Euphorbia tirucalli

L'euphorbia tirucalli: caratteristiche della specie

Nella flora popolare italiana l'euphorbia tirucalli è una delle 32 specie citate dal botanico Otto Penzing. Questo arbusto rustico assume nomi dialettali differenti a seconda delle regioni e a volte anche solo della provincia di appartenenza. In particolare questa pianta è originaria dell'Africa meridionale. Col tempo la specie inselvatichita si è diffusa anche nell'America centrale e più tardi anche in Europa. In natura esistono diverse specie di euphorbia. Da quelle rustiche a quelle spontanee, da quelle succulente a quelle da fiore. Alcune specie di questa affollatissima famiglia di piante sono davvero antichissime e addirittura se ne trovano tracce nei reperti fossili del Cretaceo. Plinio, nei suoi scritti, fa cenno alle piante di euphorbia come pianta preziosa nella medicina di allora per i diversi usi cui si destinava il succo lattiginoso.
euphorbia tirucalli in Africa

PIANTE GRASSE VERE ASSORTITE DA 20 PZ DIAMETRO 5.5 MONDONATURA SRL

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€


euphorbia tirucalli

fiori di euphorbia tirucalli L'euphorbia tirucalli ha fusto e steli succulenti, se non fosse per l'assenza delle areole che sono tipiche dei Cactus, potrebbe essere confusa con le piante grasse tipiche del genere Cereus. L' euphorbia tirucalli è dunque una pianta succulenta che non sopporta temperature inferiori agli 8 - 10 gradi. Si moltiplicano per talea di stelo da preparare nei mesi caldi estivi, lasciandole asciugare 48 ore prima di interrarle in un terriccio di torba e sabbia a 20-25 gradi costanti. Appena le piante saranno radicate, bisogna trasferire le giovani piantine in vasi che coltiverete come qualsiasi altra "pianta grassa". Il terriccio migliore è costituito da sabbia (due parti) e terriccio fertile alquanto umizzato (una parte). L' euphorbia tirucalli è una pianta che richiede molta luce, va annaffiata con regolarità.

    T4U rotondo in plastica Piante Grasse Vaso Vasi fiori pianta decorazione per casa, ufficio o giardino, Marmo grigio, plastica, Dark Grey, small

    Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,93€
    (Risparmi 14,26€)


    L'euphorbia tirucalli: l'esposizione al sole

    arbusti di euphorbia tirucalliL'euphorbia tirucalli come tutte le piante che si sviiluppano in un clima subdesertico preferisce le posizioni ben soleggiate. Più ore la pianta trascorre alla luce diretta del sole più cresce sana e priva di malattie. Le piante coltivate, in casa, infatti devono essere posizionate vicino ai balconi o alle finestre in modo da godere dell'esposizione diretta della luce solare. Essendo una pianta dalle origini africane teme il gelo invernale, quindi se si tiene fuori, è il caso durante i mesi invernali di metterla a riparo. Vi sono specie di questa grande famiglia, che vivono in condizioni precarie e in zone del tutto desertiche o comunque in terreni sterili e aridi, habitat caratteristico delle specie succulente. L'euphorbia tirucalli coltivata in piena terra può arrivare a sfiorare i 4-5 metri di altezza.


    Euphorbia tirucalli: L'euphorbia tirucalli: fioritura e malattie

    euphorbia tirucalli in  terra L'euphorbia tirucalli fiorisce soltanto in estate. I suoi fiori sono di piccole dimensioni insignificanti esteticamente e sottesi da piccolissime brattee gialle o verdi. Gli esemplari di questa pianta coltivati in vaso si mantengono, quasi sempre, tra i 100- 150 centimetri di altezza. La pianta quando viene recisa emette una sostanza lattiginosa alquanto tossica se viene a contatto con la pelle umana e con le mucose. Se si hanno animali, in casa, è consigliato fare attenzione che non mordicchino la pianta. E' consigliabile per le piante che vivono in casa travasarle ogni due anni. L'euphorbia tirucalli è una pianta rustica molto forte anche agli attacchi dei parassiti e delle malattie in genere. Suoi principali nemici sono il ragno rosso, le afidi e le cocciniglie. Parassiti altamente nocivi che vanno combattuti con prodotti specifici da acquistare nei vivai o nei negozi specializzati.


    Guarda il Video

    COMMENTI SULL' ARTICOLO