Mimosa pianta

Mimosa pianta origini e caratteristiche

Il nome botanico della pianta di mimosa è Acacia dealbata: questo termine è nato dal fatto che i nuovi rami della mimosa presentano delle piccole macchie bianche. Le zone di origine di questa pianta sono in Australia e in Tazmania, anche se ormai è coltivata in tutto il mondo: in Europa arrivò nel 1900 e si diffuse subito come pianta ornamentale, grazie alla sua fioritura appariscente e profumatissima. La mimosa è una sempreverde, ha un portamento eretto ad alberello e nelle nostre zone raggiunge massimo i 10 metri d’altezza, mentre nel continente australiano tocca anche i 25 metri. Le foglie sono di un verde acceso, sono molto lunghe e formate da tante foglie più piccole che possono anche essere di colore diverso rispetto ai rami, a seconda della varietà. I bellissimi fiorellini di mimosa si presentano come piccole palline gialle che crescono a grappoli in modo molto abbondante, di solito da gennaio a marzo. La mimosa produce anche dei frutti lunghi massimo 10 centimetri che diventano scuri all’apice della maturazione per poi cadere. Il tronco di questa pianta, infine, è liscio e di un colore verde tendente al grigio.
Una pianta di mimosa

Pianta Di Acacia Dealbata Pianta Albero Acacia Dealbata Astone Di Mimosa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,9€


Mimosa pianta varietà

Un ramo fiorito di mimosa Non tutti sanno che in realtà la pianta di mimosa esiste in tantissime varietà diverse, ognuna con caratteristiche davvero particolari. La Pudica, ad esempio, è forse tra le più conosciute perché le sue foglie si ritraggono e si ripiegano su loro stesse se vengono toccate; tra le mimose a foglie composte da altre foglioline troviamo la baileyana, con fiori piccolissimi e foglie argentate, la purpurea, che ha le foglie appena nate di un colore rossastro, la gaulois, che è la specie più diffusa come fiore reciso da regalare a mazzi, la mirandole, originaria della Francia e con fioriture meno abbondanti, la virginia, che ha i fiori arancioni e la pendula che ha i rami ricurvi verso il basso. Tra le varietà a foglia unica e intera troviamo la retinoides, che fiorisce di continuo e che in molti paesi viene usata come arredo urbano per decorare i viali, la imperialis e la lisette, simili alla precedente ma con i fiori più grandi, la clair de lune, che ha rami curvi e la cultriformis, che è molto decorativa ma non ha i fiori.

  • Sorbus aucuparia Il Sorbo degli uccellatori (Sorbus aucuparia) appartiene alla famiglia delle Rosaceae e deve il suo nome al fatto che attraendo l’avifauna con le sue bacche, veniva piantato vicino agli impianti per l...
  • Divano per esterni Il giardino è uno spazio verde non solo del quale prendersi cura, ma anche dal quale farsi accogliere per trascorrere nel confort e nel relax il proprio tempo libero, in una dimensione tranquilla e ri...
  • Tavolo da giardino in legno Per un amante degli spazi all'aria aperta, il giardino non è solo un colorato angolo decorativo che introduce all'abitazione, ma è parte integrante dell'ambiente domestico nel quale vivere la propria ...
  • Ombrellone da giardino Con una spesa contenuta e poche semplici operazioni, è possibile ricreare zone d'ombra in qualsiasi giardino e in qualsiasi momento della giornata, grazie alle infinite varietà di ombrelloni presenti ...

2 pezzi Pianta Di Acacia Dealbata Pianta Albero Acacia Dealbata Astone Di Mimosa-

Prezzo: in offerta su Amazon a: 28€


Mimosa pianta coltivazione

fiori di mimosa La mimosa è una pianta da esterno perché è comunque un alberello e sta molto bene, ad esempio, vicino a un muro, così da ornare e riempire la parete di rami profumati e dal vivace colore giallo. Tuttavia, la mimosa può essere coltivata anche in casa in vaso, anche se non crescerà mai rigogliosa come quando viene posta a dimora a terra. Bisogna sapere che è una pianta che non tollera il freddo, dunque è difficile coltivarla in zone dal clima rigido, perché la temperatura non deve mai essere inferiore ai 15 gradi; le piante giovani temono anche il vento che potrebbe spezzare i sottili rami, dunque all’inizio è consigliabile porre dei sostegni alla base e accanto alla pianta. In ogni caso la mimosa deve stare in una posizione soleggiata; il terreno deve essere acido, ben lavorato e drenato a sufficienza. La moltiplicazione può essere effettuata per seme o per talea, operazioni da effettuare sempre a primavera.


Mimosa pianta cure e manutenzione

Un particolare dei fiori di mimosa La mimosa è una pianta che va concimata a inizio primavera e a inizio autunno: sin dalla messa a dimora, ogni tre anni massimo, al terreno va aggiunto dell’humus o dello stallatico. Per le mimose in vaso invece basta un normale concime liquido, da impiegare ogni due settimane nel periodo che va da maggio a settembre. Le annaffiature vanno effettuate solo ed esclusivamente quando il terriccio è ben asciutto, perché la mimosa soffre molto dei ristagni idrici. Solo in estate l’irrigazione deve essere più costante, ma mai eccessiva. Le piante adulte vanno annaffiate sempre sporadicamente, perché si accontentano dell’acqua delle piogge. Per quanto riguarda la potatura, bisogna farla sempre dopo la fioritura: potarla bene significa favorire lo sviluppo di nuovi germogli e anche conferire alla pianta una forma più elegante e definita. I rami secchi vanno tolti, mentre quelli più lunghi vanno accorciati: nel caso di piante giovani, conviene intervenire con un coltellino o con le mani, perché le cesoie potrebbero danneggiare i rami novelli e sottili, più fragili di quelli di una pianta adulta.



Guarda il Video
  • mimosa pianta Con il termine mimosa si indica comunemente un arbusto appartenente al genere delle acacie, in particolare l'acacia deal
    visita : mimosa pianta

COMMENTI SULL' ARTICOLO