Oleandro malattie

Le varie malattie dell'oleandro

Le patologie che interessano l’oleandro (nome scientifico: Nerium oleander) sono molteplici, spesso comuni anche ad altre specie vegetali. Tra le più comuni ed importanti oleandro malattie ricordiamo la fumaggine e la septoriosi, entrambe opera di funghi invasivi. La rogna dell’oleandro, anch’essa molto comune e caratteristica, è una malattia piuttosto comune causata da un batterio, lo Pseudomonas savastanoi. Oltre a queste patologie dirette, vi sono molti altri agenti esterni che vanno ad interferire con il regolare sviluppo dell’oleandro. Tra questi ricordiamo: gli afidi, i ragnetti rossi, le cocciniglie e diversi altri tipi di microrganismi. Spesso è facile capire quando l’oleandro è malato, di conseguenza si può intervenire per arginare o eliminare gli effetti di queste patologie, evitando anche di contagiare piante coltivate nelle vicinanze.
fumaggine oleandro

Swanley villaggio Nursery 40 x Potentilla Monarchs velluto Plug piante cespuglio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,88€


La septoriosi

Danni da septoriosi La septoriosi è una patologia causata da miceti appartenenti al genere Septoria, che parassitizzano la superficie fogliare delle piante causando delle caratteristiche macchie grigiastre spesso bordate di nero, simili a bruciature. La septoria oleandrina colonizza le foglie dell’oleandro e, una volta arrivata al picciolo, ne causa il distaccamento e la caduta precoce. Per prevenire la malattia c’è bisogno di evitare ristagni d’acqua sulle foglie durante le innaffiature. È bene usare, inoltre, un’acqua non troppo calcarea. Se la patologia è in atto si consiglia l’uso di prodotti antimicotici a base di rame, che intervengono direttamente sul microrganismo distruggendolo. Non sempre è necessario questo trattamento chimico, poiché se la malattia è superficiale e circoscritta solamente ad alcune foglie, basterà eliminarle tagliandole dal picciolo. Fare molta attenzione ed ispezionare bene la pianta senza lasciare alcun residuo, poiché questi funghi sopravvivono anche un intero anno sotto forma di spore.

  • Oleandro Nerium Oleander Di grande suggestione ed eleganza, l'oleandro è una pianta diffusa sin dall’antichità con funzione ornamentale, per via dei suoi fiori dal colore acceso. L’oleandro, o Nerium Oleander, è originario de...
  • Oleandro La pianta dell'oleandro è un arbusto sempreverde originario dell'Asia, ma che si è diffuso spontaneamente in tutto il bacino del mediterraneo. L'oleandro ha un portamento arbustivo, con il fusto che p...
  • Pianta dell'oleandro in fiore L'oleandro è un arbusto sempreverde che appartiene alla famiglia delle Apocynaceae, alla quale appartiene un'unica specie del genere Nerium. La pianta trae origine dall'Asia ma è riuscita a sviluppars...
  • Giovani oleandri coltivati in vaso e pronti per la vendita L’oleandro è un arbusto le cui origini sono da rintracciare in tutto il bacino del Mediterraneo. Oggi è ormai diffuso ovunque e in molte zone, anche in Italia, cresce ancora spontaneamente. Si tratta ...

Vivai Le Georgiche Magnolia Soulangeana

Prezzo: in offerta su Amazon a: 32,3€


La rogna dell'oleandro

Rogna dell'oleandro Altra patologia molto comune prende il nome di rogna dell’oleandro. Causata dal batterio Pseudomonas savastanoi, che può attaccare anche altre piante come ulivo, ligustro e gelsomino, provoca negli esemplari colpiti la comparsa di particolari tubercoli cancerosi di colore scuro, distribuiti su foglie, rami, fiori e addirittura frutti. Spesso attacca piante giovani, in pieno accrescimento, di rado si trova su esemplari vecchi. Penetra nei tessuti attraverso tagli accidentali, ferite e potature errate, diffondendosi rapidamente e portando la pianta ad indebolimento e fioriture sporadiche. Non esistono dei veri e propri rimedi contro questa patologia, tuttavia è possibile prevenire i suoi attacchi utilizzando prodotti a base di rame dopo la potatura e sterilizzando accuratamente le cesoie e le forbici destinate a questa pianta.


Oleandro malattie: Altri agenti patologici

Afidi dell'oleandro Molteplici sono le malattie dell’oleandro, alcune delle quali ad opera di varie specie di artropodi o funghi strettamente legati a loro. Non di rado l’oleandro viene attaccato dai ragnetti rossi, veri flagelli per moltissime varietà di piane. Essendo degli acari, si utilizzano acaricidi specifici per eliminarli dalla pianta ospite. Anche le cocciniglie fanno sfoggio di sé sulle foglie di oleandro, ed è facile riconoscerle dal momento che si presentano come dei piccoli batuffoli di cotone bianco o nero (da cui il nome di cocciniglie cotonose); per eliminarle bastano dei lavaggi con acqua e sapone neutro, oppure con un batuffolo di ovatta imbevuto di alcool. Se le colonie di cocciniglie sono molte, spesso c’è bisogno di recidere le foglie dove esse albergano. Gli afidi dell’oleandro (nome scientifico Aphis nerii) attaccano sia le foglie che i fiori e spesso sono presenti in quantità notevoli. Per risolvere il problema si può procedere utilizzando insetticidi specifici, oppure ricorrere alla lotta biologica con le coccinelle (nemici naturali degli afidi). La fumaggine, ad opera di funghi, è strettamente correlata agli afidi che producono la melata.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO