Lavanda pianta

vedi anche: Lavanda

Lavanda piante

Lavanda: piante facili da coltivare, seminabili o riproducibili per talea. Perché dunque non averne una in ogni casa? La lavanda fiorisce tra primavera ed estate, e il periodo migliore per piantarla è tra aprile e giugno. Si tratta di una pianta molto resistente, che cresce poco in altezza ma si espande orizzontalmente. La si può trovare in tutta Italia, in particolare ad altitudini tra 800m e 1500m sul livello del mare, ma ad averne sfruttato l'immagine sono soprattutto il lago di Garda e la Toscana. Per la sua facile coltivazione e per la sua azione repellente nei contronti delle zanzare, la lavanda è una pianta amata e ottima da tenere anche solo sul balcone o sulla finestra durante l'estate. Dato che spesso ne cresce molta, si può far seccare e conservare come deodorante per cassetti o armadi.
Fiore di lavanda

Extragifts ecocube Lavanda - piante nel cubo di legno

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,99€


Lavanda pianta wikipedia

Lavanda su wikipedia Lavanda pianta wikipedia: la lavanda, ci dice wikipedia, si chiama tecnicamente Lavandula ed è una delle quaranta specie della famiglia delle Lamiaceae, piante dicotiledoni dell'ordine delle Lamiales. L'origine del nome riporta al verbo latino lavare: lavanda significa, letteralmente che deve essere lavata e questo rimanda a uno degli usi storici della lavanda, o lavandula, che in particolar modo nel Medioevo era utilizzata per la pulizia del corpo. Ancora oggi qualcuno usa la lavanda nella preparazione di detersivi fai da te, in particolare per detersivi per il bucato. Alcune gocce di olio essenziale di lavanda, aggiunti ad acqua, sapone vegetale (per esempio di Marsiglia) in scaglie, e bicarbonato di sodio, fanno un detersivo che lascerà il bucato profumatissimo.

  • Olio di tea tree L'olio di tea tree è un prezioso estratto di pianta arbustiva (nome botanico Melaleuca Alternifolia), ottenuto tramite distillazione a vapore delle foglie dell’arbusto: le qualità migliori vengono dis...
  • Aloe La psoriasi è una patologia epidermica di natura infiammatoria, che colpisce circa l’1% della popolazione mondiale ed è a carattere cronico. Si manifesta con la presenza, lungo tutto il corpo, di mac...
  • Sospensione integrale di pianta fresca La sospensione integrale di pianta fresca, da poco entrata in uso comune in fitoterapia e venduta prevalentemente sotto forma di crema, è una preziosa risorsa che permette di sfruttare al massimo tutt...
  • estratto secco compresse anticellulite Quella contro la cellulite è una battaglia che si ritrovano a combattere praticamente tutte le donne: anche se vine spesso considerata un semplice inestetismo nelle forme più leggere, si tratta di un ...

Lavanda Piantine Lavanda in Vaso 7x7 cm - 10 Piantine Lavanda in Vasetto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€


Lavanda piantare

Lavanda in vaso Lavanda: piantare tra aprile e giugno, annusare d'estate, proteggere d'inverno. Una volta piantata, la lavanda è una pianta annuale che però fiorisce d'estate. Diventa particolarmente rigogliosa se ben esposta al sole, ma non teme il freddo e per questo sopravvive facilmente all'inverno, anche se in caso di grandi gelate è meglio proteggerla. Se la si vuole coltivare in vaso, la varietà più adatta è quella francese, tra l'altro la più profumata. Sarà meglio scegliere un vaso ampio, perché la lavanda non sopporta la costrizione, e un terriccio generico miscelato a sabbia e concime calcareo. La lavanda non richiede innaffiatura frequenta, quindi per orientarsi bisognerà controllare il terreno, e innaffiare solo quando lo si trova secco. La lavanda può essere sia seminata che propagata per talea.


Lavanda pianta aromatica

Lavanda francese La lavanda, pianta aromatica diffusa in tutta Italia, è molto rustica e quindi facile da coltivare. La sua varietà più profumata è quella francese, riconoscibile per le sue foglie seghettate. La lavanda francese, il cui nome scientifico è Lavandula Officinalis, è quella che qualcuno definisce la "vera lavanda", proprio perché è la più aromatica. Altre varietà molto diffuse sono la Lavandula Stoechas, abbondante nei terreni silicei, la Lavandula Latifolia, più grande delle altre, la Lavandula Angustifolia, dalle foglie più piccole di quelle di altre varietà e presente anche in rosso, bianco o blu, la Lavandula Dentata, e poi numerosi ibridi chiamati Lavandini, che danno una maggiore resa in termini di olii essenziali e per questo sono più coltivate rispetto alle varietà pure.



Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO