Lingue di suocera

Lingue di suocera: informazioni generali

Le lingue di suocera sono delle piante succulente ed epifite le quali si differenziano dalla pianta di Natalina per il periodo di fioritura; dalla primavera all’estate la prima e da novembre a gennaio la seconda. La lingua di suocera è conosciuta con il nome scientifico di Schlumbergera o Epiphyllum ed è un esemplare perenne e sempreverde. La lingua di suocera predilige un’esposizione semiombreggiata e al riparo da correnti d’aria. Appartenendo alla famiglia delle cactacee presenta esigenze colturali molto simili a quelle delle piante grasse più note. Proviene dalle regioni del sud e del centro America (Brasile), comprende circa cinque specie, secondo il tipo di appartenenza, la lingua di suocera può raggiungere altezze di dieci centimetri e fino a sessanta centimetri circa. Il nome lingua di suocera deriva dalla struttura dell’apparato fogliare.
Esemplare di lingua di suocera in vaso

Bakker Sansevieria Futura Superba - Altezza alla consegna 30-40 cm, Ø 12 cm vaso.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€


Lingue di suocera: descrizione

Dettaglio lingua di suoceraLe lingue di suocera sono degli esemplari succulenti e tali devono essere trattati. Nonostante i luoghi tropicali di provenienza possono essere coltivate in vaso all’interno della propria abitazione, ricordando di seguire corrette pratiche colturali con lo scopo di avere degli esemplari sempre rigogliosi e in salute. La parte aerea di questa epifita è costituita da delle foglie succulente, di un verde acceso e unite tra loro a formare una sorta di ramificazione che con lo sviluppo tende verso il basso; i bordi sono molto irregolari. Durante la stagione primaverile ed estiva, in cima dell’ultima e verde foglia si sviluppano delle infiorescenze molto particolari dal colore rosso, arancio o carminio. Secondo la specie che si decide di coltivare si possono notare delle crescite molto diverse tra un tipo e l’altro: alcune specie raggiungono un’altezza di circa dieci centimetri, mentre altre sono in grado di arrivare fino a sessanta centimetri circa.

  • lingua di suocera dai fiori rossi Quella che comunemente chiamiamo lingua di suocera è in realtà una pianta grassa il cui nome botanico è epiphyllum. Si tratta di una pianta esotica che presenta dei fusti appiattiti e sottili, con i b...
  • piantegrasse Con il termine piante grasse si indicano delle specie vegetali in grado di immagazzinare grandi quantità di acqua e di utilizzarle in periodi di grande siccità. Queste piante, in realtà, non si chiama...
  • Adenium L'adenium è una pianta particolarmente indicata per la coltivazione in appartamento, in quanto di notevole effetto decorativo e sensibile alle temperature troppo rigide. La principale particolarità de...

Vivai Le Georgiche AGAVE AMERICANA VARIEGATA

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12€


Lingue di suocera: coltivazione

Epiphyllum La coltivazione delle lingue di suocera è molto semplice, basta fare attenzione alle irrigazioni, concimazioni, alla conformazione del terreno e attuare delle cure preventive per allontanare malattie o aggressioni ad opera di parassiti vegetali e animali. Le concimazioni devono avvenire dal momento in cui inizia la formazione dei boccioli e fino alla sfioritura. Non ha bisogno di potature se non eliminare parti della pianta danneggiate o affette da malattie localizzate in piccole zone. Ogni qualvolta lo necessiti questa succulenta viene rinvasata durante la stagione primaverile. La riproduzione avviene mediante talea, il terriccio deve essere composto di torba, sabbia a grana grossa e del terriccio di foglie; in questa maniera si crea un composto leggero e drenante in grado di evitare l’insorgere di marciumi radicali. Infine, per quanto riguarda le temperature, come la Natalina anche la lingua di suocera predilige esposizioni a temperature comprese tra i 15 e i 18 °C le quali scendono a 10 °C per un mese se si vuole favorire la fioritura.


Lingue di suocera: malattie e riproduzione

Muffa grigia Nonostante ci si prenda molta cura delle lingue di suocera, esse possono essere aggredite da parassiti o si può assistere all'insorgenza di malattie dannose per la succulenta. Tra i primi pericoli c’è il marciume radicale; se non preso in tempo mediante il controllo delle irrigazioni e del terriccio, l’epifita va incontro a morte certa. Gli acari agiscono a livello del fogliame, nutrendosi della linfa e portando al disseccamento della regione aerea. La muffa grigia produce una sorta di polverina di colore grigio, la cocciniglia ricopre la pianta con una sorta di sostanza cotonosa e appiccicosa. Entrambe si eliminano manualmente mediante l’uso di un batuffolo di cotone imbevuto in acqua e alcol. Per quanto riguarda la riproduzione, essa avviene mediante talea. Per la recisione del ramo dalla pianta madre è necessario utilizzare degli strumenti disinfettati e ben affilati. Prelevata la talea, si lascia asciugare per qualche ora e infine s’interra in torba, terriccio di foglie e sabbia.




COMMENTI SULL' ARTICOLO