelli secchi e quelli rovinati da fattori quali il freddo ed i parassiti.

  • Buddleja davidii Per quanto concerne le irrigazioni della Buddleja Davidii, è bene essere piuttosto parsimoniosi. Questa pianta, infatti, preferisce un clima secco ad un troppo umido. Le bagnature si rendono necessari...
  • Disegno botanico di buddleja madagascariensis La buddleia è una pianta appartenente alla famiglia delle buddlejaceae. Essa si presenta come un albero, o un arbusto, dalle infiorescenze che assumono la forma di lunghe pannocchie. Si trova diffusa,...
  • Infiorescenza dell'Albero delle farfalle Conosciuto più comunemente con il nome di Albero delle farfalle, le piante da giardino Buddleja davidii, sono una specie appartenente alla famiglia delle Scrophulariaceae. Originarie del Giappone e de...
  • giardinaggio Il giardinaggio è quell’arte che si occupa della cura e della coltivazione delle piante negli spazi esterni e interni, pubblici o privati. Non a caso, più che tecnica, si preferisce definirlo un’arte...

1 PIANTA DI BUDDLEJA DAVIDII WHITE CHIPS VASO DA 18CM Caducifoglia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


La concimazione

Buddleia giardino La fertilizzazione della buddleia va effettuata mensilmente nel periodo primaverile, in modo da ottenere una rigogliosa fioritura; l'ideale è un concime liquido da unire all'acqua delle irrigazioni. Questa operazione essenziale deve fornire i tre indispensabili macroelementi, ossia il potassio, il fosforo e l'azoto: una loro carenza sarebbe molto pericolosa e rallenterebbe notevolmente la crescita dell'esemplare, oltre a provocare la clorosi fogliare. Il potassio, infatti, interviene nella sintesi delle proteine e nella produzione di ATP, il fosforo nei processi del metabolismo e nel rafforzamento delle radici, l'azoto nell'accrescimento delle parti vegetative. Non meno importanti, comunque, sono microelementi come il magnesio, il manganese, il ferro ed il rame che, a loro volta, devono essere inclusi nel fertilizzante utilizzato.


La buddleia: Esposizione, parassiti, malattie e rimedi

Afidi verdi infestazione L'esposizione consigliata per questa pianta è luminosa, soleggiata e, in più, riparata dai venti freddi, i quali potrebbero causare danni anche gravi. Pericolosi, inoltre, sono parassiti come le cocciniglie e gli afidi: le prime determinano un diffuso ingiallimento del fogliame con conseguente disseccamento, i secondi succhiano la linfa rovinando foglie e germogli. In entrambi i casi sono altamente raccomandati rimedi naturali, come l'olio bianco minerale contro le cocciniglie ed il macerato d'ortica contro gli afidi. Possono verificarsi anche malattie fungine come i marciumi e la muffa grigia, provocati da un'umidità eccessiva e dai ristagni d'acqua: in questo caso, è necessario intervenire con prodotti anticrittogamici specifici e bruciare le parti colpite, così da evitare il diffondersi della malattia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO