Pittosporum

Pittosporum

Il Pitosforo è una pianta sempreverde, a carattere di arbusto o di piccolo albero, che appartiene alla famiglia delle Pittosporaceae. La pianta ha origine in Africa, in Asia, in Australia e nelle Isole del Pacifico. Le foglie del Pitosforo hanno una forma a spatola, generalmente raggruppate in mazzetti, soprattutto nella parte apicale. La colorazione è verde scura lucida con una venatura di colore più chiaro. I fiori di pitosforo sono di piccole dimensioni, con una consistenza carnosa e una colorazione bianca. Le infiorescenze sono raggruppate in racemi o in pannocchie e maturano in primavera. La forma della pianta tende ad essere tondeggiante, anche se con adeguate potature potrebbe assumere forme diverse. Successivamente alla fioritura vengono prodotte delle bacche con una consistenza semi legnosa che contengono dei semi fertili circondati da una polpa abbastanza resinosa.
Piante di pitosforo in vaso

Vivai Le Georgiche PITTOSPORUM TOBIRA NANUM (PITTOSPORO O PITOSFORO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,8€


Carattersistiche del pitosforo

Fiori di pitosforo Il pitosforo è una pianta che riesce a crescere in maniera corretta sia per la creazione di siepi e di barriere sia per la coltivazione in vaso su balconi o su terrazzi. È una pianta ornamentale e che presenta fiori molto profumati. La crescita della pianta è piuttosto lenta, risulta essere molto longeva e presenta una particolare resistenza a potature anche particolarmente invasive. Grazie a queste caratteristiche sono state selezionate anche delle varietà nane oppure con foglie variegate e con particolari colorazioni. Il pitosforo è una pianta sufficientemente resistente tanto che potrebbe svilupparsi anche lungo i litorali, quindi in presenza di aria e di terreni abbastanza salmastri. Essendo una pianta rustica è anche in grado di resistere in presenza di inverni molto freddi e abbastanza prolungati.

  • Foglie pitosforo Questa elegante pianta è in grado di tollerare periodi di siccità, purché non siano eccessivamente lunghi e le temperature non siano troppo alte; se si vuole ottenere una fioritura rigogliosa, però, è...
  • Frutto di Bergamotto Il bergamotto appartiene alla famiglia delle Rutacee, al genere Citrus ed alla specie bergamia.È un piccolo albero, alto 3-4 m, con un tronco dritto a sezione rotonda e ben ramificato ed una cortecc...
  • Frutti di Asimina L’asimina appartiene alla famiglia delle Annonacee, al genere Asimina ed alla specie triloba. È una pianta originaria degli Stati Uniti, è diffusa in alcuni stati del nord e costituisce fitte boscag...
  • Frutti di Corbezzolo Il corbezzolo appartiene alla famiglia delle Ericacee, al genere Arbutus ed alla specie unedo. È un piccolo albero sempreverde a lenta crescita, alto mediamente 5-7 m, con una forte attitudine pollo...

Vivai Le Georgiche PITTOSPORUM TENUIFOLIUM VARIEGATUM (PITTOSPORO O PITOSFORO)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Coltivazione del pittosporum

Foglie di pitosforo Il pittosporum è una pianta che predilige posizioni particolarmente soleggiate, oppure di mezz'ombra. In caso vengano poste in una zona completamente ombreggiata, le piante, avrebbero uno sviluppo sicuramente non adeguato. In caso vengano messe a dimora in una zona che presenti inverni molto freddi e con parecchio vento, sarebbe opportuno provvedere a mettere al riparo le piante per evitare subiscano danni. Le giovani piante, appena messe a dimora necessitano di abbondanti annaffiature, soprattutto durante il periodo primaverile ed estivo, in modo da favorire l'attecchimento delle radici. Da evitare assolutamente i ristagni idrici che potrebbero provocare dei marciumi radicali. Le piante già adulte non necessitano di annaffiature, infatti è sufficiente la quantità d'acqua fornita dalle precipitazioni.


Cura del pittosporum

Siepe di pitosforo Il pittosporum necessita di essere fertilizzato verso la fine dell'inverno, utilizzando del concime granulare a lento rilascio, in modo che vengano forniti i corretti sali minerali. Le piante in vaso necessitano ogni 3 anni circa di essere rinvasate, impiegando del terriccio universale adeguatamente drenato, con aggiunta di torba e sabbia. Il pitosforo è una pianta che soffre particolarmente l'umidità. Il pitosforo sopporta bene la potatura che dovrebbe essere effettuata nel mese di aprile, tagliando i rami troppo lunghi e ridisegnando la forma desiderata della pianta. In caso di coltivazione a siepe si potrebbe procedere, nei mesi compresi tra aprile e giugno, con il pareggiamento delle piante in modo da creare una struttura armoniosa e compatta. Il pitosforo è particolarmente resistente, ma potrebbe essere attaccato dalla cocciniglia oppure dall'oziorrinco.




COMMENTI SULL' ARTICOLO