Yucca elephantipes

Come irrigare la

yucca elephantipes

La Yucca elephantipes, durante la stagione estiva, ha bisogno di frequenti annaffiature; l'operazione va svolta con costanza, in particolare se si verificano lunghi periodi di aridità. Si raccomanda di procedere prima dell'alba o dopo il tramonto del sole, e di effettuare periodicamente delle nebulizzazioni fogliari. Queste ultime, tuttavia, non devono mai essere praticate più di due volte alla settimana: se eccessive, infatti, nelle fasi più calde dell'anno possono provocare delle bruciature al fogliame. In inverno si suggerisce di limitare le irrigazioni, oppure di sospenderle del tutto qualora le precipitazioni si rivelino particolarmente abbondanti; la pianta, infatti, risentirebbe dei ristagni d'acqua, ed andrebbe incontro a marciumi dell'apparato radicale e ad un progressivo e globale indebolimento.
Yucca elephantipes

Closer to Nature Artificiale 4ft Yucca Plant - seta artificiale Impianti e Albero Gamma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,38€


Consigli per la coltivazione

yucca elephantipes

Yucca pianta La Yucca elephantipes, apprezzata in particolare per il suo fogliame decorativo, si moltiplica tramite semina oppure attraverso la divisione dei polloni; in alternativa, è possibile reperire nei vivai degli esemplari giovani da allevare. L'impianto va effettuato in un contenitore di medie dimensioni; trascorsi dodici mesi, la pianta deve essere trapiantata in un recipiente più grande, per non ostacolare la crescita delle radici, oppure direttamente in pieno terreno. Il suolo ideale è ricco di sostanza organica, leggero, morbido e ben drenato. Questa pianta, in più, è molto sensibile al freddo: di conseguenza, nel periodo invernale è opportuno ripararla, tramite l'utilizzo di teli, dal gelo eccessivo. A tale scopo è conveniente pacciamare annualmente il terreno, per realizzare una maggiore protezione.

  • Disegno botanico di buddleja madagascariensis La buddleia è una pianta appartenente alla famiglia delle buddlejaceae. Essa si presenta come un albero, o un arbusto, dalle infiorescenze che assumono la forma di lunghe pannocchie. Si trova diffusa,...
  • Arbusto di Mirto tipico della macchia mediterranea Il Mirto Tarantino è un arbusto sempreverde, che fa parte della famiglia delle Myrtaceae, che comprende 4000 specie di piante, tra cui anche l’Eucalipto Australiano. Originario della Persia è diffuso ...
  • Foglie lucenti di Aralia Le piante ornamentali del genere denominato Aralia, si caratterizzano per le grandi foglie di colore verde scuro e di forma palmato-lobata. Sono più di sessantotto le specie appartenenti alla famiglia...
  • Infiorescenze piumose di Cortaderia Le varietà di piante denominate Cortaderia, conosciute anche come erba delle Pampas, si caratterizzano per l'aspetto esotico e sono appartenenti alla famiglia delle Poaceae. Erbacee sempreverdi, il fo...

Chilli Pepper (Capsicum) Tomato (Solanum) fertilizzante liquido hightech NPK, radice, Fertilizzante, terreno, foglie, piante

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,85€


La concimazione della pianta

Fiori yucca La fertilizzazione della Yucca elephantipes deve essere svolta dall'inizio della primavera fino al termine dell'estate; si consiglia di somministrare del concime liquido ogni quindici giorni circa, insieme all'acqua utilizzata per le irrigazioni. Il prodotto va selezionato sulla base della composizione chimica del terreno: è necessario che non vi sia mai carenza di potassio, azoto e fosforo, i macroelementi indispensabili per uno sviluppo ottimale dell'esemplare coltivato. In caso contrario, infatti, si verificherebbe una crescita più lenta del normale, oltre ad una probabile clorosi fogliare. In autunno e in inverno la concimazione deve essere interrotta, così da non somministrare alla pianta sostanze nutrienti durante il riposo vegetativo. Se possibile, il fertilizzante deve contenere anche elementi secondari come il magnesio ed il ferro.


Yucca elephantipes: Esposizione, parassiti e malattie

Pianta yucca La Yucca elephantipes predilige le esposizioni luminose e riparate dai venti intensi e dal freddo eccessivo; non sono tollerate le temperature al di sotto dei -10°C. Un altro pericolo è rappresentato dalle infestazioni di parassiti come gli afidi ed i ragnetti rossi, acerrimi nemici delle piante ornamentali. Entrambi tendono a colpire le foglie e i germogli: i primi provocano diffuse perforazioni in quanto succhiano la linfa, i secondi determinano la formazione di zone necrotiche sulle aree attaccate. Un ottimo rimedio naturale è il macerato d'ortica, molto semplice da preparare ed altamente efficace. I marciumi delle radici e del fogliame e l'oidio sono, inoltre, malattie fungine piuttosto frequenti, causate il più delle volte da un'umidità sovrabbondante e curabili con appositi fungicidi a base di zolfo o rame.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO