Pitosforo nano

Origini e caratteristiche generali del pitosforo nano

Il pitosforo nano, conosciuto anche con il nome di pittosporum tobira nanum, è un arbusto sempreverde originario dell'Asia e diffuso prevalentemente in Cina, in Taiwan e in Giappone. L'arbusto, dalla forma cespugliosa e tondeggiante, è di piccole dimensioni, così come suggerisce il nome: la sua altezza raggiunge al massimo il metro, mentre la larghezza non supera il metro e mezzo. Le foglie del pitosforo nano hanno una forma stretta e allungata e si presentano in un brillante verde acceso. Le infiorescenze hanno una colorazione che varia dal bianco al giallo ed emanano una fresca fragranza di arancio. L'arbusto è di semplice coltivazione, poiché sopporta bene il freddo, il caldo e la siccità. Per via del suo aspetto gradevole, il pitosforo nano è solitamente utilizzato come pianta ornamentale.
Pitosfori nani coltivati in vaso

XWG Cuscini / Grande Indietro Pad / cotone testiera imbottita Schienale / Letto matrimoniale sul cuscino / letto cuscino per schienale / cuscino del divano Cuscino / cuscino staccabile cuscini ( Colore : Arancia , dimensioni : 150X22X50CM )

Prezzo: in offerta su Amazon a: 115,98€


Esposizione, innaffiatura e concimazione del pitosforo nano

Pitosforo nano pienamente sviluppato Il pitosforo nano ama la luce diretta del sole, ma ben si adatta alla penombra. Le temperatura ideale per il completo sviluppo dell'arbusto oscilla tra i dieci e i venti gradi, anche se il pitosforo nano resiste in modo eccellente a temperature al di sotto dello zero termico. Per quanto riguarda l'innaffiatura, l'arbusto va irrigato con frequenza settimanale durante la primavera e l'estate, così da ottenere abbondanti infiorescenze. Durante i periodi più freddi, al pitosforo nano è sufficiente l'acqua piovana. Quando si effettua l'innaffiatura, è necessario evitare il ristagno dell'acqua, che potrebbe provocare dei seri rischi per la salute dell'arbusto. La concimazione va eseguita due volte l'anno: all'inizio della stagione primaverile e in piena estate. Si consiglia l'utilizzo di un fertilizzante organico a lenta cessione.

    Salcar Catene luminose LED 5 metri solare catena leggera include 20 fiore di ciliegio illuminazione decorativa per le celebrazioni della festa di Natale (bianco caldo)

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,99€
    (Risparmi 5,92€)


    Terriccio, rinvaso e moltiplicazione del pitosforo nano

    Infiorescenze del pitosforo nano Il terriccio da utilizzare per la coltivazione del pitosforo nano deve essere formato da torba, da sabbia e da terra da giardino, elementi che favoriscono il perfetto drenaggio dell'acqua, essenziale per mantenere in perfetta salute l'arbusto. Il pitosforo nano può essere coltivato sia in giardino che in vaso, utilizzando il medesimo tipo di terriccio. Per quanto riguarda il rinvaso, l'operazione va effettuata ogni due anni, sostituendo il vaso qualora non risulti più in grado di contenere l'arbusto. La moltiplicazione del pitosforo nano avviene generalmente per talea. È sufficiente tagliare, possibilmente durante la primavera, dei piccoli rami dall'albero, lunghi circa dieci centimetri. Successivamente è necessario posizionare i rami in apposite cassette, da esporre a una temperatura mite. Non appena avviene la radicazione, la pianta può essere messa a dimora in vasi da otto o da dieci centimetri.


    Pitosforo nano: Cura e prevenzione del pitosforo nano

    Foglie del pitosforo nano La potatura del pitosforo nano è un'operazione da effettuare annualmente, eliminando i rami spezzati o malati e correggendo eventuali difetti di crescita dell'arbusto. Il periodo consigliato per effettuare la potatura è quello primaverile, preferibilmente tra aprile e maggio. Il pitosforo nano è soggetto agli attacchi della cocciniglia e degli afidi. Nel primo caso è possibile intervenire utilizzando del cotone imbevuto di alcool, da strofinare accuratamente sulla zona colpita, altrimenti è possibile ricorrere a un anticoccidico, sciacquando successivamente la pianta con abbondanti dosi di acqua. Per quanto riguarda gli afidi, i quali si nutrono della linfa dell'arbusto, rendendolo appiccicoso, si suggerisce di utilizzare un apposito insetticida, utile sia per prevenire gli attacchi che per l'eventuale cura.


    Guarda il Video
    • pitosforo Il Pitosforo (Pittosporum ssp.) è un arbusto o un piccolo albero, in natura ne esistono varie specie, originarie dell’Af
      visita : pitosforo

    COMMENTI SULL' ARTICOLO