Viola del pensiero

L'irrigazione delle viole

La viola del pensiero, se coltivata in giardino, ha bisogno di annaffiature costanti durante i periodi di siccità, soprattutto in estate; se, al contrario, le piogge sono frequenti, si raccomanda di limitare le irrigazioni per non incorrere in ristagni d'acqua. Questi ultimi sono acerrimi nemici della pianta, poiché causano marciumi alle radici e malattie fungine. La somministrazione di risorse idriche, di conseguenza, deve essere praticata sulla base della stagione e dell'andamento delle precipitazioni. Se, invece, la coltivazione avviene in vaso ed in un ambiente chiuso, le annaffiature vanno effettuate con più regolarità: è importante, ad ogni modo, lasciar asciugare il terreno tra un'operazione e l'altra. Si consiglia di adoperare acqua povera di calcare, possibilmente quella piovana o demineralizzata.
Fiori viola del pensiero

ASTONISH I semi della confezione: 100Pcs miscela di colore Portulaca Grandiflora semi Bonsai semi di fiore Giardino UTAR

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


La coltivazione

Viole del pensiero Questa pianta può moltiplicarsi sia tramite semina sia per talea; si suggerisce di effettuare un primo impianto in un recipiente contenente terriccio misto a torba e ad un po' di sabbia, e di eseguire successivamente il trapianto in un vaso più grande o direttamente in giardino. Il terreno indicato è fertile, ben drenato e morbido, anche se in generale questa specie si adatta con facilità a numerose tipologie di suolo. In giardino, prima della messa a dimora, è opportuno estirpare le erbe infestanti; queste ultime potrebbero ostacolare la crescita della pianta e determinare condizioni sfavorevoli al suo sviluppo. La potatura non deve mai essere massiccia, ma è essenziale limitarsi a rimuovere le foglie ed i fiori secchi utilizzando cesoie pulite, disinfettate ed affilate per non dar luogo a infezioni.

  • viola1 Il nome “Viola” ricorda due cose: una donna con questo nome e una splendida pianta a fiore nota per il suo elevato valore ornamentale. Noi ci occuperemo proprio della pianta, conosciuta ed apprezza...
  • VIOLA DEL PENSIERO La leggenda narra che una freccia di Cupido cadde su di una viola del pensiero, pertanto donarne una è un segno di grande amore.E' una pianta minuta che però ricorda grandi sentimenti, si dice che i...
  • Un esemplare di viola Ogni fiore ha un suo significato e anche la viola ne ha uno, anzi, più di uno. In realtà, esistono tantissime specie di viola: viola alba, viola africana, viola bertolonii, viola blanda, viola calcara...
  • Il fiore della viola Il fiore della viola è storicamente sempre stato apprezzato perché è piccolo ma assai delicato e molto profumato. Le popolazioni orientali, per esempio, erano solite usare dei petali di questo fiore d...

HONIC Green Nuova Zelanda Semi di Lino Phormium TENAX Landscaping FIORITURA Pack 50 Seed

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


La concimazione

Viole fiori Per quanto riguarda la fertilizzazione, si consiglia di fornire alla pianta un concime granulare a rilascio lento, tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate; può essere molto utile, tuttavia, integrare anche un fertilizzante liquido, specifico per piante fiorite, da somministrare insieme all'acqua delle irrigazioni ogni mese circa. L'importante è garantire alla pianta gli elementi di cui ha bisogno per uno sviluppo ottimale, ovvero il potassio ed il fosforo; è fondamentale anche l'azoto, ma esso deve essere presente in misura minore nel concime adoperato, in quanto se sovrabbondante potrebbe causare una crescita eccessiva delle parti vegetative a discapito della fioritura. Il potassio è necessario per supportare la sintesi delle proteine e la produzione di ATP, mentre il fosforo favorisce il metabolismo e la radicazione.


Viola del pensiero: Esposizione, parassiti e malattie

Infestazione afidi verdi La viola del pensiero predilige un'esposizione soleggiata, collocata al riparo dai venti intensi; può svilupparsi anche a mezz'ombra, ma in questo caso la fioritura sarà meno rigogliosa. Tra i parassiti, la pianta teme in particolare gli afidi e le cocciniglie, entrambi estremamente fastidiosi: i primi rovinano il fogliame ed i germogli, succhiano la linfa e frequentemente rappresentano un veicolo di numerosi virus, le seconde determinano l'ingiallimento e la caduta delle foglie dell'esemplare colpito. Come rimedi si suggeriscono il macerato d'ortica per combattere gli afidi e l'olio bianco minerale per debellare le cocciniglie, in entrambi i casi soluzioni naturali. Un'umidità eccessiva può provocare, per di più, malattie fungine, marciumi e muffe, che richiedono appositi prodotti fungicidi.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO